IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Dalle foglie che svolazzano nuova fonte di energia?

Dalle foglie che svolazzano nuova fonte di energia?

Dal passaggio tra luce e ombra che si crea al movimento delle foglie al vento si può generare energia pulita. I risultati di uno studio della Linköping University

 

Nuova fonte di energia pulita dalle foglie che svolazzano

 

In futuro potrebbe essere possibile raccogliere energia con l'aiuto delle foglie che svolazzano nel vento. I ricercatori del laboratorio di elettronica organica dell'Università di Linköping in Svezia hanno sviluppato un materiale in grado di generare un impulso elettrico al passaggio dalla luce all'ombra e viceversa, dovuto al movimento delle foglie al vento.

Un sistema che Magnus Jonsson, docente e ricercatore del gruppo presso il Laboratorio di Elettronica Organica, Linköping University spiega così: "Le piante e i loro sistemi di fotosintesi sono continuamente soggetti a fluttuazioni tra sole e ombra. Abbiamo tratto ispirazione da questo e sviluppato una combinazione di materiali in cui i cambiamenti nel riscaldamento tra sole e ombra generano elettricità".

 

Insieme ai ricercatori dell'Università di Göteborg, Magnus Jonsson e il suo team hanno precedentemente sviluppato piccole nanoantenne del diametro di 160 nm (0,16 micron), che assorbono la luce del sole e generano calore. Queste antenne, quando incorporate nel vetro della finestra, sono in grado di ridurre le correnti di aria fredda e garantiscono un risparmio di energia. 

Mina Shiran Chaharsoughi, dottoranda del gruppo Magnus Jonsson, ha sviluppato ulteriormente la tecnologia e ha creato un piccolo generatore ottico combinando le piccole antenne con una pellicola piroelettrica in grado di produrre energia al variare della temperatura (se riscaldata o raffreddata). 

 

Le antenne sono costituite da piccoli dischi metallici, in questo caso nanodischi in oro, del diametro di 160 nm (0,16 micron).

Le nanoantenne possono essere prodotte su grandi superfici, con miliardi di piccoli dischi distribuiti uniformemente sulla superficie. "La distanza tra i dischi nel nostro caso è di circa 0,3 micrometri. Abbiamo utilizzato oro e argento, ma possono anche essere prodotti in alluminio o rame", afferma Magnus Jonsson.

Le antenne generano calore che viene poi convertito in elettricità con l'aiuto del polimero.

I ricercatori hanno dimostrato che la superficie coperta con le micro antenne posta sotto una pianta riesce a generare energia grazie alle fluttuazioni naturali tra sole e ombra create dal movimento delle foglie.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/02/2019

Entro il 2040 rinnovabili saranno la prima fonte di energia elettrica

L'energia rinnovabile da qui al 2040 aumenterà più rapidamente delle altre fonti, contribuendo alla metà della crescita dell'approvvigionamento energetico globale e diventando la prima fonte di energia elettrica a livello ...

18/02/2019

GLAMPING: vacanze ecosostenibili e glamour

Chi ha detto che vivere una vacanza in sintonia con la natura e attenta all'ambiente non significhi anche godere del bello, se non addirittura del lusso? Le soluzioni Crippa Concept     Sono in aumento gli amanti delle vacanze all'aria ...

11/02/2019

Nel 2017 il 18,3% dei consumi in Italia coperti da rinnovabili

Nel 2017 gli 787.000 impianti a fonti rinnovabili presenti in Italia hanno coperto il 35% della produzione lorda di energia. Il Rapporto del GSE.     Cresce il ruolo delle rinnovabili in Italia, nel 2017 infatti il 18.3% dei consumi energetici ...

08/02/2019

Gli ultimi 4 anni sono stati i più caldi di sempre

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto un'azione urgente per il clima, mentre l'agenzia meteorologica dell'ONU conferma il record di riscaldamento globale     Dopo l'allarme lanciato dal rapporto ...

07/02/2019

La crescita di fotovoltaico ed eolico in Europa

Agora Energiewende e Sandbag hanno presentato la valutazione annuale del sistema elettrico dell'UE per il 2018: lo scorso anno l'elettricità rinnovabile ha ridotto del 5% le emissioni di CO2 nel settore energetico dell'Unione, con la progressiva ...

06/02/2019

Le città diventano intelligenti e sostenibili

Presentati al Klimahause di gennaio gli interventi realizzati a Bolzano e Innsbruck nell’ambito del progetto Sinfonia: edifici riqualificati, fonti rinnovabili, migliorie alla rete di teleriscaldamento     I risultati del progetto europeo ...

06/02/2019

Presentata in Commissione UE la proposta per il Piano nazionale integrato Energia e Clima

Una nota del Ministero dell'Ambiente fa sapere che la proposta di Piano Nazionale Energia e Clima è stata presentata in Commissione UE: al 2030 rinnovabili al 30% e riduzione dei consumi energetici del 43%.     Il Piano stabilisce le ...

05/02/2019

A che punto è la tecnologia digitale nella filiera dell'energia?

A Milano il 14 febbraio la presentazione del Digital Energy Report per fare il punto su potenziale delle tecnologie digitali, con particolare attenzione a smart city e smart community     L'Energy&Strategy Group del Politecnico di ...