IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > FV nel 2015: cosa è successo nel mondo?

FV nel 2015: cosa è successo nel mondo?

Questo mese ITALIA Solare propone un’analisi del mercato FV nel mondo liberamente tratta e ispirata dai report di due agenzie internazionali, REN21 e IRENA, e dell’Energy Strategy Group del Politecnico di Milano.

A cura di: ITALIA Solare


2015: Un anno di dismissione dei combustibili fossili

Il movimento di disinvestimento dalle fonti fossili ha acquisito uno slancio significativo nel 2015. La quantità di disinvestimenti nel 2014 era pari a USD 50 miliardi, ma il numero è salito a USD 2,6 trilioni prima della COP21 - e di USD 3,4 trilioni nel corso della Conferenza.

I fondi pensione dei Paesi Bassi, Norvegia e California stanno abbandonando il settore dei combustibili fossili, come lo sono i fondi di investimento del settore privato. Come risultato, il valore degli assett nel carbone è in calo in tutto il mondo, con alcuni prezzi delle azioni di società scesi fino al 90% nel corso del 2015.


In parte a causa delle nuove normative sulle emissioni e in parte per i segnali del mercato, numerosi paesi e regioni di tutto il mondo hanno chiuso o prevedono di chiudere impianti a carbone.


Ontario, nel Canada, è stato carbon-free nel 2015 per la prima volta nella storia moderna. Austria, Finlandia, Francia, Portogallo, e Regno Unito potrebbero completare l'uscita graduale dal carbone entro il prossimo decennio.


La Germania ha deciso di ridurre di un terzo la produzione di lignite della gigante miniera a cielo aperto, Garzweiler II, spostando la sua data di chiusura alla fine degli anni 2030. Gli Stati Uniti programmano di chiudere 200 impianti a carbone, e in Cina il consumo del nero-inquinante ha raggiunto il suo picco.

2015: Un nuovo anno record per il fotovoltaico

Il FV ha vissuto nel 2015 un altro anno di crescita record, con un mercato annuale in crescita del 25% rispetto al 2014. Sono stati installati oltre 50 GW - equivalenti a una stima di 185 milioni di moduli - portando la capacità globale totale a circa 227 GW. Anche se i tre principali mercati nel 2015 hanno accolto la maggior parte delle capacità aggiunta, la globalizzazione è proseguita con nuovi mercati in tutti i continenti.


Fino a poco tempo, la domanda era concentrata nei paesi ricchi; ora, i mercati emergenti in tutti i continenti hanno iniziato a contribuire in modo significativo alla crescita globale, soprattutto dove la domanda di elettricità è in crescita, ovvero nei paesi in via di sviluppo. Allo stesso tempo, però, molti ex mercati da gigawatt in Europa hanno installato poca o nessuna capacità nel 2015. L'espansione del mercato nella maggior parte del mondo è dovuto in gran parte alla crescente competitività del solare fotovoltaico, così come a nuovi programmi governativi i quali, consapevoli delle potenzialità del solare fotovoltaico, cercano di attenuare l'inquinamento e le emissioni di CO2.

L'Asia ha eclissato tutti gli altri mercati per il terzo anno consecutivo rappresentando circa il 60% delle nuove installazioni. Ancora una volta, la Cina, il Giappone e gli Stati Uniti sono stati i primi tre mercati, seguiti dal Regno Unito. Nella “top 10 list” figurano inoltre l'India, la Germania, la Corea del Sud, Australia, Francia e Canada. Alla fine del 2015, tutti i continenti (esclusa l'Antartide) hanno installato almeno 1 GW, e almeno 22 paesi ha avuto 1 GW o più di capacità. I leader per il solare fotovoltaico per abitante sono stati la Germania, l'Italia, il Belgio, il Giappone e la Grecia.

 

Dopo tre anni consecutivi in flessione, il mercato FV in Europa nel 2015 è tornato a crescere anche se molto al di sotto del picco bel 2011 (22 GW). Le nuove installazioni sono state di circa 7,5 GW portando la capacità totale a quasi 95 GW. Tre paesi - il Regno Unito (3,7 GW), Germania (1,5 GW) e Francia (0,9 GW) - hanno rappresentato oltre il 75% della nuova capacità collegata alla rete. Altri paesi che han contribuito alle nuove installazioni sono Olanda (450 MW) e Italia (290 MW). La Spagna, che ha guidato il mercato globale nel 2008, è praticamente scomparsa a causa di cambiamenti politici retroattivi e una nuova tassa sull’autoconsumo.

