IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Accumulo a idrogeno: così l’antico maso immagazzina energie rinnovabili

Accumulo a idrogeno: così l’antico maso immagazzina energie rinnovabili

In provincia di Bolzano si sperimenta un sistema di accumulo energetico a idrogeno per fonti rinnovabili per alimentare un maso del Settecento

 

a cura di Andrea Ballocchi

 

Accumulo a idrogeno: così l’antico maso immagazzina energie rinnovabili

 

Indice degli argomenti:

Un’alternativa praticabile e altamente innovativa per l’accumulo energetico passa per l’idrogeno e da una tecnologia di energy storage che consente un migliore utilizzo delle energie rinnovabili.

 

In Italia c’è già un prototipo funzionante che alimenta i fabbisogni di corrente elettrica e di acqua calda di un antico maso del XVIII secolo in provincia di Bolzano. Proprio così: un’antica abitazione ristrutturata è al centro di una sperimentazione di un sistema di stoccaggio dell'idrogeno a base di polvere metallica. 

Accumulo a idrogeno: il progetto “casa dei minatori”

Il maso in questione si trova a Casere, frazione di Predoi, in Valle Aurina, dove erano attive fino a mezzo secolo fa miniere di rame. Da qui prende il nome del progetto Knappenhaus, “casa dei minatori”, dove è stato installato a fianco di un antico maso a 1600 metri di altezza il sistema di stoccaggio Hy2green della azienda GKN Sinter Metals.

 

L’abitazione è energeticamente autonoma grazie all’energy storage system che permette di  effettuare accumulo energetico e contare su energia elettrica e calore per lunghi periodi.

 

Il sistema di accumulo energetico a idrogeno Hy2Green e le sue parti

Il sistema Hy2Green e le sue parti: a sinistra il componente per la gestione termica, in centro quello per lo stoccaggio del idrogeno e a destra la cella combustibile per l’elettrolisi

 

Ad alimentare il sistema è l’energia idroelettrica ottenuta sfruttando il vicino torrente. La prima e più importante novità è il sistema ad accumulo: i serbatoi di Hy2green contengono polvere metallica. Quando l’idrogeno viene immesso nei serbatoi, si lega al metallo in modo stabile e senza alcuna compressione ulteriore.

 

Come spiega l’azienda, Hy2green fornisce così elettricità e calore. L’idrogeno viene generato dall’energia elettrica per elettrolisi e immesso in serbatoi di stoccaggio riempiti di polvere metallica. L'idrogeno si lega alle particelle metalliche per formare idruri metallici, composti stabili e sicuri.

 

Con semplici regolazioni della temperatura, l’idrogeno può essere rilasciato in una cella a combustibile e riconvertito in energia elettrica. Il calore di scarto generato viene raccolto dal sistema integrato di gestione del calore e introdotto nel ciclo termico della casa. 

Accumulo a idrogeno: oggi il prototipo, domani a larga scala

Il progetto Knappenhaus ha di fatto portato il sistema di stoccaggio Hy2Green da progetto pilota a sperimentazione reale, il tutto in un’area complessa quale può essere un maso a 1600 metri di quota, dove è in funzione da inizio 2019.

 

Le manifestazioni di interesse non mancano: «molti chiedono questo sistema di stoccaggio, però l’ostacolo è rappresentato dal costo. Stiamo cercando di ottimizzare il sistema» segnala Martin Beikircher, project engineer di GKN Sinter Metals, segnalando che l’azienda sta lavorando per rendere Hy2Green un’alternativa economicamente e commercialmente praticabile e a più ampio raggio, incrementando la potenza.

 

In ogni caso rimane l’interesse per un sistema di elevato grado di innovazione tecnologica e dalle potenzialità davvero grandi: pensando alle abitazioni in aree dove l’allacciamento a una rete elettrica o energetica è assai critico se non impraticabile, la tecnologia permette di eliminare il problema legato all’intermittenza di approvigionamento energetico dato dalle fonti rinnovabili come condizioni meteo e climatiche.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
24/01/2020

The Orbit, la smart city del futuro che non rinuncia all’ambiente

Immaginate di trasformare una cittadina dai connotati rurali in una città del futuro, che combina fibra ottica, veicoli autonomi e aeroporti per droni, senza perdere la connessione con l’ambiente naturale.   a cura di Tommaso ...

14/01/2020

La più grande parete verde in Europa assorbirà 8t di inquinamento atmosferico

Un albergo a cinque stelle nel cuore di Londra in grado di contrastare l’inquinamento atmosferico grazie a 3.700 metri quadri di parete verde. Un contributo importante al verde urbano londinese e alla lotta ai cambiamenti climatici.   la ...

13/01/2020

Pechino e il suo nuovo aeroporto a forma di stella marina gigante

Grande quanto 97 campi di calcio, il Daxing International Airport si estende su 47 km quadrati e diventerà il più grande e affollato aeroporto al mondo. Ispirato ai principi dell’architettura cinese, implementa energia fotovoltaica, ...

10/01/2020

Sky green: il grattacielo faro della sostenibilità di Taiwan

Nel cuore della città di Taichung, il nuovo grattacielo con alberi e piante su ogni livello, vuole diventare il nuovo simbolo di sostenibilità per Taiwan. Esamina il rapporto tra la pianificazione dell'architettura d’interni e ...

31/12/2019

Eco campus hi-tech ad energia rinnovabile per l'Università di Malaga

Progettato per offrire nuovi spazi pubblici, l'innovativo eco campus ridefinirà il tessuto urbano della città spagnola e rivalorizzerà l’estesa e poco utilizzata area di Louis Pasteur Boulevard. Il progetto è caratterizzato ...

27/12/2019

L’hotel di lusso sul Lago di Como certificato CasaClima

Il Sereno è un hotel a cinque stelle sulle rive del Lago di Como. Oltre ad essere un albergo di lusso, vanta caratteristiche sostenibili di tutto rispetto: materiali naturali di provenienza locale, giardini verticali, illuminazione e ventilazione ...

23/12/2019

Lusso ed ecosostenibilità nel rispetto del paesaggio

Edil Pepe realizza un progetto edilizio che unisce altissime prestazioni energetiche a innovazione, attenzione alla salute ed ecosostenibilità, per garantire il miglior comfort nell’assoluto rispetto del paesaggio dei Sassi di Matera  ...

17/12/2019

Gruppo CAP: inaugurato il cantiere della nuova sede nZEB

I lavori del nuovo headquarter di Gruppo CAP prendono il via. Si è tenuta martedì 10 dicembre l’inaugurazione del cantiere che vedrà sorgere la suggestiva sede a zero emissioni includendo un’opera di riqualificazione che ...