IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Eco-villaggio sostenibile H20S in Senegal

Eco-villaggio sostenibile H20S in Senegal

Nasce l’eco-villaggio progettato dallo studio veneziano TAMassociati all’insegna dell’ecologia e dello sviluppo comunitario.

 

 

 

In un territorio come quello africano desertificazione ed emigrazione sono solo alcuni dei problemi da fronteggiare: lo studio italiano TAMassociati, noto per le sue opere di architettura sociale, ha messo al servizio di questo territorio tutto il suo know-how per realizzare la eco-maison H2OS.

 

Il primo lotto di H2OS è frutto di una collaborazione internazionale, parte di un progetto di eco-sviluppo promosso dall’associazione Circolo Sunugal di Venezia, sviluppato dalla Onlus Musoco in collaborazione con la ONG USE (Union pur la Solidarité et l’Entraide) di Dakar. L’eco-villaggio realizzato dallo studio italiano sarà caratterizzato da spazi abitativi (comuni e non) autonomi dal punto di vista energetico. TAMassociati ha raccolto una delle sfide più importanti: combattere l’avanzare inesorabile della desertificazione, creando un villaggio sostenibile ed ecologico dove la popolazione è totalmente coinvolta nell’iniziativa.

 

Un particolare dei moduli abitativi dell’eco-villaggio senegalese.

 

Lo studio è già noto per le sue opere di “social design”: da sempre impegnato nell’architettura sostenibile in ogni suo aspetto, TAMassociati ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti come il premio Aga Khan per l’architettura fino ad arrivare nel 2016 alla progettazione del Padiglione Italia alla Biennale.

Ecologia e sostenibilità: ripartire dall’Africa è possibile

L’eco-maison senegalese è la risposta alle esigenze della contemporaneità, con un occhio attento al rispetto delle tradizioni e del paesaggio. Le eco-abitazioni sono il frutto di una progettazione non invasiva e partecipata, che vede nella cooperazione delle comunità locali il suo fulcro.

 

Ma vediamo il progetto più da vicino: il villaggio firmato TAMassociati vede come perno la tecnologica eco-casa comune, un luogo dedicato alla formazione e alla presenza di laboratori di arti e mestieri. L’eco-maison comune è il vero “cuore” del progetto ecologico: qui è presente un impianto per il recupero dell’acqua piovana filtrata per essere utilizzati per gli impieghi sanitari e per l’irrigazione.

 

Le strutture saranno realizzate in mattoni stabilizzati in terra cruda: una progettazione partecipata che valorizza il lavoro della comunità locale

 

Attorno alla casa comune si snodano i moduli abitativi autonomi sia dal fronte energetico che idrico. Quest’ultima caratteristica è fondamentale in quanto l’eco-maison sorgerà in un territorio privo di elettricità e acqua, una vera sfida abitativa che il gruppo veneziano ha accolto e saputo declinare in un progetto che porterà a una nuova era per l’ecologia in Africa.

 

 I moduli abitativi saranno realizzati per essere autonomi dal punto di vista idrico ed energetico.

 

Il fattore comunitario e la cooperazione della comunità locale è dunque decisivo: le eco-case in mattoni stabilizzati in terra cruda sono realizzate in autocostruzione comunitaria. I tecnici specializzati interverranno, infatti, solo in merito agli elementi più complessi del progetto come servizi e impianti. Inoltre la manodopera specializzata si occuperà di formare quella locale in linea con i principi di sostenibilità e sviluppo.

 

L’area comune è caratterizzata da una eco-casa pensata come area di ritrovo e laboratorio dove includere tutta la comunità.

 

Il progetto creato da TAMassociati è pensato per essere replicabile e adattabile in altri territori con l’obiettivo di creare un modello di sostenibilità abitativa funzionale per il territorio africano e non solo.

 

a cura di Fabiana Valentini

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
28/02/2020

Nuovo campus tecnologico di Shenzhen, che sembra una catena montuosa

Situato nella baia di Qianhaia in Cina, il nuovo campus tecnologico del colosso tecnologico cinese occuperà 133 ettari. Il suo profilo ondulato, i pannelli fotovoltaici e i numerosi spazi verdi dimostrano un connubio ...

26/02/2020

Efficienza energetica in alta quota: così rinasce il borgo antico

In una borgata in Alta Val di Susa, a più di 1600 metri d’altezza, è stato avviato un progetto di riqualificazione che vede protagonista URSA Italia. Ecco le sfide affrontate.   a cura di Andrea Ballocchi     Indice ...

25/02/2020

Efficienza energetica negli edifici storici: le strategie per ridurre i consumi

La necessità di ridurre drasticamente le emissioni inquinanti, in un’epoca che sembra dirigersi sempre più verso un incontrollato declino ambientale, deve interessare in modo considerevole quella consistente fetta di edificato storico che ...

14/02/2020

La serra bioclimatica per il risparmio energetico, un progetto di ENEA

ENEA lancia un nuovo progetto sostenibile realizzando una serra bioclimatica con orto idroponico finalizzata allo studio e alla valutazione delle nuove prestazioni energetiche della “Scuola delle Energie”, l’edificio su ...

10/02/2020

La nuova sede Unipol a Milano: una torre tonda con serra bioclimatica

Un altro grattacielo si aggiungerà presto allo skyline di Milano. Il nuovo quartier generale della Unipol, nella zona di Porta Nuova, sarà il primo della città a poter contare su una forma tonda. L'edificio punta alla certificazione LEED ...

31/01/2020

Tetto romboidale per la nuova sede Adidas in Germania

15 mila metri quadri, una forma a diamante in pianta con un caratteristico tetto a forma di rombo. È Halftime, la nuova sede tedesca del famoso marchio sportivo, presentata nel 2018 ma appena completata.    a cura di Tommaso ...

28/01/2020

Solstice on the park: il grattacielo che massimizza la luce solare

26 piani, 250 appartamenti e un tetto verde con una vista impressionante sul vicino parco e sullo skyline di Chicago. Il tutto progettato secondo il concetto del solar carving, la modellazione architettonica che migliora l’uso della luce solare. ...

24/01/2020

The Orbit, la smart city del futuro che non rinuncia all’ambiente

Immaginate di trasformare una cittadina dai connotati rurali in una città del futuro, che combina fibra ottica, veicoli autonomi e aeroporti per droni, senza perdere la connessione con l’ambiente naturale.   a cura di Tommaso ...