IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Una foresta urbana a Treviso

Una foresta urbana a Treviso

A Treviso, di fronte al fiume Sile, dove un tempo sorgeva una struttura industriale in abbandono, lo studio Stefano Boeri Architetti ha realizzato un piccolo “bosco urbano” a misura della città

 

a cura di Claudia Capperucci

 

Ca’ delle Alzaie, la foresta urbana a Treviso firmata Stefano Boeri Architetti

 

Stefano Boeri Architetti firma un’altra straordinaria foresta urbana, una struttura architettonica composta da tre edifici. Sorge su un’ex fabbrica, di fronte al fiume Sile ed è perfettamente integrata con la natura: sulle facciate 120 alberi e 400 arbusti, che riescono a produrre 2,7 tonnelate di ossigeno all’anno. Siamo a due passi dalle antiche mura di Treviso e questo progetto contribuisce a far riconciliare la periferia con il centro storico. 

 

Gli edifici sono tutti di sette piani e disposi l’uno accanto all’altro. Ma sono orientati in maniera leggermente differente per avere, tutti, una disposizione ottimale e di conseguenza un eccellente comfort energetico. Ogni piano si compone di due o tre appartamenti, ognuno con due o tre camere.

 

Tutte le zone a giorno sono rivolte a sud, verso il fiume e quelle a notte a nord. Il prospetto sud è definito da una serie di terrazze continue profonde tre metri e intervallate da elementi verticali, studiate per ospitare le alberature. Gli appartamenti hanno tutti la terrazza e possono beneficiare dell’ombra della chioma di almeno un albero.

 

La facciata nord presenta, invece, lungo tutto lo sviluppo una serie di vasi lineari in aggetto per arbusti di piccole e medie dimensioni, interrotti puntualmente da contenitori verticali, analoghi a quelli presenti sulla facciata sud, per arbusti di medie e grandi dimensioni.

 

Ca’ delle Alzaie, la foresta urbana a Treviso firmata Stefano Boeri Architetti

 

“Complessivamente il fronte che si compone è discontinuo ma permette ad ogni singolo edificio di beneficiare appieno del rapporto con il paesaggio; anche i parcheggi e i posti auto sono situati ad un livello semi-interrato ricoperti con terreno di riporto che permette di non interrompere la continuità dello spazio verde di pertinenza che si congiunge al verde pubblico del lungofiume”, ha spiegato Marco Giorgio, Project Director di StefanoBoeriArchitetti.

 

Ca’ delle Alzaie integra la componente vegetale nella struttura architettonica dei tre edifici: le alberature e i grandi arbusti sono inseriti in maniera differente nei prospetti nord e sud. Grazie al percorso ciclo-pedonale collegato a via IV Novembre (una delle strade principali di Treviso), la riqualificazione ambientale di questa parte della città si riflette anche sul centro storico. Il progetto si pone espressamente come obiettivo quello di massimizzare la superficie destinata a verde sia esso pubblico o privato. La superficie verde condominiale si articola in giardini privati delle abitazioni al primo livello e anche in orti condominiali che seguono il dolce declivio del terrapieno fino allo sponda del Sile.

 

Il progetto si allinea con il Piano di Recupero noto come “Quattro Novembre” che prevede la riqualificazione di tutta l’area.

 

Scheda Progetto

  • Progettista: Stefano Boeri Architetti
  • Luogo: Treviso
  • Committente: Cazzaro Costruzioni
  • Superficie di intervento: 10.700 mq
  • Cronologia realizzazione: 2016 - 2018

 

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
10/12/2018

L’edificio per uffici più sostenibile al mondo? Il Bullitt Center di Seattle

Realizzato quattro anni fa, il Bullitt Center di Seattle può vantare diverse tecnologie che l’hanno reso uno degli edifici più sostenibili al mondo. Certificato Living Building Challenge, per i prossimi 250 anni eviterà bollette ...

28/11/2018

Il gioiello europeo di Pegognaga

Nel piccolo paese mantovano è stata realizzata la prima Passivhaus Plus di livello europeo. Una ristrutturazione di due edifici che ha seguito i principi della progettazione energeticamente sostenibile,  con un’attenzione insistente ...

23/11/2018

La casa del futuro efficiente e alimentata da rinnovabili de La Sapienza a Dubai

Il 28 novembre si svolgerà la cerimonia di chiusura e premiazione del Solar Decathlon Middle East 2018 a cui partecipa l’Università Sapienza di Roma con il progetto ReStart4Smart     Il Solar Decathlon Middle East ...

23/11/2018

La Torre di Controllo di Pininfarina e AECOM nel nuovo Aeroporto di Istanbul

Il concept della torre di Controllo disegnata da Pininfarina e AECOM del nuovo aeroporto di Istanbul mescola influenze provenienti dai settori aerospaziale e automotive con elementi evocativi della cultura turca. Un progetto che regala un nuovo elemento ...

21/11/2018

Architettura, sport e sostenibilità per la sede del Graafschap College

Il Graafschap College di Doetinchem ha aperto una nuova filiale nello zona dello  Sportpark. Un edificio moderno, indipendente dal punto di vista energetico grazie a fotovoltaico, illuminazione Led e solare termico    a cura di Tommaso ...

12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...

09/11/2018

Progetto di riqualificazione di un condominio con criteri di sostenibilità certificata

Da un iniziale problema di ammaloramento della facciata di un edificio con il distacco di alcune piastrelle, alla diagnosi energetica, alla riqualificazione efficiente dell’immobile, nel rispetto del progetto originario. L’intervento di ...

30/10/2018

La metamorfosi dell’Hotel des Postes: da palazzo storico ad edificio zero emissioni

Trasformare un vecchio edificio storico, punto di riferimento della città, in un’icona moderna dell’ecologia, senza rinunciare ai suoi preziosi elementi architettonici. Così l’Hotel des Postes cambia la sua pelle.   a ...