Advertisement

Nel 2020 l’Italia potrebbe produrre il 12% dell’energia rinnovabile di tutta l’UE

Si è svolto al Politecnico di Milano lo scorso 18 giugno il convegno “World Energy Outlook 2012 – Conseguenze sulla politica energetica nazionale” promosso da AEIT, con la collaborazione di RSE e il patrocinio di ANIE Energia. Il convegno ha analizzato il cambiamento degli scenari energetici e le nuove strategie del settore. Dalla ricerca è emerso che le rinnovabili nei prossimi anni continueranno a crescere, mentre ci sarà un netto calo dei consumi di combustibili fossili.

Massimo Gallanti, Direttore del Dipartimento Sviluppo dei Sistemi Energetici di RSE ha sottolineato: “Lo scenario nazionale prende la mosse dalle decisioni comunitarie e dall’implementazione delle direttive europee; la SEN, in particolare, ha rafforzato questi obiettivi. I consumi di energie rinnovabili salgono al 20 per cento rispetto all’obiettivo del 17 assunto in ambito UE, e si prevede una riduzione del consumo finale lordo di energia grazie all’efficienza ma anche – purtroppo – al calo dovuto alla crisi. Sempre rispetto agli obiettivi europei, anche le riduzioni previste delle emissioni di CO2 sono più ambiziose (meno 21 per cento), e la SEN delinea un importante incremento del ruolo delle rinnovabili termiche”. “E nel lunghissimo periodo (al 2050) – ha aggiunto Gallanti – si prevedono interventi importanti nello specifico dell’edilizia e dei trasporti, raggiungendo la soglia del 75 per cento di rinnovabili nei consumi elettrici e del 60 per cento del consumo finale lordo. Un obiettivo molto sfidante”.

Alberto Gelmini, (Dipartimento Sviluppo dei Sistemi Energetici, RSE, ha illustratoi diversi scenari nazionali. Per la loro elaborazione – con orizzonte temporale al 2030 – è stato utilizzato MONET, un modello multi-regionale (caratteristica quest’ultima che rappresenta un importante valore aggiunto, soprattutto in una realtà come quella italiana), particolarmente complesso. Un solo dato tra gli innumerevoli presentati. Secondo queste elaborazioni è plausibile che nel 2020 l’Italia garantisca il 12 per cento della generazione elettrica da fonti rinnovabili in Europa.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento