Il Policlinico Gemelli primo Ospedale Verde della Regione Lazio

Il Policlinico Universitario A. Gemelli si avvia a diventare il primo Ospedale Verde della Regione Lazio.
Il progetto “Ospedale sostenibile” nasce dell’accordo siglato tra il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini, e il Prorettore dell’Università Cattolica, Stefano Baraldi.

L’accordo si inserisce nel quadro degli interventi del piano straordinario di ammodernamento edilizio, nato dalla collaborazione della Direzione del Policlinico Universitario “A. Gemelli” coadiuvato dal Servizio Tecnico, che si svilupperà su tre direttrici: Riorganizzazione Sanitaria – Messa a Norma – Innovazione” e che si concluderà nel2017.

In particolare il Progetto sull’efficientamento energetico del Policlinico rappresenta la declinazione della sezione dell’ “Innovazione” del progetto generale, raccogliendo nel suo interno quei concetti di sostenibilità, efficienza e risparmio energetico con riguardo all’ambiente e alla salute che sono propri del modello di “Ospedale Verde”.
Il primo step per la realizzazione del piano di sviluppo del patrimonio edilizio esistente consiste nell’attenta verifica dello stato di fatto del livello di efficienza dei sistemi e delle singole componenti, parallelamente alla valutazione economico-finanziaria e ad analisi costi/benefici necessari per definire gli investimenti e le linee di indirizzo di intervento per l’efficientamento energetico.

A questo sono seguite le prime azioni di energy retrofit su involucro ed impianti, che prevedono operazioni di manutenzione delle strutture edilizie e dei sistemi impiantistici per arrivare infine a individuare alcune linee di indirizzo per gli interventi da predisporre nel complesso di edifici e centrali del Policlinico Gemelli.

La serie di interventi, pianificati su un periodo di 5 anni (2013-2017) e che mirano a rendere il Policlinico Gemelli un modello di “Ospedale Verde” sono:
tecnologie innovative di edilizia sostenibile
riduzione consumo energetico  -fonti energetiche rinnovabili
produzione energia fotovoltaica
s
tudio e monitoraggio
studi su ambiente e salute

Tale progetto in concreto ha l’obiettivo di promuovere la riduzione dei costi di gestione e aumentare l’efficienza della struttura, come ad esempio l’aumento della prestazione dell’involucro da classe energetica F a B, che significa un contenimento dei consumi energetici che passerebbe dal valore attuale di 64 kwh/m2 anno ad un valore di 25 kwh/m2 anno, con significativi vantaggi anche sulla salute della popolazione, sull’economia e sull’impatto ambientale.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile, Efficienza energetica

Le ultime notizie sull’argomento