IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Nel 2017 cresce del 10% la potenza da rinnovabili in Italia

Nel 2017 cresce del 10% la potenza da rinnovabili in Italia

Pubblicati i dati Anie Rinnovabili relativi al primo trimestre dell'anno: le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico raggiungono complessivamente circa 138 MW. I dati a consuntivo mostrano che la potenza da FER rispetto al 2016 è cresciuta del 10%. Per la produzione segno + solo per il fotovoltaico.  

 

Nel 2017 cresce la potenza e la produzione da rinnovabili in Italia

 

Un leggero calo del 5% per le installazioni in rinnovabili in Italia da gennaio a marzo 2018 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In particolare, da quanto emerge dall'Osserrvatorio marzo 2018 pubblicato da Anie Rinnovabili sui dati Gaudì di Terna, nel primo trimestre dell'anno le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno complessivamente raggiunto i 138 MW contro i 146 MW del 2017. 

 

Potenza connessa per fonte rinnovabile primo trimestre 2018

 

Per quanto riguarda il fotovoltaico con i 28,9 MW di connessioni di marzo 2018, il settore nel periodo gennaio-marzo raggiunge gli 89 MW complessivi,  in crescita del 6% rispetto allo stesso periodo del 2017. Cresce del 10% anche il numero di unità di produzione connesse.

 

Fotovoltaico potenza connessa nel primo trimestre 2018

Gli impianti residenziali fino a 20 kW continuano a rappresentare la maggiorparte della nuova potenza installata nel 2018, il 58%.

 

Fotovoltaico, potenza connessa per classi nel primo trimestre 2018

 

A livello regionale hanno registrato i migliori incrementi in termini di potenza Abruzzo, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Molise e Umbria, i decrementi più significativi sono stati in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta. Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di unità di produzione sono Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Molise, Puglia, Sardegna, Umbria e Veneto, mentre quelle con il maggior decremento sono Basilicata, Calabria e Valle d’Aosta.

 

Trend negativo per l'eolico che nel primo trimestre del 2018 raggiunge i 25,1 MW, con un calo del 48% rispetto allo stesso periodo del 2017. L'Osservatorio segnala in particolare un gennaio difficile con solo 10 kW e marzo non particolarmente brillante con 1,9 MW, mentre a febbraio è stato attivato in Basilicata un impianto eolico da ben 22 MW.

 

Potenza connessa di eolico nel primo trimestre del 2018

 

Complessivamente anche le unità di produzione risultano in calo (-92%) a causa della conclusione degli effetti dell’accesso diretto del DM 23.6.2016.


Le richieste di connessione di impianti di taglia inferiore ai 60 kW costituiscono lo 0,3% del totale installato fino a marzo 2018, mentre gli impianti superiori ai 200 kW rappresentanbo il 99% del totale.

 

Eolico potenza connessa per classi primo trimestre 2018

 

Per quanto riguarda la diffusione territoriale, la maggior parte della potenza connessa (99%) è localizzata nelle regioni del Sud Italia.

 

Segno positivo per l’idroelettrico che vede crescere del 69% la nuova potenza installata (24 MW) rispetto al periodo gennaio-marzo 2017, nonostante il calo registrato nelle installazioni a febbraio (1,8 MW) e marzo (solo 0,6 MW installati). Il numero di unità di produzione connesse in rete nei primi tre mesi del 2018 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente ha subito invece una diminuzione del 67%.

 

Idroelettrico: potenza connessa mensilmente nel primo trimestre del 2018

Lombardia e Trentino Alto Adige sono le regioni in cui si sono registrati i maggiori incrementi di potenza. I nuovi impianti idroelettrici di taglia inferiore a 1 MW connessi fino a marzo rappresentano il 6% del totale.

 

Rispetto all'ultimo trimestre 2017 l’analisi congiunturale mostra un decremento (-21%) per la nuova potenza FER installata nel primo trimestre 2018. Nel dettaglio, si è registrato un incremento del 4% per il solo fotovoltaico, mentre eolico e idroelettrico risultano in calo del 45%.

 

Variazioni congiunturali potenza connessa per FER nei trimestri 2016-2018

 

Dati rinnovabili a consuntivo del 2017

L’analisi congiunturale Anie Rinnovabili dedicata al 2017 mostra un trend positivo con una crescita del 10% in termini di potenza di nuovi impianti FER entrati in esercizio.

Lo scorso anno il 31% della produzione elettrica nazionale netta è stata data da energie rinnovabili, il cui contributo (103.386 GWh) sulla produzione elettrica nazionale netta (285.118 GWh) corrisponde al 36,3%.

