IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Più occupazione e meno emissioni con l’edilizia green

Più occupazione e meno emissioni con l’edilizia green

130.000 posti di lavoro, meno emissioni di CO2, risparmi in bolletta e benessere abitativo. Avete ancora dei dubbi se investire nell'edilizia green?

Più occupazione e meno emissioni con l’edilizia green

I dati recentemente presentati nel primo “Studio sull’innovazione energetica negli edifici in Italia”, realizzato dal Politecnico di Milano per ENGIE, importante operatore dell’energia a livello internazionale, confermano ancora una volta i benefici per l’economia e l’ambiente legati agli interventi nell’edilizia sostenibile.

 

In particolare lo studio stima che interventi capillari di riqualificazione energetica realizzati sul 20% delle abitazioni del centro e nord Italia, permetterebbero di muovere, nel quinquennio 2018-2022, un volume d’affari per le imprese del settore superiore ai 29 miliardi di euro; assicurando l’occupazione di 130.000 persone; investimenti in ricerca e sviluppo fino a 290 milioni di euro; un risparmio sulle bollette per le utenze energetiche di 2,5 miliardi di euro; un gettito di 4,8 miliardi di euro (in particolare Ires e IVA), grazie al maggiore fatturato; la mancata emissione nell’atmosfera di ben 5,4 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, equivalenti alla mancata circolazione di 2,7 milioni autoveicoli.

Dal Rapporto emerge che nel Nord e del Centro Italia solo il 7% degli immobili residenziali e il 6% dei non residenziali è in una classe energetica elevata (A+, A, B), mentre sono in grande maggioranza gli immobili nelle classi energetiche peggiori (F, G).

 

Il patrimonio edilizio in Italia è particolarmente vecchio, l’80% degli edifici è stato infatti costruito prima del 1990, anno in cui sono stati introdotti i requisiti energetici per gli edifici. Si tratta quindi di un settore in cui moltissimo si può fare, considerando anche che i consumi energetici degli edifici rappresentano il 40% dei consumi totali di energia in Italia e nella media europea.
Qualcosa nel nostro paese si muove considerando i 31 miliardi di euro investiti in efficienza energetica negli ultimi dieci anni, dei quali ben il 65% destinati agli edifici e il 35% all’industria.

 

Lo Studio ha considerato i possibili interventi da realizzare negli edifici residenziali, in quelli pubblici e commerciali, che prevedano un mix di soluzioni innovative di efficienza energetica, partendo dalla sostituzione della caldaia ed integrando altri interventi come termostati intelligenti, illuminazione a led, fotovoltaico, serramenti e cappotto termico.

 

Si tratta di interventi economicamente vantaggiosi, con tassi di rendimento dell’investimento che vanno da poco meno del 10% fino a oltre il 20% e con un ritorno dell'ivestimento dai 3 ai 9 anni, grazie ai fondamentali incentivi esistenti, che potrebbero essere ancora più efficaci se intervenissero maggiormente sulla spesa iniziale.

 

Inoltre nella ricerca si ricorda che un immobile riqualificato è più facilmente vendibile e acquista un maggior valore quantificabile, a seconda della classe energetica, fino al 30% in più, oltre ad offrire maggior comfort e ridurre le emissioni inquinanti.

 

Senza dimenticare le positive ricadute nell'economia italiana: lo Studio Polimi evidenzia infatti che il mercato dell’efficienza energetica relativo ad interventi nel settore residenziale ha un valore complessivo di oltre 3 miliardi di euro anno (dato 2016) e con opportuni interventi può crescere.

 

Si tratta in ogni caso di strategie necessarie anche per rispondere alle attuali normative, a partire dalla SEN-Strategia Energetica Nazionale, che pone  una grande attenzione ai consumi energetici residenziali e terziari; e considerando le normative europee, che richiedono che i nuovi edifici privati siano a consumo energetico “quasi zero” (nZeB) entro il 2021 e una decarbonizzazione quasi totale di tutti gli edifici esistenti entro il 2050.

 

Perché il mercato possa davvero crescere, secondo ENGIE, è necessario la Legge di Bilancio / Ddl Stabilità 2018 dia una spinta decisiva a questo settore, rafforzando le regole e gli incentivi alla riqualificazione degli edifici pubblici e privati. 

 

Olivier Jacquier, Amministratore Delegato di ENGIE Italia sottolinea “ENGIE in Italia è impegnata attivamente nel promuovere l‘efficienza energetica, come dimostrano i 10.000 edifici, di cui  3.500 scuole,  sui quali siamo intervenuti con progetti mirati non solo in ambito energetico, ma anche finalizzati a migliorare  la sicurezza e la qualità della vita dei cittadini e l’ambiente. L’efficienza energetica degli edifici porterà crescita, risparmi, occupazione e benefici per l’ambiente”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
23/10/2018

Nuovi modelli di teleriscaldamento a bassa temperatura

Sarà testato in quattro siti reali il modello sviluppato da Eurac Research per recuperare calore di scarto dalle attività produttive: nuovo progetto Life4HeatRecovery sul recupero del calore di scarto per teleriscaldamento e ...

18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

18/10/2018

I nuovi modelli del mercato elettrico

Quello energetico è un settore in profonda trasformazione: un’analisi di Althesys del mercato e di quanto sia necessario fare per non trovarsi impreparati   E’ in atto una profonda transizione del mercato elettrico, nel modo di ...

17/10/2018

La diffusione delle energie rinnovabili passa attraverso politiche abilitanti

Irena, che partecipa all'Assemblea dell'Unione Interparlamentare in corso a Ginevra, è convinta che sia necessario accelerare la trasformazione energetica globale attraverso la condivisione delle conoscenze e la collaborazione tra forzze politiche, ...

15/10/2018

La sostenibilità deve fare rete

Che cosa significa smart, cosa sono gli smart building e quali aspetti coinvolge il futuro smart? E’ partita da qui la terza edizione di KlimahouseCamp, momento di confronto e dibattito di alto livello tra importanti attori del mondo accademico, ...

15/10/2018

La visione di Di Maio per un Italia rinnovabile e sostenibile

L’impegno del Governo per la sostenibilità annunicato da Di Maio in un video messaggio prevede introduzione dell’Ires verde, conferma ecobonus e risorse a sostegno delle rinnovabili     Il vice premier e Ministro dello ...

10/10/2018

Le bioenergie guideranno la crescita delle rinnovabili al 2023?

IEA ha pubblicato uno studio in cui si parla delle bioenergie come le rinnovabili che cresceranno maggiormente fino al 2023, grazie alle importanti possibilità di utilizzo nel settore del calore e dei trasporti nei quali le altre fonti green ...

09/10/2018

Limitare il surriscaldamento a 1,5° per salvare il pianeta

Presentato il Rapporto IPCC che lancia l'allarme per il clima: necessario intensificare gli sforzi per combattere il surriscaldamento globale, puntare sulle rinnovabili e ridurre i consumi energetici, limitando il surriscaldamento a 1,5°  A poche ...