Le patate che danno ‘energia’

Un alimento naturale, disponibile tutto l’anno, diffuso praticamente in tutti i paesi del mondo dal quale si potrà presto ricavare energia elettrica: la patata.

All’Universita’ di Gerusalemme, infatti, alcuni ricercatori della Yissum Research Development Company hanno progettato una batteria partendo dalle patate che sostituisce le pile da 1,5 Volt con un costo 50 volte inferiore.
Mettendo una fetta di patata a contatto con due elettrodi, uno di zinco e uno di rame, collegati tra loro hanno creato una batteria e si e’ visto che, bollendo la patata prima di usarla in elettrolisi, l’energia elettrica prodotta e’ fino a 10 volte superiore rispetto a quella derivante da una patata cruda.
Questo semplice procedimento, inoltre, consente alla batteria di rimanere attiva per giorni o addirittura settimane: minore e’ la resistenza del ponte salino nella batteria di patate, piu’ le batterie sono, dunque, longeve ed efficienti.

La ricerca nei processi elettrolitici sulla materia vivente puo’ essere utilizzata per molte applicazioni, compresa la produzione di energia elettrica, come per dispositivi elettronici medici impiantati e auto-alimentati.

”La capacita’ di fornire energia elettrica con mezzi cosi’ semplici e naturali – ha dichiarato Yaacov Michlin, dello Yissum Research Development Co – potrebbe essere di beneficio per milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo, portando luce e telecomunicazione nella loro vita, in zone attualmente prive di infrastrutture elettriche”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento