Advertisement

La casa efficiente RhOME vince il Solar Decathlon

Progetto pensato per riqualificare le periferie ad alta denistà abitativa in maniera energeticamente autosufficiente e sostenibile

Il team di studenti e ricercatori del Dipartimento di Architettura dell’Università di Roma Tre, guidato dalla professoressa Chiara Tonelli, che ha ideato il modulo abitativo di 65 metri quadrati RhOME for density, ha vinto l’edizione 2014 del Solar Decathlon Europe, l’Olimpiade mondiale dell’architettura green promossa dal 2002 dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, che si è svolta a Versailles.
20 squadre provenienti da 16 paesi e tre continenti si sono confrontate in dieci gare in cui venivano valutate le varie performance: architettura, ingegneria e costruzione, efficienza energetica, bilancio energetico, comfort, funzionamento della casa, comunicazione e sensibilizzazione sociale, urban design, trasporto e accessibilità, innovazione, sostenibilità. La giuria era composta da professionisti del settore delle costruzioni, tecnici e scienziati.
Il team di Roma ha ricevuto molti riconoscimenti: primo posto in Funzionamento della casa, secondo posto in Comfort, terzo posto in Innovazione, primo posto in Lighting Design – Extra Competition Awards,  secondo posto in Architettura e ha ricevuto il premio per il social housing assegnato dal Cecodhas.

Ricordiamo che  RhOME for denCity è un progetto pensato per il recupero di Tor Fiscale, un quartiere della periferia romana. Il prototipo rappresenta una casa di 65 metri quadrati ad alta tecnologia, realizzati in legno certificato a basso impatto ambientale, dotati di illuminazione naturale e artificiale di avanguardia, con una forte attenzione alla qualità dell’aria interna per garantire comfort e salubrità. Si tratta di un progetto che può essere applicato su larga a costi contenuti.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile, Premi e Concorsi

Le ultime notizie sull’argomento