CTI: Tutte le novità della UNI TS 11300

Il CTI a MADE expo ha illustrato le novità della normativa sulla certificazione energetica degli edifici e sui software dedicati.
Il panorama normativo della certificazione energetica degli edifici sta cambiando rapidamente. Le UNI/TS 11300, il riferimento nazionale per il calcolo di queste prestazioni che determinano le classi degli edifici, è infatti un cantiere in rapida evoluzione. Il prossimo anno saranno pubblicate la revisione delle parti 1 e 2, dedicate al fabbisogno e ai rendimenti di energia termica dell'edificio per la climatizzazione estiva ed invernale e alla produzione di acqua calda sanitaria. Inoltre, la revisione della 3, che tratta della climatizzazione estiva, è iniziata da pochi mesi mentre è imminente la pubblicazione della 4 sull'utilizzo di energie rinnovabili e altri metodi di generazione per il riscaldamento.

Il Comitato Termotecnico Italiano – CTI è impegnato con diversi gruppi di lavoro nell'elaborazione e nella revisione di queste norme, e ha organizzato un convegno per tracciare il punto della situazione.
L'incontro "Certificazione Energetica degli Edifici: evoluzione delle UNI TS 11300 e dei software dedicati" si è svolto il 7 ottobre a Milano, nell'ambito di MADE expo – la fiera internazionale dell'edilizia e dell'architettura, e ha rappresentato un momento significativo di confronto e di aggiornamento per gli operatori del settore.
Dopo l'introduzione del moderatore, il Prof. Giovanni Riva dell'Università Politecnica delle Marche e direttore generale del CTI, ha preso la parola Vincenzo Corrado, del Politecnico di Torino e coordinatore del Gruppo di lavoro 602, una delle commissioni del CTI all'opera per la revisione normativa.
Corrado ha illustrato le principali novità della parte 1 della 11300, tra le quali la definizione condivisa dei servizi energetici, la trattazione più realistica della ventilazione o dei tassi di occupazione degli edifici: tutti elementi che consentono una classificazione migliore degli edifici.
L'intervento di Augusto Colle, Presidente del sottocomitato 6 e coordinatore del Gruppo di lavoro 601 del CTI, anch'essi impegnati nella revisione normativa, ha illustrato le novità della parte 2 revisionata della 11.300 e ha mostrato i collegamenti esistenti tra questa parte e la 4.
Nell'ultima relazione, affidata a Roberto Nidasio dell'Ufficio Centrale CTI, è stato affrontato il tema degli strumenti informatici utilizzati per la certificazione. Se in alcuni Paesi, infatti, si è scelto di affidare il calcolo della certificazione a un unico software, in Italia si è invece deciso di utilizzare più programmi, purché questi fossero certificati. Il processo di certificazione è stato affidato al Comitato Termotecnico Italiano, e Nidasio ha spiegato i criteri utilizzati per concedere la certificazione, come ad esempio casi studio o edificio campione. Ad oggi sono stati certificati 24 software, unicamente per le prime due parti della 11.300.
 
Il dibattito che è seguito ai diversi interventi ha aiutato a chiarire la ragione di molte delle scelte normative, e ha dato modo di conoscere il processo generale che sta accompagnando la revisione delle UNI TS 11300.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Normativa

Le ultime notizie sull’argomento