 

La corsa alle installazioni del Regno Unito, dovuta alla fine delle sovvenzioni e ai tagli della FIT, ha portato la capacità totale di 9,1 GW. Da notare che nel 2015 la generazione elettrica da fotovoltaico ha superato quella idroelettrica.

Il mercato annuale della Germania è sceso di nuovo (23% rispetto al 2014) a livelli di circa un decennio fa, e ben al di sotto dell'obiettivo annuale della legge sulle energie rinnovabili (EEG) di 2,5 GW.

L'Europa è diventata un mercato difficile per diversi motivi. La regione sta passando da incentivi FIT alle aste e al feed-in premium per i sistemi su larga scala, e all'uso del fotovoltaico per l'auto-consumo in applicazioni residenziali commerciali. Inoltre, la domanda di energia elettrica è stagnante e l’utility tradizionali stanno facendo pressione per mantenere la loro posizione. Ne consegue che il ripensamento del mercato dell'energia elettrica è sempre più importante così come la necessità di implementare nuovi modelli di business.

Il mercato fotovoltaico in Italia nel 2015

Il volume complessivo di potenza fotovoltaica installata è di 18.610 MW a fine 2015, grazie alla nuova potenza installata di circa 290 MW.

Il valore del mercato delle nuove installazioni è stato pari nel 2015 a circa 558 mln €.

Il mercato residenziale ha pesato per oltre 284 mln € (circa il 51% del totale), rappresentando il 55% della potenza installata, mentre gli impianti di taglia pari o superiore a 1 MW hanno ricevuto nel 2015 investimenti per solo 15 mln €.

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
05/10/2018

- 17% per fotovoltaico, eolico e idroelettrico nei primi 8 mesi del 2018

Anie Rinnovabili ha pubblicato l'Osservatorio FER di agosto che mostra ancora un calo, -17%, delle installazioni nei primi 8 mesi dell'anno rispetto al 2017.      Nel periodo gennaio-agosto 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, ...

03/10/2018

La Cina sperimenta per la prima volta finestre fotovoltaiche e isolanti

I ricercatori della South China University of Technology hanno sviluppato un prototipo di finestra fotovoltaica in grado di svolgere due funzioni differenti e molto importanti: produrre energia ed isolare termicamente.   a cura di Tommaso ...

28/09/2018

Blockchain al servizio della digital energy

Il settore energetico è protagonista di una vera e propria trasformazione digitale, verso un modello di produzione decentralizzata e distribuita di energia elettrica, in cui gli acquisti e le vendite di energia elettrica saranno certificati ...

28/09/2018

Le osservazioni di Anie Rinnovabili sullo schema di Decreto FER

ANIE Rinnovabili, che ha analizzato la bozza di Decreto ministeriale di incentivazione alle FER, esprime molta soddisfazione per la programmazione su base triennale e la possibilità di installazione di moduli fotovoltaici a seguito della bonifica da ...

24/09/2018

Detrazione del 50% per sistemi di accumulo collegati al fotovoltaico

L'Agenzia delle Entrate rispondendo all'interpello di un contribuente ha chiarito che l'acquisto di un sistema di accumulo collegato al fotovoltaico, sia contestuale che successivo all'installazione dell'impianto solare, dà diritto alla detrazione del ...

21/09/2018

Monitoraggio GSE delle fonti rinnovabili nelle regioni italiane

Il GSE ha pubblicato i dati statistici sui consumi di energia rinnovabile nelle Regioni italiane, con monitoraggio degli obiettivi burden sharing.        Ai sensi del Decreto Legislativo 28 del 3/3/11 e del Decreto 11/5/2015 del ...

11/09/2018

Bozza nuovo decreto rinnovabili con incentivi al fotovoltaico

Sta girando in questi giorni la bozza del nuovo Decreto Rinnovabili, già approvata da Ministro dello Sviluppo Economico, che prevede incentivi per gli impianti alimentati da rinnovabili, tra cui il fotovoltaico per il periodo 2018/2020 e introduce il ...

10/09/2018

A luglio le rinnovabili coprono il 36,6% della domanda di energia. In calo il fotovoltaico

A luglio 2018 la domanda di energia è aumentata dell’1,3% rispetto allo stesso mese del 2017. Tengono le rinnovabili grazie alla buona performance dell'idroelettrico (+13,9%); calano fotovoltaico, eolico e ...