 

Variazioni FER 2015-2017 in Italia

 

I dati sono naturalmente differenti a seconda delle singole fonti: +24% per l'eolico, +20% per l'idroelettrico, +11% per fotovoltaico, -49% per le sole bioenergie. Trend decisamente positivo per i sistemi di accumulo abbinati a impianti fotovoltaici di piccola taglia che crescono del + 35% rispetto al 2016.

 

Impianti, Potenza e Produzione da FER nel 2017

 

A livello di produzione da FER, cresce il solo fotovoltaico (+14%) rispetto al 2016 che con 24,8 TWh ha contribuito all’8,7% della produzione nazionale. Il parco impianti a fine 2017 è costituito da 776.530 installazioni fotovoltaiche per circa 19,7 GW di potenza.

 

Stabile l'eolico con 17 TWh (-0,2% rispetto al 2016), l'energia del vento copre il 6,1% della produzione nazionale netta. In Italia a fine 2017 vi erano da 5.609 impianti per 9,8 GW di potenza.

 

Cala del 14,3% rispetto al 2016 la produzione di energia idroelettrica (38 TWh), a causa soprattutto della variabilità delle precipitazioni. Il parco idroelettrico è costituito da 4.269 impianti corrispondenti a circa 18,7 GW. Il contributo dell’idroelettrico alla produzione netta nazionale si è attestato al 13,2%.

 

In leggera diminuzione (-1,4% rispetto al 2016) anche la produzione di energia da geotermoelettrico (5,8 TWh) con i suoi 34 impianti da 821 MW complessivi

Le bioenergie

Un paragrafo a parte meritano le bioenergie le cui installazioni nel 2017 sono aumentate rispetto all’anno precedente del 167%, prevalentemente di piccola taglia (< 250 kW) e rappresentano il 55% della nuova potenza installata lo scorso anno.

Con 44,6 MW di nuova potenza installata e 225 impianti raggiungono complessivamente 4.2 GW e un parco di oltre 3.000 impianti in Italia.

 

Bioenergie: potenza connessa in Italia nel 2017

Nel 2017 hanno raggiunto il 6,2% di copertura della produzione nazionale netta con 18 TWh (-1% rispetto al 2016).

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

18/10/2018

I nuovi modelli del mercato elettrico

Quello energetico è un settore in profonda trasformazione: un’analisi di Althesys del mercato e di quanto sia necessario fare per non trovarsi impreparati   E’ in atto una profonda transizione del mercato elettrico, nel modo di ...

17/10/2018

La diffusione delle energie rinnovabili passa attraverso politiche abilitanti

Irena, che partecipa all'Assemblea dell'Unione Interparlamentare in corso a Ginevra, è convinta che sia necessario accelerare la trasformazione energetica globale attraverso la condivisione delle conoscenze e la collaborazione tra forzze politiche, ...

15/10/2018

La sostenibilitÓ deve fare rete

Che cosa significa smart, cosa sono gli smart building e quali aspetti coinvolge il futuro smart? E’ partita da qui la terza edizione di KlimahouseCamp, momento di confronto e dibattito di alto livello tra importanti attori del mondo accademico, ...

15/10/2018

La visione di Di Maio per un Italia rinnovabile e sostenibile

L’impegno del Governo per la sostenibilità annunicato da Di Maio in un video messaggio prevede introduzione dell’Ires verde, conferma ecobonus e risorse a sostegno delle rinnovabili     Il vice premier e Ministro dello ...

10/10/2018

Le bioenergie guideranno la crescita delle rinnovabili al 2023?

IEA ha pubblicato uno studio in cui si parla delle bioenergie come le rinnovabili che cresceranno maggiormente fino al 2023, grazie alle importanti possibilità di utilizzo nel settore del calore e dei trasporti nei quali le altre fonti green ...

09/10/2018

Limitare il surriscaldamento a 1,5░ per salvare il pianeta

Presentato il Rapporto IPCC che lancia l'allarme per il clima: necessario intensificare gli sforzi per combattere il surriscaldamento globale, puntare sulle rinnovabili e ridurre i consumi energetici, limitando il surriscaldamento a 1,5°  A poche ...

09/10/2018

Nella nota di aggiornamento DEF confermati Ecobonus e Sismabonus

Nella nota di aggiornamento del DEF presentata alle Camere sono confermati ecobonus e sismabonus per gli interventi di riqualificazione degli edifici     Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha pubblicato la Nota di Aggiornamento del ...