Gli italiani chiedono incentivi per il solare e l’accumulo

11° Rapporto

Gli italiani favorevoli al solare e all'accumulo

Un momento della presentazione del Rapporto

E’ stato presentato in occasione di Solarexpo, dall’ex ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, l’11° Rapporto “Gli italiani e il solare” realizzato dall’Osservatorio sul Solare della Fondazione UniVerde, in collaborazione con IPR Marketing.
L’ex Ministro ha sottolineato che, nonostante i continui attacchi subiti dalle rinnovabili in questi anni, i cittadini chiedono incentivi e sostegno per il solare: “Gli ultimi quattro Governi hanno ostacolato progressivamente il solare in Italia nonostante il grande contributo dato ad occupazione e ambiente e questo è un vero scandalo. Invece di evitare le speculazioni si sta danneggiando un comparto strategico della vera Green Economy continua Alfonso Pecoraro Scanio – ma gli italiani non credono alla campagna denigratoria contro il solare e ben il 90% dei nostri cittadini chiede non solo incentivi per il solare ma anche per le batterie che consentono di accumulare l’energia prodotta da fonti rinnovabili”.

Dal rapporto emerge che i cittadini non hanno alcuna fiducia nei governi e pensano che “nonostante l’allarme ONU non si farà nulla tranne qualche dichiarazione di facciata. Questo dato trova conferme anche nelle risposte alla domanda sulle lobbies di maggiore influenza. Secondo gli intervistati, infatti, il gruppo di pressione più forte è quello dei fossili, petrolio e carbone in primis, al 72% e solo un 50% ritiene influenti anche le aziende green e i movimenti ambientalisti”.

Oltre il 90% degli italiani è favorevole al solare e ad avere un impianto fotovoltaico nel proprio condominio e lo ritiene sicuro e compatibile con l’ambiente. Segue, tra le altre forme di energia da fonte rinnovabile più apprezzate, l’eolico al 55% mentre il favore per il nucleare si riduce ulteriormente passando dal 19% al 9% nel giro di alcuni mesi.

Fabio Patti, Amministratore delegato di Yingli Green Energy Italia e componente dell’Osservatorio sul Solare della Fondazione UniVerde ha concluso: “Non c’è più molto tempo: per salvare un Pianeta ormai a rischio surriscaldamento e arginare i danni, economici ed ambientali, provocati dalle fonti fossili, bisogna dare priorità assoluta alle rinnovabili: lo dice l’Osservatorio tecnico dell’ONU e lo dicono anche gli Italiani che, secondo i dati dell’ultimo Rapporto Gli italiani e il Solare. Quello che non si dice abbastanza, invece, è che grazie agli impianti ad energia rinnovabile realizzati nel corso degli ultimi anni, il costo dell’energia elettrica all’ingrosso in Italia si è abbassato notevolmente (di circa un 40%) e senza versare una goccia di carburante, il che basterebbe da sé a dare un taglio consistente alla bolletta elettrica di cui tanto si chiacchiera. Forse l’azione più incisiva e lungimirante sarebbe quella di stabilire una carbon tax che tenga conto dei danni ambientali e sanitari legati al valore della CO2 che dovrebbe così salire dagli attuali 5 euro/Ton ai molto più equi 25 Euro/Ton, senza cosi rinunciare alle poche fonti di energia pulite che ci restano per salvare portafogli e ambiente.

Scarica il Rapporto “Gli italiani e il solare”

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Eolico, Solare fotovoltaico

Le ultime notizie sull’argomento