IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Nel 2016 in UE l’86% di nuova capacità dalle rinnovabili

Nel 2016 in UE l’86% di nuova capacità dalle rinnovabili

L’UE sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo 2020 per le energie rinnovabili, ma i progressi negli ultimi due anni sono rallentati 

 

  Nel 2016 in UE l’86% di nuova capacità dalle rinnovabili

 

La transizione verso le energie rinnovabili prosegue nell'UE, ma ha perso un po' di ritmo negli ultimi due anni.

La relazione dell'Agenzia Europea dell'Ambiente (EEA) "Renewable energy in Europe – 2017 Update: Recent growth and knock-on effects", che integra un precedente studio, fornisce una panoramica dei progressi compiuti in Europa nel settore delle energie rinnovabili, sulla base di statistiche ufficiali fino al 2015 e di stime preliminari per il 2016.

 

La relazione conferma che la maggior parte degli Stati membri dell’Unione Europea - tranne Francia, Lussemburgo e Paesi Bassi- sono sulla buona strada per raggiungere i propri obiettivi in materia di energie rinnovabili, anche se i progressi sono rallentati.

 

L'obiettivo comune dell'UE è di raggiungere entro il 2020 una quota del 20% di energie rinnovabili nel consumo finale di energia e secondo le stime dell'EEA, la quota delle energie rinnovabili nel consumo finale di energia dell'UE è aumentata dal 16,1% nel 2014 al 16,7% nel 2015 e per il 2016 è previsto un 16,9%.

 

Percentuale rinnovabili nel consumo finale di energia dal 2005 al 2016

La percentuale delle energie rinnovabili è cresciuta nonostante l'aumento del consumo totale di energia nel 2015 e nel 2016. Nel periodo 2005-2014, la quota delle fonti green nel consumo finale lordo di energia dell'UE è aumentata in media del 6,7% annuo.

Tuttavia, nel 2015 questo tasso di crescita è sceso leggermente al 6,4% e, secondo i dati preliminari, nel 2016 al 5,9%.

 

Secondo le nuove stime dell'European Environment Agency (EEA), nel 2016 le energie rinnovabili hanno rappresentato l'86% della nuova capacità di produzione di elettricità installata.

A livello mondiale, la percentuale è stata del 62% circa.

 

L'Unione europea è attualmente leader mondiale nella capacità pro capite di energia rinnovabile, avendo superato il resto del mondo negli ultimi dieci anni nel trasformare il proprio sistema energetico.

 

I progressi compiuti grazie allo sviluppo delle energie rinnovabili nell'UE dal 2005 hanno ridotto il consumo interno lordo di combustibili fossili del 10% e diminuito le emissioni di gas a effetto serra del 9%, rispetto ad uno scenario senza crescita di energie sostenibili.

Il rapido sviluppo della tecnologia e la conseguente riduzione dei costi hanno già fatto sì che alcune tecnologie energetiche rinnovabili abbiano raggiunto elevate quote di mercato in Europa.

Secondo la relazione, il carbone è stato il combustibile più sostituito dalle energie rinnovabili in tutta Europa, rappresentando circa la metà di tutti i combustibili fossili e di emissioni di gas serra evitate. Segue il gas naturale, con una percentuale del 30%.

 

Naturalmente la relazione evidenzia che l'utilizzo delle energie rinnovabili nei consumi finali di energia, varia all’interno dei paesi dell’Unione: si va da circa il 30% di Austria, Danimarca, Finlandia, Lettonia e Svezia a meno del 9% in Belgio, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi e Regno Unito. L’Italia, come mostra l'immagine, ha già superato nel 2015 il target fissato al 2020 del 17% di quota di energie rinnovabili sui consumi.  

 

 Percentuale di rinnovabili in Italia sui consumi finali di energia

Il riscaldamento e raffreddamento rappresentano il settore di mercato dominante per le energie rinnovabili in Europa, seguiti dalla produzione di elettricità.

 

Nel settore dei trasporti, nel 2015 e nel 2016 le energie rinnovabili hanno rappresentato nell’Unione solo il 7% circa del consumo totale di energia. La maggior parte dell'energia rinnovabile utilizzata nei trasporti proviene dai biocarburanti.

 

La quota di posti di lavoro pro capite nel settore delle energie rinnovabili nell' UE è stata la quarta più elevata del mondo nel 2016, dopo Brasile, Giappone e Stati Uniti. 

La relazione dell'EEA rileva, tuttavia, che negli ultimi cinque anni si sono persi posti di lavoro nel settore dell'energia fotovoltaica ed eolica a causa della crescente concorrenza di altri produttori, anche in Cina.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

18/10/2018

I nuovi modelli del mercato elettrico

Quello energetico è un settore in profonda trasformazione: un’analisi di Althesys del mercato e di quanto sia necessario fare per non trovarsi impreparati   E’ in atto una profonda transizione del mercato elettrico, nel modo di ...

17/10/2018

La diffusione delle energie rinnovabili passa attraverso politiche abilitanti

Irena, che partecipa all'Assemblea dell'Unione Interparlamentare in corso a Ginevra, è convinta che sia necessario accelerare la trasformazione energetica globale attraverso la condivisione delle conoscenze e la collaborazione tra forzze politiche, ...

15/10/2018

La sostenibilità deve fare rete

Che cosa significa smart, cosa sono gli smart building e quali aspetti coinvolge il futuro smart? E’ partita da qui la terza edizione di KlimahouseCamp, momento di confronto e dibattito di alto livello tra importanti attori del mondo accademico, ...

15/10/2018

La visione di Di Maio per un Italia rinnovabile e sostenibile

L’impegno del Governo per la sostenibilità annunicato da Di Maio in un video messaggio prevede introduzione dell’Ires verde, conferma ecobonus e risorse a sostegno delle rinnovabili     Il vice premier e Ministro dello ...

10/10/2018

Le bioenergie guideranno la crescita delle rinnovabili al 2023?

IEA ha pubblicato uno studio in cui si parla delle bioenergie come le rinnovabili che cresceranno maggiormente fino al 2023, grazie alle importanti possibilità di utilizzo nel settore del calore e dei trasporti nei quali le altre fonti green ...

09/10/2018

Limitare il surriscaldamento a 1,5° per salvare il pianeta

Presentato il Rapporto IPCC che lancia l'allarme per il clima: necessario intensificare gli sforzi per combattere il surriscaldamento globale, puntare sulle rinnovabili e ridurre i consumi energetici, limitando il surriscaldamento a 1,5°  A poche ...

09/10/2018

Nella nota di aggiornamento DEF confermati Ecobonus e Sismabonus

Nella nota di aggiornamento del DEF presentata alle Camere sono confermati ecobonus e sismabonus per gli interventi di riqualificazione degli edifici     Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha pubblicato la Nota di Aggiornamento del ...