IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Una foresta urbana a Treviso

Una foresta urbana a Treviso

A Treviso, di fronte al fiume Sile, dove un tempo sorgeva una struttura industriale in abbandono, lo studio Stefano Boeri Architetti ha realizzato un piccolo “bosco urbano” a misura della città

 

a cura di Claudia Capperucci

 

Ca’ delle Alzaie, la foresta urbana a Treviso firmata Stefano Boeri Architetti

 

Stefano Boeri Architetti firma un’altra straordinaria foresta urbana, una struttura architettonica composta da tre edifici. Sorge su un’ex fabbrica, di fronte al fiume Sile ed è perfettamente integrata con la natura: sulle facciate 120 alberi e 400 arbusti, che riescono a produrre 2,7 tonnelate di ossigeno all’anno. Siamo a due passi dalle antiche mura di Treviso e questo progetto contribuisce a far riconciliare la periferia con il centro storico. 

 

Gli edifici sono tutti di sette piani e disposi l’uno accanto all’altro. Ma sono orientati in maniera leggermente differente per avere, tutti, una disposizione ottimale e di conseguenza un eccellente comfort energetico. Ogni piano si compone di due o tre appartamenti, ognuno con due o tre camere.

 

Tutte le zone a giorno sono rivolte a sud, verso il fiume e quelle a notte a nord. Il prospetto sud è definito da una serie di terrazze continue profonde tre metri e intervallate da elementi verticali, studiate per ospitare le alberature. Gli appartamenti hanno tutti la terrazza e possono beneficiare dell’ombra della chioma di almeno un albero.

 

La facciata nord presenta, invece, lungo tutto lo sviluppo una serie di vasi lineari in aggetto per arbusti di piccole e medie dimensioni, interrotti puntualmente da contenitori verticali, analoghi a quelli presenti sulla facciata sud, per arbusti di medie e grandi dimensioni.

 

Ca’ delle Alzaie, la foresta urbana a Treviso firmata Stefano Boeri Architetti

 

“Complessivamente il fronte che si compone è discontinuo ma permette ad ogni singolo edificio di beneficiare appieno del rapporto con il paesaggio; anche i parcheggi e i posti auto sono situati ad un livello semi-interrato ricoperti con terreno di riporto che permette di non interrompere la continuità dello spazio verde di pertinenza che si congiunge al verde pubblico del lungofiume”, ha spiegato Marco Giorgio, Project Director di StefanoBoeriArchitetti.

 

Ca’ delle Alzaie integra la componente vegetale nella struttura architettonica dei tre edifici: le alberature e i grandi arbusti sono inseriti in maniera differente nei prospetti nord e sud. Grazie al percorso ciclo-pedonale collegato a via IV Novembre (una delle strade principali di Treviso), la riqualificazione ambientale di questa parte della città si riflette anche sul centro storico. Il progetto si pone espressamente come obiettivo quello di massimizzare la superficie destinata a verde sia esso pubblico o privato. La superficie verde condominiale si articola in giardini privati delle abitazioni al primo livello e anche in orti condominiali che seguono il dolce declivio del terrapieno fino allo sponda del Sile.

 

Il progetto si allinea con il Piano di Recupero noto come “Quattro Novembre” che prevede la riqualificazione di tutta l’area.

 

Scheda Progetto

  • Progettista: Stefano Boeri Architetti
  • Luogo: Treviso
  • Committente: Cazzaro Costruzioni
  • Superficie di intervento: 10.700 mq
  • Cronologia realizzazione: 2016 - 2018

 

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/11/2019

Architettura di qualità per l’adattamento climatico

Ecco un esempio di come le città esposte al rischio inondazioni possono, con l’aiuto dell’architettura, affrontare le conseguenze del cambiamento climatico. Amburgo, importante porto commerciale sul Mare del Nord, per difendere la ...

14/11/2019

A Praga il grattacielo più alto della città ispirato ai cambiamenti climatici

Soprannominato TOP TOWER, il progetto di grattacielo dalla visione apocalittica sui cambiamenti climatici ha suscitato non poche polemiche per il suo forte impatto visivo: l’edificio incorpora una grande nave alla deriva durante un ...

13/11/2019

A ZHA il progetto dell’hub ferroviario di Tallin

Il progetto del nuovo terminal di Ülemiste in Estonia verrà realizzato dallo studio londinese di Zaha Hadid Architects. Sarà il punto di partenza della linea Rail Baltic, la ferrovia di 870 chilometri che unirà la capitale estone al ...

12/11/2019

Svezia: il primo museo della scienza a emissioni zero alimentato da energia a pedale

Visitare il museo e pedalare per alimentarlo. La città universitaria di Lund, in Svezia, ospiterà il primo museo della scienza alimentato esclusivamente dall’energia solare e dall’energia cinetica prodotta dalle pedalate delle ...

08/11/2019

Seconda certificazione Leed Platinum per il grattacielo Intesa Sanpaolo

Dopo aver ottenuto nel 2015 la certificazione Leed Platinum, il grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino è il primo in Europa ad aver ricevuto la seconda certificazione LEED Platinum per la categoria ‘gestione sostenibile ...

07/11/2019

Benessere e comfort avvolti nel legno

Una casa sull'albero realizzata secondo i criteri della bioedilizia che invita a vivere a contatto con la natura protetti dai rami di un meraviglioso Nussbaum. A breve sul tetto sarà installato un impianto fotovoltaico con sistema di ...

06/11/2019

Tecla, la casa sostenibile in 3d di Mario Cucinella

È il modello innovativo di habitat eco-sostenibile in stampa tridimensionale frutto della collaborazione dello studio bolognese e Wasp. Si basa sulla circolarità del processo costruttivo con materiali riutilizzabili e riciclabili. Alla ...

29/10/2019

In Costa Rica realizzata una casa con impronta zero di carbonio

Lungo la costa meridionale della Costa Rica, in un clima torrido e umido, sorge lo straordinario edificio caratterizzato da controllo passivo del clima grazie alla ventilazione naturale e sistema frangisole.   a cura di Tommaso ...