Nella composizione elettrica nazionale vincono le rinnovabili

Il GSE ha determinato il mix iniziale nazionale dell’energia elettrica immessa in rete relativo agli anni di produzione 2013 e 2014

Il GSE ha pubblicato sul proprio sito la composizione del mix iniziale nazionale utilizzato per la produzione dell’energia elettrica immessa nel sistema elettrico italiano nel 2013 e 2014. I dati evidenziano una crescita significativa delle fonti rinnovabili, passate dal 38.2% al 42.5% e il loro predominio su tutte le altre fonti, con il gas naturale al 29.9%, il carbone al 19.3% e il nucleare al 4.6%.

Il GSE ha fissato delle procedure per calcolare le composizioni dei mix energetici utilizzati dai produttori per produrre l’energia elettrica che viene, successivamente, immessa in rete e venduta dalle imprese di vendita ai clienti finali. Tale processo consiste nel tracciamento delle fonti energetiche, a partire dal loro utilizzo per produrre energia fino all’uso da parte dei clienti finali.

In una nota il GSE informa che, in applicazione delle Direttive europee in tema di norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica, le suddette determinazioni e pubblicazioni hanno la sola finalità di “consentire ai fornitori di energia elettrica di specificare nelle fatture e in tutto il materiale promozionale inviato ai clienti finali, la quota di ciascuna fonte energetica nel mix complessivo di combustibili utilizzato negli anni precedenti”. Per il raggiungimento degli obiettivi nazionali del “20-20-20”, fissati in sede europea dalla Direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, invece, si fa riferimento al consumo interno lordo nazionale e non all’energia elettrica immessa nel sistema elettrico”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento

Italian Energy Summit

Italian Energy Summit

Il 29 settembre e 30 settembre si svolge con un nuovo format digitale l'Italian Energy Summit ...