IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Fotovoltaico: definire un limite massimo di energia incentivabile

Fotovoltaico: definire un limite massimo di energia incentivabile

Italia Solare propone al GSE di definire un limite massimo di energia incentivabile per gli impianti FV così da assicurare la libertà di intervento o sostituzioni dei componenti

 

 

Come si può semplificare il rapporto con il GSE in vista del Documento tecnico di riferimento per gli interventi sugli impianti fotovoltaici in Conto energia? E’ questa la domanda cui Italia Solare sta cercando di rispondere e, a tal proposito, ha proposto al GSE un tavolo di confronto per la massima semplificazione burocratica e amministrativa, così da agevolare le procedure, evitando inutili perdite di tempo.


In occasione delle prime tappe del tour “Una marcia in più per gli Impianti Fotovoltaici”, l’associazione ha raccolto spunti e riflessioni che aiutino a semplificare i rapporti produttori FV-GSE, ma anche a promuovere il settore dal grande potenziale nei prossimi anni del revamping degli impianti FV.
Italia Solare ricorda intanto che la manutenzione preventiva di un impianto fotovoltaico, in modo che ne siano garantite le performance nel tempo, è necessaria a garanzia della producibilità dell’impianto e della sicurezza, ed è richiesta dalla normativa, ai sensi del DM 37/08 e del D.Lgs 81/08 ed è dunque un aspetto che dovrebbe essere inserito nel DTR in emanazione.


Per ITALIA SOLARE è prioritario, per ottimizzare e semplificare i rapporti tra GSE e operatori, definire una regola chiara per cui per ogni impianto debba essere stabilito un limite massimo di energia incentivabile e ogni impianto non possa ricevere più fondi di quelli previsti dal budget a suo tempo rappresentato dal “contatore” e non debba essere oggetto di modifiche che possano “inficiare i requisiti che hanno consentito il riconoscimento della tariffa incentivante e di eventuali premi o maggiorazioni previsti dal Conto Energia di riferimento”.

 

In questo modo, evidenzia il Presidente di Italia Solare Paolo Rocco Viscontini, si supererebbero le incertezze sulla possibilità o meno di intervenire sugli impianti, risparmiando tempo e le spese legate ai costi di istruttoria.


Ogni produttore potrebbe riqualificare o sostituire i componenti e migliorare le prestazioni dell’impianto senza l’obbligo di comunicarlo GSE, a meno che si modifichi la potenza installata, che dovrà rispettare i limiti stabiliti dal GSE, o che vengano meno i requisiti che hanno dato origine all’ottenimento di eventuali premi o maggiorazioni degli incentivi.

 

Sono quattro gli obiettivi principali che Italia Solare ha indivuduato e segnalato al GSE:
1. maggiore efficacia della produzione di energia pulita da fonte fotovoltaica anche attraverso la manutenzione preventiva degli impianti;
2. incentivare il settore del revamping che può portare importanti vantaggi al Paese in termini di competenze specialistiche e PIL
3. semplificazione burocratica per garantire una reale riduzione dei costi di gestione delle pratiche del GSE
4. utilizzare al meglio il programma del Conto Energia, nel rispetto dei limiti imposti dai relativi budget economici

 

Scarica la lettera che Italia Solare ha inviato al GSE

 

 

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/11/2018

Tariffe incentivanti e detassazione Tremonti Ambiente, prorogati i termini

Il GSE ha prorogato al 31 dicembre 2019 il termine indicato per l'attestazione della rinuncia al beneficio fiscale, precedentemente fissato al 22 novembre, per gli operatori incorsi nel divieto di cumulo tra Conti Energia e la  “Tremonti ...

12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...

08/11/2018

Lo scenario per il fotovoltaico italiano da oggi al 2030

Dal convegno organizzato da Althesys a Rimini e dedicato alle prospettive del fotovoltaico in Italia è emerso che è necessario aumentare gli sforzi per assicurare il rispetto dei target fissati dalla UE. Si deve intervenire sugli impianti ...

31/10/2018

Il fotovoltaico apre la strada verso l’autoconsumo

Nel 2017 l’autoconsumo è stato pari a 4.889 GWh, ovvero il 20,1% della produzione complessiva degli impianti fotovoltaici, in crescita dell’1,9% rispetto al 2016. Un settore dalle grandi potenzialità ma che presenta ancora troppi ...

05/10/2018

- 17% per fotovoltaico, eolico e idroelettrico nei primi 8 mesi del 2018

Anie Rinnovabili ha pubblicato l'Osservatorio FER di agosto che mostra ancora un calo, -17%, delle installazioni nei primi 8 mesi dell'anno rispetto al 2017.      Nel periodo gennaio-agosto 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, ...

03/10/2018

La Cina sperimenta per la prima volta finestre fotovoltaiche e isolanti

I ricercatori della South China University of Technology hanno sviluppato un prototipo di finestra fotovoltaica in grado di svolgere due funzioni differenti e molto importanti: produrre energia ed isolare termicamente.   a cura di Tommaso ...

28/09/2018

Blockchain al servizio della digital energy

Il settore energetico è protagonista di una vera e propria trasformazione digitale, verso un modello di produzione decentralizzata e distribuita di energia elettrica, in cui gli acquisti e le vendite di energia elettrica saranno certificati ...

28/09/2018

Le osservazioni di Anie Rinnovabili sullo schema di Decreto FER

ANIE Rinnovabili, che ha analizzato la bozza di Decreto ministeriale di incentivazione alle FER, esprime molta soddisfazione per la programmazione su base triennale e la possibilità di installazione di moduli fotovoltaici a seguito della bonifica da ...