Advertisement

Housing sociale sostenibile e innovativo

Abitazioni efficienti energeticamente e accessibili

Emergency housing for all - @crespeau

Emergency housing for all – @crespeau

Emergency housing for all - @crespeau

Emergency housing for all – @crespeau

Emergency Housing SE Foundation

Emergency housing for all – @crespeau

Emergency housing for all - @crespeau

Emergency housing for all – @crespeau

“Emergency housing for all” è il nuovo modello di housing sociale sostenibile e innovativo, presentato al Solar Decathlon Europe, in corso a Versailles fino al 14 luglio, da Schneider Electric, Schneider Electric Foundation e La Varappe Group, con l’obiettivo di dimostrare che si possono realizzare unità abitative confortevoli, modulari, trasportabili, poco costose ed efficienti dal punto di vista energetico, contribuendo anche allo sviluppo dell’economia circolare.

In particolare, nel tempo record di tre mesi, sono state create sei unità abitative (con una o due stanze da letto) a partire da container ad uso marittimo non più utilizzabili. Si tratta di moduli totalmente riciclabili e fatti di materiali di origine biologica; in linea con le normative francesi sulle caratteristiche termiche degli edifici emanate nel 2012 e che costano il 40% in meno di una casa realizzata in modo tradizionale.

“Oggi la povertà di fonti energetiche è un problema importante nelle società mature, che richiede soluzioni rapide, semplici e sostenibili” ha dichiarato  Gilles Vermot Desroches, Senior Vice President Sustainable Development di Schneider Electric e Amministratore Delegato della Schneider Electric Foundation.Con il progetto “Emergengy housing for all” stiamo dimostrando che ci sono tecnologie e competenze che consentono di affrontare questo problema, combattendo in parallelo la crisi abitativa”.

“Il progetto unisce integrazione sociale, lotta alla povertà energetica e innovazione tecnologica; e contribuisce nel suo insieme allo sviluppo di un’economia circolare” aggiunge Laurent Laik, Executive Vice-President di La Varappe. “Conferma, inoltre, che le abitazioni possono essere non solo a basso impatto ambientale, ma anche meno costose e quindi accessibili per una più ampia fascia di popolazione”.

Per la realizzazione del progetto Schneider Electric ha offerto Wiser, la sua soluzione di gestione dell’energia per le abitazioni che può essere installata in modo semplice e minimamente invasivo, con costi di installazione limitati, garantendo un risparmio energetico che può arrivare al 30%. Per costruire l’unità abitativa presentata al Solar Decathlon, La Varappe Group, attraverso la sua sussidiaria LVD Energie, ha lavorato per qualificare e specializzare alcuni partecipanti a programmi di inserimento lavorativo. Schneider Electric Foundation, sotto l’egida dalla  Fondation de France, ha supportato finanziariamente questo programma abitativo che si rivolge a chi ha più bisogno di una casa.

Dopo il Solar Decathlon Europe 2014, i moduli saranno smantellati e installati nella città di Lione, per ospitare famiglie in difficoltà attualmente affidate all’associazione Habitat et Humanisme.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile

Le ultime notizie sull’argomento