IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Rhinoceros-Wall per la riqualificazione energetica degli edifici

Rhinoceros-Wall per la riqualificazione energetica degli edifici

Wood Beton prosegue la marcia verso l’industrializzazione spinta del processo produttivo edilizio e a Rebuild ha presentato un’altra interessante novità. L’obiettivo è riqualificare il patrimonio immobiliare dal punto di vista energetico, sismico e impiantistico, con un sistema innovativo per il settore italiano delle costruzioni

A cura di: Pietro Mezzi

Rhinoceros Wood: La produzione in stabilimento dei pannelli prefabbricati

 

Wood Beton di nuovo alla testa dell’innovazione e dell’industrializzazione del settore edilizio. Dopo i Moxy Hotel di Malpensa e Linate, è ora la volta di Rhinoceros-Wall, il modello industrializzato di adeguamento sismico, energetico e impiantistico degli edifici residenziali e industriali.

 

La prima presentazione pubblica è avventa a fine maggio a Rebuild  e a proporla al pubblico della manifestazione trentina è stato proprio Giovanni Spatti, amministratore delegato dell’azienda bresciana.

 

Rhinoceros Wood: Il montaggio in cantiere

Il montaggio in cantiere

 

Rhinoceros-Wall, nelle due versioni Wood Steel, è stato ideato per la riqualificazione energetica e antisismica degli edifici esistenti non sottoposti a vincolo. Il primo, Wall, è adatto a essere utilizzato in edifici mono e plurifamiliari fino a tre piani di altezza; il secondo, Steel, serve invece gli edifici industriali e le palazzine residenziali fino a sette-otto piani di altezza. Il primo adotta un sistema costruttivo industrializzato in legno, il secondo in acciaio.

 

Rhinoceros-Wall è stato studiato per usufruire delle agevolazioni previste dal sisma-bonus (con recupero fiscale fino all’85% del totale in cinque anni) e dall’ecobonus per gli adeguamenti energetici e impiantistici (recupero fiscale fino al 65% in dieci anni).

 

Il pannello prefabbricato del Rhinoceros Stell

Il pannello prefabbricato del Rhinoceros Stell

 

L’idea di Spatti nasce dalla constatazione dell’attuale situazione, in base alla quale, in Italia, gli interventi di ammodernamento energetico, impiantistico e sismico non vengono realizzati così come invece sarebbe necessario fare per mettere in sicurezza il patrimonio immobiliare del nostro Paese. E ciò a causa di alti costi, tempi lunghi di esecuzione, disagio da parte degli utenti e lavori non svolti sempre in condizioni di sicurezza.

 

I componenti del sistema Rhinoceros Wood

I componenti del sistema Rhinoceros Wood (foto e disegni Wood Beton)

 

“L’utilizzo del sistema Rhinoceros-Wall - ha sostenuto l’ad di Wood Beton - riduce tempi di esecuzione, costi, disagi e consente agli operai di lavorare in sicurezza. E questo permetterà di realizzare un gran numero di interventi”.

 

Il sistema messo a punto negli stabilimenti di Iseo prevede la realizzazione di un esoscheletro multifunzionale che, con la posa di un solo elemento, permette di adeguare l’edificio dal punto di vista sismico ed energetico, in tempi brevi, con impianti ispezionabili e di realizzare un intervento secondo i principi dell’economia circolare.

 

Con Rhinoceros-Wall due sono le modalità di intervento: graduale e radicale. Nel primo caso, si mantengono fondazioni, copertura e impianti e si installano le nuove pareti; nel secondo, si rifanno le fondazioni, la copertura, gli impianti e si posano le nuove pareti. Adottare una o l’altra soluzione dipende dalle esigenze del cliente.

 

In pratica, l’intervento parte con la realizzazione di elementi prefabbricati accostati tra loro, così da riprodurre in stabilimento la parete prefabbricata destinata a essere incastrata in fondazione e collegata puntualmente alla parete perimetrale dell’edificio da ristrutturare.

 

Rhinoceros Wood: adeguamento dell’edificio esistente per ospitare i pannelli industrializzati

L’adeguamento dell’edificio esistente per ospitare i pannelli industrializzati

 

Passaggio importante del processo è l’analisi dell’esistente, che avviene con l’utilizzo di un drone o di un laser scanner

 

Il rilievo di un edificio ottenuto con l’utilizzo di un drone o di un laserscanner

Il rilievo dell’edificio ottenuto con l’utilizzo di un drone o di un laserscanner

 

Da qui si passa alla settorializzazione dei dati raccolti e al disegno tridimensionale, poi al progetto strutturale ed energetico dell’esoscheletro, successivamente ai disegni costruttivi di produzione e di montaggio, alla produzione degli elementi in stabilimento, al trasporto in cantiere e al montaggio dei componenti.

