IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L’edificio in legno, riciclabile, che si monta come un puzzle

L’edificio in legno, riciclabile, che si monta come un puzzle

“Accupoli” è un edificio realizzato da un gruppo di studenti del Politecnico di Torino, facile da montare, pensato per le popolazioni del centro Italia colpite dal sisma

 

Ad Accumoli sorge Accupoli edificio in legno riciclabile ed antisismico 

 

Un gruppo di studenti del Politecnico di Torino guidati dall’architetto Lorena Alessio presentano Accupoli, un edificio la cui tecnologia è stata sviluppata da un sistema costruttivo giapponese, che si monta come un puzzle, è riciclabile ed è destinato alle popolazioni del centro Italia colpite dal sisma del 24 agosto 2016.

 

In particolare il progetto vanta una collaborazione fra il Politecnico di Torino e il Kobayashi Lab di Tokyo e ha perfezionato, adeguandola alla normativa italiana, la tecnologia giapponese firmata da Hiroto Kobayashi dopo il terremoto del Tohoku del 2011, che prevede la realizzazione di un modulo sperimentale, aperto all’acoglienza e alla condivisione.
La collaborazione si è sviluppata attraverso la tesi di laurea seguita da Lorena Alessio e firmata da Carola Novara, architetto ed ex studentessa del Politecnico di Torino, vicepresidente di H.E.L.P. 6.5.

 

L’edificio sarà realizzato ad Accumoli comune particolarmente colpito dal sisma del 2016, grazie all’impegno di H.E.L.P. 6.5, acronimo di Housing in Emergency for Life and People, associazione fondata a luglio 2017 dall’architetto Lorena Alessio, con il contributo della Compagnia di San Paolo e di Acri e con il supporto di Aniem Piemonte. La realizzazione della struttura per un valore di circa 300mila euro è stata resa possibile grazie anche all’impegno praticamente gratuito messo a disposizione da un team di ingegneri strutturisti, termoidraulici ed elettrici.

 

Accupoli sarà realizzato in circa 2 mesi su un terreno del Comune, donato all’amministrazione municipale e ospiterà un centro aggregativo polifunzionale e flessibile, che accoglierà eventi culturali, incontri e iniziative sociali per la collettività. Dopo la posa delle fondazioni dello scorso agosto, è già stato avviato il cantiere per il montaggio della struttura. Saranno gli stessi studenti ad assemblare gli elementi della struttura, che si caratterizza per assoluta facilità di montaggio, simile a quella di un puzzle.

 

Si tratta del primo edificio in Italia realizzato, nelle parti portanti, con una serie di elementi autoportanti prefabbricati in legno compensato, antisismici, ad alta resistenza al fuoco e agli agenti atmosferici e ad alta durabilità.

La struttura è composta da due corpi di fabbrica affiancati longitudinalmente, il primo composto da un modulo costruttivo più grande, destinato alle attività per la collettività. Il secondo, più piccolo, ospita i servizi di accoglienza e cucina.

 

L’ossatura lignea dei portali sorregge un guscio di policarbonato semitrasparente ad alte prestazioni, che filtra l’illuminazione naturale durante il giorno. Di notte l’ambiente si trasforma in una lanterna, che illumina l’ambiente esterno della nuova piazza cittadina.

La struttura per la facilità di montaggio che la caratterizza si presta ad essere riciclata o riutilizzata. 

 

L’architetto Lorena Alessio spiega che il progetto garantisce buona qualità architettonica, pur dovendo adattarsi a una certa economicità. "Gli allestimenti interni sono stati lasciati in legno a vista. Tutti gli elementi estetici e di finitura hanno anche un ruolo strutturale o funzionale, così da ridurre al minimo il numero di componenti e la complessità del manufatto. Il tutto, sommato anche a uno studio mirato a produrre il minor numero di scarti possibile, giova al costo totale dell’opera”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

12/10/2018

Progetto italiano di casa green realizzata con una stampante 3D

3D Crane è il nome del nuovo sistema di stampa tridimensionale realizzato dall’azienda WASP di Massa Lombarda. Il nuovo modello è stato utilizzato per Gaia, la casa realizzata con terra cruda e scarti di lavorazione del riso.   a ...

08/10/2018

Come realizzare una casa sostenibile in soli 22 metri quadri

L’edilizia utilizza il 40% delle risorse naturali del pianeta e rappresenta oltre un terzo delle emissioni di gas serra. Per fronteggiare la situazione, Yale University con il supporto dell’UN Environment e dell’UN Habitat ha realizzato un ...

18/09/2018

A New York appartamenti futuristici firmati Zaha Hadid

Il progetto 520 West 28th Street è il palazzo futuristico firmato dall’architetto Zaha Hadid. Un edificio sbalorditivo, alto 11 piani, che sorge nelle vicinanze dell’affascinante High Line Park di  New York.   a cura di Tommaso ...

11/09/2018

Hong Kong ospiterà Aero Hive, il grattacielo che respira

Lo studio di architettura Midori Architects ha vinto il premio Skyhive Skyscraper Challenge con il progetto futuristico Aero Hive. Due grattacieli progettati per adattarsi alle sfide del clima locale e ridurre la CO2 nell’aria.   a cura di ...

07/09/2018

Una villa ad alta efficienza energetica con SPA

A Brembio, in provincia di Lodi è in via di realizzazione uno dei primi progetti Ecolibera, con tetto fotovoltaico, piscina e SPA.    a cura di Silvia Giacometti     Ecolibera non è solo un progetto ma un concetto ...

07/09/2018

ZEPHIR Passivhaus Italia per la riqualificazione delle Torri di Madonna Bianca

Il Team di progettazione ZEPHIR Passivhaus Italia in collaborazione con gli Studi Bombasaro e Campomarzio ha vinto il concorso di progettazione di tre delle 11 torri di Villazzano che saranno riqualificate secondo la prospettiva nzeb e dell’efficienza ...

06/09/2018

Vivere in case ecosostenibili ricavate da vecchie navi mercantili

Marine Doc è il progetto che prevede la trasformazione delle vecchie navi fluviali mercantili in disuso, in nuove abitazioni di lusso ed eco sostenibili, completamente autonome dal punto di vista energetico.   a cura di Tommaso ...