Centrale solare di Dahan

Il nuovo stabilimento “Solar–thermal power plant” sorgerà a Dahan, all’ombra della Grande Muraglia cinese.
Ricoprirà un'area pari a dieci campi di calcio, svolgendo, anche, il ruolo di promotrice per le tecnologie future in ambito di produzione energetica.
Porterà, infatti, energia a 30.000 case entro il 2010, la costruzione sarà iniziata a giorni con un costo iniziale di circa 10 milioni di euro. Su quest’area si studieranno e sperimenteranno anche nuove tecniche per offrire rendimenti sempre più alti e per velocizzare i tempi di operatività delle grandi centrali.
 
A differenza delle centrali solari classiche, questa solare-termica è basata su cento specchi che indirizzano i raggi solari verso un ricevitore piazzato in cima a un’alta torre (100 metri circa). Si possono ammirare altre centrali del genere già operative in California.
 
Gli specchi sono curvi e si muovono in cerca della nostra stella proprio come i girasoli. All’interno della torre viene così riscaldata dell’acqua che genera vapore che muove una turbina per produrre energia. Il calore in più viene “conservato” tramite un serbatoio con un fluido speciale che mantiene alte temperature per lungo tempo.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Solare termico, Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento