IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Cosa serve davvero per avere un edilizia sostenibile

Cosa serve davvero per avere un edilizia sostenibile

Norbert Lantschner, padre fondatore del protocollo CasaClima, illustra le azioni da attuare per contare su un patrimonio edilizio efficiente e sostenibile

A cura di: Andrea Ballocchi

Norbert Lantschner ci spiega cosa serve per avere un'edilizia sostenibile

 

La sostenibilità è fondamentale oggi, per invertire la rotta o quantomeno arginare i danni provocati dal riscaldamento globale. Siamo in grave in ritardo sulla questione, sottolineava non molto tempo fa l’Ipcc.

 

Occorre quindi intervenire a migliorare la situazione, partendo dall’edilizia. Questo settore energivoro deve diventare NZEB prima possibile. “Pensare sostenibile” è quindi fondamentale.

 

Norbert Lantschner ci spiega cosa serve per avere un'edilizia sostenibileNe è convinto Norbert Lantschner, fondatore del progetto e del protocollo CasaClima, che ha dato questo titolo al suo intervento in occasione di Klimahouse. E lo spiega così: «Prima di mettere in atto interventi è fondamentale pensare, e solo poi progettare e costruire. Serve un background culturale che tenga conto delle sfide da affrontare, la prima delle quali riguarda il clima. Per questo serve una cultura legata alla sostenibilità. Sappiamo quanto sia importante collegarla al settore edilizio». Lantschner comprende, nel suo pensiero, anche la sostenibilità sociale: «oggi l’uso intelligente dell’energia si rivela un grande aiuto per le famiglie, alle prese con le difficoltà economiche e con la fatica di dover far fronte alle bollette. Penso, in particolare, al 16% degli italiani che non riesce a riscaldare casa: è la povertà energetica e affligge più di 9 milioni di persone».

 

A che punto siamo in Europa e in Italia in tema di edilizia sostenibile?

Siamo lontani dagli obiettivi stabiliti a livello europeo sia al 2020 sia al 2030. La riduzione del fabbisogno energetico e la necessità di fare efficienza energetica dovrebbero trovare riscontro nei due settori più energivori: edilizia e trasporti. Nel mondo edile scontiamo un grave arretrato: pensiamo alle nuove costruzioni, dove ancora oggi il termine NZEB è pressoché sconosciuto. Tutto ciò è paradossale: l’obiettivo di costruire near zero energy building risale infatti al 2010.

Anche se consideriamo detrazioni fiscali ed ecobonus, malgrado statistiche positive, ancora troppo poco è stato fatto. Entro il 2030 dovremmo sottoporre a riqualificazione energetica il 70-75% del nostro patrimonio immobiliare, costruito dal Dopoguerra. Non ci stiamo nemmeno avvicinando all’obiettivo ed è una grave perdita, considerando che riscaldare condomini in classi energetiche infime significa una forte dipendenza energetica ai fossili e ai Paesi fornitori.

E a proposito di benessere e del comfort abitativo?

Non ne parliamo. Ancora oggi in Italia esistono case con  spifferi, muffa, umidità, tutti fattori che mettono a rischio la salute dei residenti. Per questo, a maggior ragione, occorre accelerare per rispondere agli impegni presi per un’edilizia davvero sostenibile.

Gli strumenti e le soluzioni ci sono, come abbiamo potuto vedere anche a Klimahouse: non ci dobbiamo inventare nulla. Però non ci sono applicazioni sufficienti.

 

Quali sono le azioni concrete da eseguire per avvicinarsi quanto meno agli obiettivi posti dall’UE in tema efficienza energetica in edilizia?

L’Italia sconta un grande problema di mancanza di consapevolezza sul tema da parte della classe dirigente: non abbiamo mai avuto un Governo sensibile a queste tematiche.

