IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > CÓ Spineda, restauro in bioedilizia

CÓ Spineda, restauro in bioedilizia

Utilizzati materiali esclusivamente provenienti dalla natura, impianti ad alta efficienza che assicurano un risparmio energetico maggiore del 30%

Ca’ Spineda è un’antica casa padronale costruita nel 1560 a Montebelluna, in provincia di Treviso, dalla Nobile famiglia trevigiana Spineda De Cattaneis con l’architettura tipica casa patrizia veneta di collina. Si tratta di 2.650 mq di proprietà per 1.800 mq di giardino alla pendici del Montello, la zona collinare vicino a Treviso. Dal 2008 è stata acquistata da Giovanni Fabris, titolare di Welldom ed oggi è sede dei suoi uffici direzionali. Il recupero conservativo in bioedilizia realizzato da Welldom, rispetta i canoni della casa ideale secondo la filosofia del "kalos kai agathos", bello e buono.

Tipica architettura rurale trevigiana, costituita da un corpo centrale e 2 barchesse separate, Ca' Spineda ha subito un intervento di risanamento e restauro conservativo che ha permesso di recuperare la struttura nella sua totalità, nel rispetto della storia e della tradizione del luogo, e di dotare le unità residenziali, oltre agli uffici tre appartamenti finiture lusso, di comfort abitativi di alto livello. Nello spirito di un intervento volto a mantenere il carattere originario della casa, coniugandolo con soluzioni costruttive all’avanguardia e ispirate al principio della sostenibilità ambientale, sono state mantenute, ove possibile, tutte le finiture parietali esistenti, intervenendo solo laddove esse necessitassero di un rifacimento o di una aggiunta.

Sono stati impiegati materiali esclusivamente provenienti dalla natura, impianti ad alta efficienza che assicurano un risparmio energetico maggiore del 30% rispetto a quelli tradizionali, soluzioni in domotica di ultima generazione.

L’impianto termico è centralizzato. Ha previsto l’installazione di una pompa di calore e di pannelli radianti a parete, che consentono l’irradiamento uniforme su tutto l’ambiente e, funzionando a bassa temperatura, garantiscono risparmi energetici e la piena ottimizzazione del rendimento stagionale, con la possibilità di riscaldare e rinfrescare. Anche nell’impianto termico è stata posta la massima attenzione alle modalità più attuali che la tecnologia offre e che sposano al meglio la filosofia che caratterizza tutto l’intervento: al primo posto la salute di chi abita la casa, salvaguardata attraverso la scelta di materiali naturali tecnologicamente avanzati.

 

Il progetto del restauro conservativo di Ca’ Spineda, ha vinto il premio REbuild 2014 nella categoria “Residenziale. Il Premio REbuild é il primo concorso in Europa interamente dedicato a progetti di riqualificazione sostenibile, ideato da Habitech e dal Fraunhofer Institute. Il progetto è stato scelto come miglior intervento realizzato nel settore della riqualificazione sostenibile volto a valorizzare gli elementi centrali di un processo finalizzato a massimizzare la qualità di un edificio in termini di costi, consumi, materiali impiegati e comfort.

 

CÓ Spineda prima del restauro

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

12/10/2018

Progetto italiano di casa green realizzata con una stampante 3D

3D Crane è il nome del nuovo sistema di stampa tridimensionale realizzato dall’azienda WASP di Massa Lombarda. Il nuovo modello è stato utilizzato per Gaia, la casa realizzata con terra cruda e scarti di lavorazione del riso.   a ...

08/10/2018

Come realizzare una casa sostenibile in soli 22 metri quadri

L’edilizia utilizza il 40% delle risorse naturali del pianeta e rappresenta oltre un terzo delle emissioni di gas serra. Per fronteggiare la situazione, Yale University con il supporto dell’UN Environment e dell’UN Habitat ha realizzato un ...

18/09/2018

A New York appartamenti futuristici firmati Zaha Hadid

Il progetto 520 West 28th Street è il palazzo futuristico firmato dall’architetto Zaha Hadid. Un edificio sbalorditivo, alto 11 piani, che sorge nelle vicinanze dell’affascinante High Line Park di  New York.   a cura di Tommaso ...

11/09/2018

Hong Kong ospiterÓ Aero Hive, il grattacielo che respira

Lo studio di architettura Midori Architects ha vinto il premio Skyhive Skyscraper Challenge con il progetto futuristico Aero Hive. Due grattacieli progettati per adattarsi alle sfide del clima locale e ridurre la CO2 nell’aria.   a cura di ...

07/09/2018

Una villa ad alta efficienza energetica con SPA

A Brembio, in provincia di Lodi è in via di realizzazione uno dei primi progetti Ecolibera, con tetto fotovoltaico, piscina e SPA.    a cura di Silvia Giacometti     Ecolibera non è solo un progetto ma un concetto ...

07/09/2018

ZEPHIR Passivhaus Italia per la riqualificazione delle Torri di Madonna Bianca

Il Team di progettazione ZEPHIR Passivhaus Italia in collaborazione con gli Studi Bombasaro e Campomarzio ha vinto il concorso di progettazione di tre delle 11 torri di Villazzano che saranno riqualificate secondo la prospettiva nzeb e dell’efficienza ...

06/09/2018

Vivere in case ecosostenibili ricavate da vecchie navi mercantili

Marine Doc è il progetto che prevede la trasformazione delle vecchie navi fluviali mercantili in disuso, in nuove abitazioni di lusso ed eco sostenibili, completamente autonome dal punto di vista energetico.   a cura di Tommaso ...