IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Effetti a lungo termine della riqualificazione energetica degli edifici

Effetti a lungo termine della riqualificazione energetica degli edifici

Applicazione del Neopor per la riqualificazione sostenibile del quartiere Brunk, in Germania

Il quartiere Brunck di Ludwigshafen edificato attorno agli anni Trenta è stato oggetto di una prima ristrutturazione in seguito ai danni subiti dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Nel 1996, è stato sviluppato per il quartiere dalla società LUWOGE, la città di Ludwigshafen e lo stato federale Renania-Palatinato, un piano di ristrutturazione integrale: le abitazioni esistenti sono state ristrutturate ed ampliate e sono stati realizzati nuovi edifici. Il piano comprendeva nuovi edifici in classe A, B e C e delle abitazioni in classe A (case da 3 litri/mq) ottenute attraverso la ristrutturazione di vecchi alloggi. Tra gli interventi previsti all’interno di un progetto integrato edificio-impianto, significativo è stato l’isolamento termico dell’involucro con Neopor®.

A più di dieci anni di distanza da queste attività di ristrutturazione, BASF e LUWOGE hanno realizzato un sondaggio sugli effetti a lungo termine della riqualificazione energetica degli edifici e il benessere abitativo dei residenti, con risultati molto positivi.
Peter Doland, proprietario di una casa nel quartiere Brunck, ha dichiarato: “A seguito degli interventi di ristrutturazione, ho notato che la temperatura
rimane naturalmente costante all’interno della mia casa. Per questo motivo non occorre riscaldarla ulteriormente, se non in alcuni giorni molto freddi in inverno. Per noi residenti a Brunck, i sistemi d’isolamento e di ventilazione hanno portato solo benefici.”
L’indagine statistica realizzata in collaborazione con l’università HAWK (Hochschule für angewandte Wissenschaft und Kunst, di Hildesheim,
Holzminden, Göttingen), dimostra che l’80% degli abitanti del quartiere si dichiara soddisfatto o molto soddisfatto della propria abitazione con
l’isolamento termico realizzato con Neopor. Gli studi condotti sul quartiere Brunck e l’analisi di esperti hanno inoltre dimostrato che le pareti isolate con un cappotto in Neopor trattengono il calore e non hanno ponti termici perciò il rischio di sviluppo di muffe sulle pareti interne è molto più basso rispetto a quello di un edificio privo di isolamento a cappotto.

Neopor® migliora la qualità di vita
Il confort all’interno delle abitazioni dipende sostanzialmente da due fattori: la temperatura dell'aria e la temperatura superficiale interna delle pareti
dell’edificio. L’isolamento a cappotto aumenta la temperatura superficiale interna delle pareti e crea un piacevole confort interno, senza ulteriore
necessità di aumentare il riscaldamento. Neopor® offre quindi la possibilità di migliorare la qualità della vita e fare un investimento sicuro sulla propria casa.
Per potersi assicurare un isolamento in grado di mantenere l’edificio in ottimo stato per molti anni e, di conseguenza, aumentarne il valore, è fondamentale però prevedere una progettazione e una applicazione pianificata ed eseguita da professionisti esperti.

 

Quartiere Brunk

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

12/10/2018

Progetto italiano di casa green realizzata con una stampante 3D

3D Crane è il nome del nuovo sistema di stampa tridimensionale realizzato dall’azienda WASP di Massa Lombarda. Il nuovo modello è stato utilizzato per Gaia, la casa realizzata con terra cruda e scarti di lavorazione del riso.   a ...

08/10/2018

Come realizzare una casa sostenibile in soli 22 metri quadri

L’edilizia utilizza il 40% delle risorse naturali del pianeta e rappresenta oltre un terzo delle emissioni di gas serra. Per fronteggiare la situazione, Yale University con il supporto dell’UN Environment e dell’UN Habitat ha realizzato un ...

18/09/2018

A New York appartamenti futuristici firmati Zaha Hadid

Il progetto 520 West 28th Street è il palazzo futuristico firmato dall’architetto Zaha Hadid. Un edificio sbalorditivo, alto 11 piani, che sorge nelle vicinanze dell’affascinante High Line Park di  New York.   a cura di Tommaso ...

11/09/2018

Hong Kong ospiter Aero Hive, il grattacielo che respira

Lo studio di architettura Midori Architects ha vinto il premio Skyhive Skyscraper Challenge con il progetto futuristico Aero Hive. Due grattacieli progettati per adattarsi alle sfide del clima locale e ridurre la CO2 nell’aria.   a cura di ...

07/09/2018

Una villa ad alta efficienza energetica con SPA

A Brembio, in provincia di Lodi è in via di realizzazione uno dei primi progetti Ecolibera, con tetto fotovoltaico, piscina e SPA.    a cura di Silvia Giacometti     Ecolibera non è solo un progetto ma un concetto ...

07/09/2018

ZEPHIR Passivhaus Italia per la riqualificazione delle Torri di Madonna Bianca

Il Team di progettazione ZEPHIR Passivhaus Italia in collaborazione con gli Studi Bombasaro e Campomarzio ha vinto il concorso di progettazione di tre delle 11 torri di Villazzano che saranno riqualificate secondo la prospettiva nzeb e dell’efficienza ...

06/09/2018

Vivere in case ecosostenibili ricavate da vecchie navi mercantili

Marine Doc è il progetto che prevede la trasformazione delle vecchie navi fluviali mercantili in disuso, in nuove abitazioni di lusso ed eco sostenibili, completamente autonome dal punto di vista energetico.   a cura di Tommaso ...