 

Per accelerare e rispondere alle sfide ci sono tre strumenti da attuare:

  • le prescrizioni per creare un’agenda che fissi impegni per intervenire sul patrimonio costruito;
  • gli incentivi, fiscali e finanziari, per permettere alle famiglie che oggi non hanno più le risorse economiche di contare su un modello casa nazionale di prefinanziamento. Questo punto è di pertinenza pubblica che ha tutto l’interesse a riqualificare l’esistente. Lo Stato avrebbe tutto da guadagnarci contando su un’indipendenza energetica oltre che su una migliore qualità dell’aria. La riqualificazione energetica dovrebbe essere una priorità nazionale tanto quanto la rigenerazione urbana delle nostre città;
  • la comunicazione e il coinvolgimento dei cittadini. È uno strumento trascurato. Eppure abbiamo dimostrato con l’esempio del progetto CasaClima che esso è in grado di sprigionare energie straordinarie, comprovato oggi dall’esempio del Trentino Alto Adige dove si conta su un elevato standard delle costruzioni proprio perché è stata generata una partecipazione attiva dei cittadini, coinvolti mediante un’azione comunicativa efficace. 

Quindi servono leggi, finanziamenti, ma serve anche una forte spinta culturale per creare consapevolezza e generare un atteggiamento propositivo.

 

A proposito di incentivi: cosa serve di più o meglio rispetto a quanto già c’è oggi?

Innanzitutto non mi pare corretto dare un bonus che non tiene conto della riqualificazione e della qualità energetica dell’intervento. Parlo in particolare delle detrazioni fiscali al 50% che non tiene conto dei requisiti minimi da rispettare. Inoltre serve un’azione che premi nella misura in cui si ottenga il massimo risultato, attuando una visione di lungo termine, contando su benefici in caso di reale efficienza energetica.

È necessario anche uno strumento fiscale: la tassazione dell’immobile dovrebbe tenere conto della classe energetica. Ciò valorizzerebbe gli edifici virtuosi. In questo modo gli stanziamenti finanziari si concentrerebbero sui risultati effettivi e non sarebbero parcellizzati su interventi che non guardano al complesso, all’involucro edilizio che è il cuore dell’intervento di riqualificazione.

 

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
11/02/2019

Nel 2017 il 18,3% dei consumi in Italia coperti da rinnovabili

Nel 2017 gli 787.000 impianti a fonti rinnovabili presenti in Italia hanno coperto il 35% della produzione lorda di energia. Il Rapporto del GSE.     Cresce il ruolo delle rinnovabili in Italia, nel 2017 infatti il 18.3% dei consumi energetici ...

08/02/2019

Gli ultimi 4 anni sono stati i pi caldi di sempre

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto un'azione urgente per il clima, mentre l'agenzia meteorologica dell'ONU conferma il record di riscaldamento globale     Dopo l'allarme lanciato dal rapporto ...

07/02/2019

La crescita di fotovoltaico ed eolico in Europa

Agora Energiewende e Sandbag hanno presentato la valutazione annuale del sistema elettrico dell'UE per il 2018: lo scorso anno l'elettricità rinnovabile ha ridotto del 5% le emissioni di CO2 nel settore energetico dell'Unione, con la progressiva ...

06/02/2019

Le citt diventano intelligenti e sostenibili

Presentati al Klimahause di gennaio gli interventi realizzati a Bolzano e Innsbruck nell’ambito del progetto Sinfonia: edifici riqualificati, fonti rinnovabili, migliorie alla rete di teleriscaldamento     I risultati del progetto europeo ...

06/02/2019

Presentata in Commissione UE la proposta per il Piano nazionale integrato Energia e Clima

Una nota del Ministero dell'Ambiente fa sapere che la proposta di Piano Nazionale Energia e Clima è stata presentata in Commissione UE: al 2030 rinnovabili al 30% e riduzione dei consumi energetici del 43%.     Il Piano stabilisce le ...

05/02/2019

A che punto la tecnologia digitale nella filiera dell'energia?

A Milano il 14 febbraio la presentazione del Digital Energy Report per fare il punto su potenziale delle tecnologie digitali, con particolare attenzione a smart city e smart community     L'Energy&Strategy Group del Politecnico di ...

31/01/2019

6 grafici per spiegare le azioni climatiche da intraprendere entro il 2020

Il think tank World Resources Institute (WRI) ha preparato un documento che aiuta a capire come rispettare l'obiettivo di limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5°     I paesi firmatari dell'accordo di Parigi si sono ...

29/01/2019

Per lefficienza energetica dei data center europei servono meno risorse ma utilizzate meglio

La quantità di energia utilizzata dai data center nel mondo è sempre più oggetto di attenzione. Tuttavia, è possibile tagliare la spesa energetica in modo rapido e funzionale senza dover aumentare gli investimenti   Di ...