IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Certificazione energetica: Italia messa in mora dalla Commissione UE

Certificazione energetica: Italia messa in mora dalla Commissione UE

A gennaio l'Italia ha ricevuto da Bruxelles una lettera di messa in mora per non aver recepito integralmente le disposizioni della direttiva entro i tempi stabiliti dalla stessa. L'articolo 15 della Direttiva del 16 dicembre 2002 aveva previsto infatti che, entro il 4 gennaio 2006, "gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva". Tuttavia lo stesso articolo ha previsto che, in caso di mancata disponibilità di esperti qualificati e/o riconosciuti, gli Stati membri dispongono di un ulteriore periodo di tre anni per applicare integralmente gli articoli 7 (Attestato di certificazione energetica), 8 (Ispezione delle caldaie) e 9 (Ispezione dei sistemi di condizionamento d'aria). Dunque entro il 4 gennaio 2009 l'Italia avrebbe dovuto conformarsi integralmente a quanto stabilito dal citato art. 7, secondo il quale "gli Stati membri provvedono a che, in fase di costruzione, compravendita o locazione di un edificio, l'attestato di certificazione sia messo a disposizione del proprietario o che questi lo metta a disposizione del futuro acquirente o locatario, a seconda dei casi".

In seguito a richieste di aggiornamenti presentate dalla deputata uscente del Parlamento europeo - e presidente del gruppo Verdi - Monica Frassoni, la Commissione UE ha reso noto di aver confermato e aggravato la procedura di infrazione nei confronti dell'Italia per il mancato rispetto della Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia.
Il 25 maggio scorso infatti la Commissione europea ha inviato all'Italia una lettera di messa in mora per chiedere chiarimenti in merito alla cancellazione dell'obbligo di allegare il certificato di rendimento energetico agli atti di compravendita degli immobili, introdotta dall'art. 35 della legge 133/2008. 
 
Dall'entrata in vigore della legge 133/2008 è venuto meno l'obbligo - previsto dai commi 3 e 4 dell'articolo 6 del Dlgs 192/2005 - di allegare l'attestato di certificazione energetica agli atti di compravendita di interi immobili o di singole unità immobiliari, e l'obbligo, nel caso delle locazioni, di consegnare o mettere a disposizione del conduttore l'attestato di certificazione energetica. In pratica, pur restando valido l'obbligo di redigere il predetto attestato, l'articolo 35 della legge 133/08 ha cancellato la sanzione della nullità degli atti per chi non abbia allegato la certificazione al rogito.

La mancata garanzia della consegna all'acquirente o locatario dell'attestato di certificazione ha fatto scattare da parte della Commissione la richiesta di chiarimenti e la messa in mora supplementare (per fatti aggiunti) dell'Italia, che ora dovrà fornire risposta alle osservazioni della Commissione entro il prossimo 25 luglio, a meno che chieda, con specifica motivazione, una proroga.

Nel frattempo è stato emanato il primo dei tre decreti attuativi dei Dlgs 192/2005 e 311/2006, relativi alla certificazione energetica degli edifici. Si tratta del Regolamento che definisce le metodologie di calcolo e i requisiti minimi per la prestazione energetica degli edifici e degli impianti termici, attuativo dell'articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del Dlgs 192/2005.
 
Ricordiamo infine che nell'aprile scorso il Parlamento Europeo ha approvato una modifica alla Direttiva CE/91/2002 sul rendimento energetico in edilizia. In base alla nuova disposizione le costruzioni realizzate dopo il 31 dicembre 2018 dovranno produrre da fonti rinnovabili tanta energia quanta ne consumano. Attualmente gli edifici dell'Unione Europea assorbono il 40% dei consumi totali di energia e il 50% del gas, fonti importate da Paesi terzi. Gli Stati dell'Eurozona dovranno adeguarsi entro il 30 giugno 2011.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/11/2018

Tariffe incentivanti e detassazione Tremonti Ambiente, prorogati i termini

Il GSE ha prorogato al 31 dicembre 2019 il termine indicato per l'attestazione della rinuncia al beneficio fiscale, precedentemente fissato al 22 novembre, per gli operatori incorsi nel divieto di cumulo tra Conti Energia e la  “Tremonti ...

07/11/2018

I Chiarimenti dell'Agenzia per la cessione credito Ecobonus

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato due risposte a Istanze di interpello, con chiarimenti relativi alla cessione del credito corrispondente alla detrazione per interventi di riqualificazione energetica     Nei giorni scorsi l'Agenzia ...

05/11/2018

Come semplificare la redazione dellAPE nel caso di presenza di split

In fase di redazione di un Attestato di Prestazione Energetica (APE), la presenza di uno o più condizionatori (mono o multi-split) installati in diversi vani dell’unità immobiliare rappresenta una delle principali difficoltà ...

02/11/2018

Mattarella firma la Legge di Bilancio, confermati Ecobonus e Sismabonus

Dopo la bollinatura della Ragioneria di Stato e la firma del Presidente Mattarella, la Legge di Bilancio approda alle Camere per i passaggi parlamentari. Le novità per l'edilizia     Lo scorso 31 ottobre la Ragioneria di Stato ha ...

22/10/2018

Le ultime modifiche al Decreto rinnovabili

Sono state inserite alcune modifiche allo schema di Decreto FER ora nelle mani del ministero dell’Ambiente per il parere di concerto: l’aumento del 10% della tariffa incentivante prevista per impianti mini idro e mini eolico e premio su tutta ...

11/10/2018

Nuove norme UNI per la carbon footprint e la sostenibilit degli edifici

Due interessanti novità dall'UNI: è stata recentemente recepita anche in lingua italiana la EN 15643-5 dedicata alla valutazione della sostenibilità degli edifici e la norma internazionale ISO 14067 che contiene le linee ...

05/10/2018

La certificazione Leed paga

La certificazione Leed diventa sempre più un asset strategico del real estate: i valori immobiliari aumentano e cresce la rapidità di collocazione sul mercato degli edifici certificati. Lo dimostra una ricerca, la prima in Italia, condotta da ...

28/09/2018

Le osservazioni di Anie Rinnovabili sullo schema di Decreto FER

ANIE Rinnovabili, che ha analizzato la bozza di Decreto ministeriale di incentivazione alle FER, esprime molta soddisfazione per la programmazione su base triennale e la possibilità di installazione di moduli fotovoltaici a seguito della bonifica da ...