 

Rhinoceros Wood: Il trasporto dei pannelli in cantiere

Il trasporto dei pannelli in cantiere

 

Gli elementi base di una facciata su cui intervenire si compongono del modulo prefabbricato, dello strato isolante, del cunicolo verticale per il passaggio degli impianti, dei mezzi di ancoraggio alla fondazione e al cordolo esistente, della piastra di regolazione posta al piede e del modulo di tamponamento rimovibile (un pannello leggero con finitura identica alle pareti).

 

Rhinoceros Wood: Il montaggio dei pannelli in cantiere

Il montaggio dei pannelli in cantiere

 

Il rifacimento della copertura è opzionale; è comunque realizzabile attraverso sistemi costruttivi industrializzati.

 

Rhinoceros-Stell: montaggio in cantiere degli elementi di copertura

Il montaggio in cantiere degli elementi di copertura

 

All’interno del cavedio viene integrata o sostituita la rete di distribuzione impiantistica verticale. Per quanto riguarda la presenza di balconi, tale elementi vengono rimossi e sostituiti una volta posizionati i pannelli verticali.

 

Rhinoceros Wood: Il cunicolo di passaggio degli impianti

Il cunicolo di passaggio degli impianti

 

Una delle prime realizzazioni con la versione Wood è avvenuta a Pizzo, in provincia di Bergamo, per un’abitazione privata degli anni Sessanta.

 

La prima applicazione di Rhinoceros Wood a Pizzo in provincia di Bergamo su un edificio degli anni Sessanta

La prima applicazione di Rhinoceros Wood a Pizzo in provincia di Bergamo su un edificio degli anni Sessanta

 

Il modello Steel si differenzia dal precedente per la presenza di un telaio in acciaio, fissato al modulo prefabbricato in calcestruzzo, e di un isolante in lana di roccia. Anche in questo caso sono previsti il cunicolo verticale per il passaggio degli impianti, i mezzi di ancoraggio alla struttura esistente, il giunto tra i moduli prefabbricati e il modulo di tamponamento rimovibile.

 

Il primo intervento con la versione Steel è avvenuto a Costa Volpino, sempre in provincia di Bergamo, su un edificio degli anni Settanta.

“Il sistema che abbiamo messo a punto - conclude Spatti - che sta avendo un rapido sviluppo, ottimizza i costi, crea nuovi posti di lavoro con centri di produzione distribuiti sul territorio, standardizza i criteri di progettazione e produzione e, infine, alza i livelli di qualità e di sicurezza”.

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
22/11/2019

DOCET per la certificazione: disponibile la nuova versione del software

ENEA e CNR hanno predisposto la versione aggiornata del DOCET, il software per la certificazione energetica degli edifici esistenti, che permette la trasmissione degli APE ai sistemi informativi predisposti dalle Regioni attraverso il file di ...

21/11/2019

Architettura di qualità per l’adattamento climatico

Ecco un esempio di come le città esposte al rischio inondazioni possono, con l’aiuto dell’architettura, affrontare le conseguenze del cambiamento climatico. Amburgo, importante porto commerciale sul Mare del Nord, per difendere la ...

14/11/2019

A Praga il grattacielo più alto della città ispirato ai cambiamenti climatici

Soprannominato TOP TOWER, il progetto di grattacielo dalla visione apocalittica sui cambiamenti climatici ha suscitato non poche polemiche per il suo forte impatto visivo: l’edificio incorpora una grande nave alla deriva durante un ...

13/11/2019

A ZHA il progetto dell’hub ferroviario di Tallin

Il progetto del nuovo terminal di Ülemiste in Estonia verrà realizzato dallo studio londinese di Zaha Hadid Architects. Sarà il punto di partenza della linea Rail Baltic, la ferrovia di 870 chilometri che unirà la capitale estone al ...

12/11/2019

Svezia: il primo museo della scienza a emissioni zero alimentato da energia a pedale

Visitare il museo e pedalare per alimentarlo. La città universitaria di Lund, in Svezia, ospiterà il primo museo della scienza alimentato esclusivamente dall’energia solare e dall’energia cinetica prodotta dalle pedalate delle ...

08/11/2019

Seconda certificazione Leed Platinum per il grattacielo Intesa Sanpaolo

Dopo aver ottenuto nel 2015 la certificazione Leed Platinum, il grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino è il primo in Europa ad aver ricevuto la seconda certificazione LEED Platinum per la categoria ‘gestione sostenibile ...

07/11/2019

Benessere e comfort avvolti nel legno

Una casa sull'albero realizzata secondo i criteri della bioedilizia che invita a vivere a contatto con la natura protetti dai rami di un meraviglioso Nussbaum. A breve sul tetto sarà installato un impianto fotovoltaico con sistema di ...

06/11/2019

Gse: online il portale dell’autoconsumo fotovoltaico, la presentazione ufficiale oggi a Key Energy

Nel corso del convegno dal titolo “Gli strumenti del Gse a favore della transizione energetica”, Gse presenta ufficialmente oggi, nell’ambito di Key Energy, il portale dell’autoconsumo fotovoltaico lanciato recentemente in rete e ...