Asso Energie Future: creare una filiera italiana delle rinnovabili

La perpetua lotta tra nucleare e rinnovabili non è utile, ma sfibra soltanto l'ambiente. Lo dice con lapidaria chiarezza Massimo Daniele Sapienza, presidente di Asso Energie Future, associazione di imprenditori del settore delle energie rinnovabili, a commento della giornata 'Nuke Day' organizzata da Greenpeace: "Nucleare e rinnovabili possono convivere, come dimostra l'esperienza di numerosi Paesi. Solo in Italia si insiste su un'antitesi che non porta a niente. Entrambe le fonti possono contribuire a illuminare il nostro futuro e a mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Non esiste competizione sui fondi da investire, né sui siti, né sulla tipologia di energia prodotta. Stiamo parlando di fonti di energia complementari, ma di certo non alternative. Le rinnovabili sono una realtà già consolidata".

Sapienza precisa inoltre che "Il nucleare è più una speranza di medio periodo legata in gran parte al progresso tecnologico che deve ancora materializzarsi. Il nucleare è eminentemente pubblico e centralizzato mentre le rinnovabili promuovono l'imprenditorialità dei singoli e la creazione di ricchezza diffusa sul territorio". Asso Energie Future chiede che "il governo sostenga oggi e con grande forza la creazione di una forte filiera italiana delle rinnovabili così come e' giustamente attento a cercare di stimolare il dibattito di medio periodo sul potenziale nucleare del Paese, che comunque sarà realtà solo tra un decennio"

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento

Italian Energy Summit

Italian Energy Summit

Il 29 settembre e 30 settembre si svolge con un nuovo format digitale l'Italian Energy Summit ...