IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Una casa passiva a 1800 mt che non necessita di riscaldamento

Una casa passiva a 1800 mt che non necessita di riscaldamento

Casa UD è un'abitazione passiva che grazie all'uso di soluzioni costruttive 100% naturali non utilizza combustibili fossili e non necessita di impianti di riscaldamento né di condizionamento

 

 Casa UD, abitazione passiva sita in Valle d’Aosta


Lo studio Tiziana Monterisi Architetto ha firmato Casa UD, abitazione passiva a impatto zero sita in Valle d’Aosta, che ha previsto l’esclusivo utilizzo di materiali 100% naturali quali la paglia di riso nel telaio, la terra cruda per gli intonaci interni e vetro cellulare

 

L’abitazione, che si trova a Chamois, Comune a 1.816 metri di altezza, è stata realizzata sui resti di un vecchio rudere del 1834 e ha vinto il Premio Sostenibilità 2017, nella categoria Edilizia Ristrutturazione/Restauro, organizzato dall’Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile AESS.

 

Il vecchio rudere da cui è stata realizzata Casa UD

 

Lo studio di architettura ha dunque dato vita a una casa in cui design e ricercatezza estetica si sposano perfettamente con la scelta di soluzioni e materiali naturali a bassa energia grigia e antichi, ripensati in chiave moderna, così da ridurre al minimo l’impatto ambientale.

Casa UD, abitazione passiva sita in Valle d’Aosta

 

Casa UD si sviluppa su 200 mq, e lo studio Tiziana Monterisi ha seguito anche l’arredamento degli interni, dove un ruolo centrale è stato affidato al legno, per esempio il larice centenario, presente nel vecchio solaio, è stato recuperato durante la fase di demolizione e sono stati realizzati il tavolo, il piano dei lavabi e le mensole.

 

Il rovere è stato scelto per realizzare le armadiature a muro, le porte e, nella la zona notte, anche il parquet che prosegue idealmente su una parete e ricopre il soffitto.

Legno di rovere per la camera da letto della Casa passiva UD

 

Per la ricostruzione degli esterni sono state utilizzate le stesse pietre derivanti dalla demolizione del rudere così da mantenere il più possibile la tessitura muraria originale.

 

L’abitazione si apre a un bellissimo panorama che si può godere dagli interni grazie alle vetrate a sud, in parte fisse e in parte apribili, che aiutano il dialogo tra l’interno e l’esterno e forniscono alla casa l’energia solare necessaria per renderla passiva.

 Panorama mozzafiato di Casa UD realizzata in Valle D'Aosta


Lo studio TIZIANA MONTERISI ARCHITETTO come dicevamo ha scelto materiali del tutto naturali e legati agli usi e alle tradizioni locali, come la paglia di riso o la terra cruda.

 

Solo materiali naturali per Casa UD realizzata in Valle d'Aosta

 

La paglia di riso inserita nel telaio ha elevate proprietà isolanti, assicura la perfetta traspirabilità delle pareti evitando fenomeni di condensa. Grazie a questa scelta per l’abitazione non è necessario né l’impianto di riscaldamento né quello di condizionamento, in inverno come in estate infatti casa UD mantiene al suo interno una temperatura mite e confortevole. 

 

L’umidità, invece, viene regolata in maniera naturale dagli intonaci interni, realizzati in terra cruda, e dalla ventilazione naturale. 

 

Per quanto riguarda la produzione di energia elettrica è presente un impianto fotovoltaico

Inoltre le superfici lignee (pavimenti, porte interne) sono state trattate con oli naturali, mentre quelle murarie sono completate internamente con terra cruda e pitture derivanti da chimica vegetale. Infine, per assicurare un perfetto isolamento termico, tra la casa e il controterra è stato utilizzato vetro cellulare, un materiale al 99% riciclato e riciclabile.

 

Grazie alle scelte architettoniche ed energetiche Casa UD riesce a catturare o produrre più energia, sia termica sia elettrica, di quella necessaria utilizzata dagli occupanti. Il fabbisogno energetico della casa è minore di 15 kWh/mq/anno.

 

Scheda Progetto casa UD:

Superficie: 200 mq

Zona climatica: F (Alpina – 1816 m s.l.m.)

Fabbisogno energetico: > 15 kWh/mq/anno – casa passiva

Materiali: paglia di riso, terra cruda, legno, vetro cellulare

Strategia impiantistica: impianto fotovoltaico

Cronologia costruttiva: da giugno 2016 ad aprile 2017

Award: Premio Sostenibilità 2017 nella categoria Edilizia Ristrutturazione / Restauro

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/11/2018

Tariffe incentivanti e detassazione Tremonti Ambiente, prorogati i termini

Il GSE ha prorogato al 31 dicembre 2019 il termine indicato per l'attestazione della rinuncia al beneficio fiscale, precedentemente fissato al 22 novembre, per gli operatori incorsi nel divieto di cumulo tra Conti Energia e la  “Tremonti ...

12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...

09/11/2018

Progetto di riqualificazione di un condominio con criteri di sostenibilità certificata

Da un iniziale problema di ammaloramento della facciata di un edificio con il distacco di alcune piastrelle, alla diagnosi energetica, alla riqualificazione efficiente dell’immobile, nel rispetto del progetto originario. L’intervento di ...

08/11/2018

Lo scenario per il fotovoltaico italiano da oggi al 2030

Dal convegno organizzato da Althesys a Rimini e dedicato alle prospettive del fotovoltaico in Italia è emerso che è necessario aumentare gli sforzi per assicurare il rispetto dei target fissati dalla UE. Si deve intervenire sugli impianti ...

31/10/2018

Il fotovoltaico apre la strada verso l’autoconsumo

Nel 2017 l’autoconsumo è stato pari a 4.889 GWh, ovvero il 20,1% della produzione complessiva degli impianti fotovoltaici, in crescita dell’1,9% rispetto al 2016. Un settore dalle grandi potenzialità ma che presenta ancora troppi ...

30/10/2018

La metamorfosi dell’Hotel des Postes: da palazzo storico ad edificio zero emissioni

Trasformare un vecchio edificio storico, punto di riferimento della città, in un’icona moderna dell’ecologia, senza rinunciare ai suoi preziosi elementi architettonici. Così l’Hotel des Postes cambia la sua pelle.   a ...

25/10/2018

Biosphera Equilibrium, rigenerare mente e corpo nel rispetto dell'ambiente

Un’abitazione energeticamente autosufficiente, flessibile, mobile, in grado di adattarsi ai diversi contesti climatici e di assicurare il miglior benessere psico fisico, nel rispetto dell’ambiente.     Questa è in due parole ...

18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...