IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Eco campus hi-tech ad energia rinnovabile per l'Università di Malaga

Eco campus hi-tech ad energia rinnovabile per l'Università di Malaga

Progettato per offrire nuovi spazi pubblici, l'innovativo eco campus ridefinirà il tessuto urbano della città spagnola e rivalorizzerà l’estesa e poco utilizzata area di Louis Pasteur Boulevard. Il progetto è caratterizzato da un’elevata connettività tra gli spazi, dall’uso intenso dell’energia rinnovabile e dalle tecniche di progettazione bioclimatica passiva.

 

a cura di Tommaso Tautonico

 

Eco campus hi-tech ad energia rinnovabile per l'Università di Malaga

 

Indice degli argomenti:

Esteso su una superficie complessiva di 21 ettari, il nuovo campus universitario della città di Malaga trasformerà l’area di Louis Pasteur Boulevard, attualmente poco utilizzata, in un’aera completamente rigenerata, con nuove caratteristiche spaziali e paesaggistiche in grado di migliorare comfort climatico e connettività.

 

Progettato dallo studio Ecosistema Urbano, l’eco campus non solo migliorerà le infrastrutture della città, ma creerà nuovi spazi pubblici dove poter svolgere le attività universitarie quotidiane, comprese le lezioni.

 

I sistemi di ombreggiatura del nuovo Eco campus hi-tech dell'Università di Malaga

I sistemi di ombreggiatura del nuovo Eco campus 

Eco campus: sostenibilità ambientale e connettività

Ecologico ed hi-tech, il nuovo campus utilizza una rete di sensori e tecnologie avanzate in grado di sperimentare un nuovo livello di interattività: controllo dei sistemi di condizionamento bioclimatico, modifica delle impostazioni di illuminazione, conoscenza delle condizioni atmosferiche nelle diverse zone, condivisione di commenti o foto associati a spazi specifici, selezione di libri da una sezione della biblioteca universitaria.

 

Nuovo eco campus di Malaga massima connettività

 

"Uno degli aspetti chiave di questo progetto – dichiarano gli architetti - è il suo impegno nell'uso della tecnologia come mezzo per migliorare l'interazione tra persone e ambiente. Sarà il primo spazio pubblico che gli utenti possono controllare attraverso un'applicazione. Parallelamente alla sua costruzione, l'app UMA ufficiale verrà ampliata con moduli open source che consentiranno di poter godere della realtà aumentata, con numerose possibilità di interazioni e informazioni”.

Energie rinnovabili e pareti verdi

Tutti gli spazi del campus hi-tech saranno connessi digitalmente e saranno alimentati da sistemi di energia rinnovabile

 

Per ridurre l'impatto ambientale del progetto, gli architetti hanno proposto di installare pannelli fotovoltaici per alimentare i sistemi di condizionamento, come il raffreddamento per evaporazione e la circolazione geotermica dell'aria.

 

Nuovo ecocampus di Malaga, sistema di raffreddamento per evaporazione

Sistema di raffreddamento per evaporazione 

 

Verranno inoltre utilizzate strategie bioclimatiche passive, tra cui elementi di ombreggiatura come pareti verdi e tettoie scultoree. Il completamento della prima fase di costruzione, è prevista per dicembre 2020.

 

Il progetto si basa su quattro diverse strategie che determinano il risultato finale: la strategia del Connected Campus crea un layout urbano completo, collega le diverse strutture e apre l'università all’intera città, prestando particolare attenzione ai trasporti pubblici e alle aree pedonali.

 

Eco campus di Malaga, spazi pubblici e rinnovabili

 

La strategia Green Campus mira a creare, ripristinare e migliorare lo spazio verde esistente, crea un percorso ecologico che, attraverso una strategia di gestione sostenibile, recupera e valorizza gli spazi verdi esistenti come gli uliveti.

 

La strategia del Campus interattivo consente agli utenti di visualizzare informazioni in tempo reale, interagire con i diversi elementi dello spazio pubblico e adattarli alle loro esigenze, inclusa la configurazione dei sistemi di condizionamento bioclimatico per raggiungere condizioni ambientali ottimali.

 

Infine, la strategia Open Campus mette a disposizione degli studenti universitari e di tutti i cittadini una vasta gamma di spazi per riunioni e incontri, portando l'attività accademica nello spazio pubblico, rendendola più accessibile e dinamica.

 

img by www.ecosistemaurbano.com.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
28/02/2020

Nuovo campus tecnologico di Shenzhen, che sembra una catena montuosa

Situato nella baia di Qianhaia in Cina, il nuovo campus tecnologico del colosso tecnologico cinese occuperà 133 ettari. Il suo profilo ondulato, i pannelli fotovoltaici e i numerosi spazi verdi dimostrano un connubio ...

26/02/2020

Efficienza energetica in alta quota: così rinasce il borgo antico

In una borgata in Alta Val di Susa, a più di 1600 metri d’altezza, è stato avviato un progetto di riqualificazione che vede protagonista URSA Italia. Ecco le sfide affrontate.   a cura di Andrea Ballocchi     Indice ...

25/02/2020

Efficienza energetica negli edifici storici: le strategie per ridurre i consumi

La necessità di ridurre drasticamente le emissioni inquinanti, in un’epoca che sembra dirigersi sempre più verso un incontrollato declino ambientale, deve interessare in modo considerevole quella consistente fetta di edificato storico che ...

14/02/2020

La serra bioclimatica per il risparmio energetico, un progetto di ENEA

ENEA lancia un nuovo progetto sostenibile realizzando una serra bioclimatica con orto idroponico finalizzata allo studio e alla valutazione delle nuove prestazioni energetiche della “Scuola delle Energie”, l’edificio su ...

10/02/2020

La nuova sede Unipol a Milano: una torre tonda con serra bioclimatica

Un altro grattacielo si aggiungerà presto allo skyline di Milano. Il nuovo quartier generale della Unipol, nella zona di Porta Nuova, sarà il primo della città a poter contare su una forma tonda. L'edificio punta alla certificazione LEED ...

31/01/2020

Tetto romboidale per la nuova sede Adidas in Germania

15 mila metri quadri, una forma a diamante in pianta con un caratteristico tetto a forma di rombo. È Halftime, la nuova sede tedesca del famoso marchio sportivo, presentata nel 2018 ma appena completata.    a cura di Tommaso ...

28/01/2020

Solstice on the park: il grattacielo che massimizza la luce solare

26 piani, 250 appartamenti e un tetto verde con una vista impressionante sul vicino parco e sullo skyline di Chicago. Il tutto progettato secondo il concetto del solar carving, la modellazione architettonica che migliora l’uso della luce solare. ...

24/01/2020

The Orbit, la smart city del futuro che non rinuncia all’ambiente

Immaginate di trasformare una cittadina dai connotati rurali in una città del futuro, che combina fibra ottica, veicoli autonomi e aeroporti per droni, senza perdere la connessione con l’ambiente naturale.   a cura di Tommaso ...