IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il quartiere fotovoltaico tedesco realizzato in stile Jenga

Il quartiere fotovoltaico tedesco realizzato in stile Jenga

La città tedesca di Kiel ha rivelato il piano di riqualificazione di un vecchio sito industriale. Il nuovo quartiere, KoolKiel, prevede impianti fotovoltaici sui tetti delle strutture, roof garden e sistemi di raccolta delle acque piovane.

 

a cura di Tommaso Tautonico

 

KoolKiel: il quartiere fotovoltaico tedesco realizzato in stile Jenga

 

Siamo nella zona più a nord della Germania, quasi al confine con la Danimarca, all’estremità meridionale del fiordo di Kiel. È qui che lo studio di architettura olandese MVRDV  realizzerà l’opera di riqualificazione del vecchio complesso industriale.

 

Attualmente occupato da un grande edificio su un unico piano, l’ex complesso industriale era originariamente utilizzato per lo stoccaggio delle catene per navi. In tempi più recenti, questa località è diventata importante per la sua connessione con i famosi fumetti di Werner, stampati nell'edificio dai primi anni '80. Attualmente l'edificio è conosciuto come W8 Medienzentrum ed è la sede di una varietà di aziende che lavorano principalmente (ma non esclusivamente) nei media e nelle industrie creative.

 

KoolKiel, Il quartiere fotovoltaico tedesco realizzato in stile Jenga


In un luogo in cui dinamismo e creatività sono di casa, non potevamo pensare ad una riqualificazione senza coinvolgere la comunità” ha dichiarato Jacob van Rijs, cofounder dello studio MVRDV. "KoolKiel non è solo ispirato da loro, ma consente di adattare la proposta ai loro desideri – non stiamo presentando solo un oggetto di design, ma stiamo anche chiedendo loro quanto "Kool" lo vogliono".
KoolKiel promette di essere uno degli esempi più interessanti di progettazione partecipativa.

Il nuovo quartiere multifunzione e la sua torre in stile Jenga

Esteso su una superficie di 65 mila metri quadri, il nuovo complesso polifunzionale progettato dallo studio di architettura olandese manterrà la struttura esistente del W8 Medienzentrum come unità commerciale, a cui verranno aggiunte unità abitative.

 

Accanto a questo edificio il masterplan prevede la realizzazione di una serie di piccoli edifici disposti in modo irregolare, creando un effetto a zig zag, destinati ad uffici e negozi. Su entrambe le strutture, nella parte superiore, è previsto l’inserimento di una serie di blocchi cubici destinati ad abitazioni.


La parte più esterna del sito invece accoglierà la struttura più iconica, una torre dall’effetto sfalsato, con sporgenze e rientranze evidenti, che ricorda il gioco di abilità Jena. Questa struttura ospiterà un albergo di 250 camere e una serie di spazi dedicati ad ospitare mostre ed eventi.

 

Accanto a questa torre, un edificio più basso composto da due soli blocchi “appoggiati” uno sull’altro in modo irregolare. È nella torre più alta che viene fuori tutto il lato creativo dell’intero complesso: la facciata, realizzata con pannelli in cemento rinforzato con fibre, esporrà icone ispirate al mondo marinaresco e alle imprese locali creative. Icone che si attiveranno in modo casuale grazie all’illuminazione interna.

 

Le icone sulla facciata di uno degli edifici del nuovo quartiere KoolKiel a Kiel

 

Inoltre il sistema di progettazione flessibile pensato dagli architetti permetterà in fase di realizzazione di modificare molti degli elementi esistenti: sarà possibile aggiungere (o sottrarre) singoli blocchi, modificarne la disposizione, la dimensione e persino lo sfalso. Tutto sarà adattabile ai bisogni della comunità creativa esistente.

 

Le icone sulla facciata di uno degli edifici del nuovo quartiere KoolKiel a Kiel

 

Impianti fotovoltaici sui tetti, roof garden e sistemi di raccolta delle acqua piovane permetteranno all’edificio, oltre ad essere kool, di essere sostenibile. Un esempio per tutta la comunità.

 

img @MVRDV

 

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
23/08/2019

Un ufficio immerso nella natura in Vietnam

Non lontano dal centro di Dalat in Vietnam, in una valle ricca di vegetazione e fiori, sorge la sede amministrativa della Ta Nung Homestay: una serie di edifici in legno immersi nella natura.    a cura di Fabiana ...

22/08/2019

L’iconico grattacielo a energia quasi 0 che richiama la bandiera del Kazakistan

Tower of the sun è un grattacielo futuristico alto 121 metri con un’apertura enorme al centro che ricorda il sole presente nella bandiera kazaka. Una reinterpretazione moderna e sostenibile per la capitale Nursultan. L’edificio sfrutta la ...

21/08/2019

L’Harvard Center for Green Buildings and Cities diventa ad energia zero

HouseZero è la sede dell’Harvard Center for Green Buildings and Cities; grazie ad una riconversione completa e profonda, la vecchia casa degli anni ’20 è stata trasformata in un vero e proprio laboratorio vivente, diventando ad ...

20/08/2019

“Lumière, Lumières”, il padiglione francese per Expo 2020 di Dubai

Brune Poirson, Ministro della transizione ecologica e solidale, ha svelato Lumière, Lumières, il padiglione della Francia per l'Esposizione Universale Expo 2020 di Dubai, una visione audace, conquistatrice e innovativa della ...

19/08/2019

Pesce mangia-plastica: il rimedio estivo per liberare le spiagge dai rifiuti

Quest’anno contribuire alla pulizia delle spiagge sarà un gioco: a Torre Canne è stato realizzato un pesce mangia-plastica per liberare le spiagge dai rifiuti educando le persone alla sostenibilità anche durante le ...

16/08/2019

La torre in legno con foresta verticale integrata

Sarà una delle strutture in legno più alte d’Europa e sorgerà nel cuore di Zagabria, per diventarne il simbolo. Separerà la città vecchia dalla nuova, ricostruita nel dopoguerra. Una torre strategica che integra una ...

12/08/2019

Moduli in legno e pareti di paglia per le scuole del Malawi

Sostenibilità, modularità e materiali locali. Sono i requisiti principali soddisfatti dal nuovo progetto di scuola per i bambini del Malawi. Un progetto a scopo benefico che può essere replicato a livello globale. Una struttura in legno ...

09/08/2019

Il mondo a rischio "apartheid climatico"

Il cambiamento climatico avrà l'impatto peggiore sulle popolazioni più vulnerabili e i paesi meno svilippati. Secondo un esperto delle Nazioni Unite entro il 2030 potrebbe causare la povertà per 120 milioni di ...