IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > La metamorfosi dell’Hotel des Postes: da palazzo storico ad edificio zero emissioni

La metamorfosi dell’Hotel des Postes: da palazzo storico ad edificio zero emissioni

Trasformare un vecchio edificio storico, punto di riferimento della città, in un’icona moderna dell’ecologia, senza rinunciare ai suoi preziosi elementi architettonici. Così l’Hotel des Postes cambia la sua pelle.

 

a cura di Tommaso Tautronico

 

La metamorfosi dell’Hotel des Postes: da palazzo storico ad edificio zero emission

 

Progettato tra il 1905 e il 1910 dall’architetto dello Stato Sosthène Weis, lo storico edificio della sede della società di telecomunicazioni è un simbolo della città di Lussemburgo.

 

Di elevato pregio architettonico, con uno stile neo-rinascimentale, l’edificio è stato costruito principalmente utilizzando pietra e cemento armato.

 

Presto però questo simbolo del passato diventerà oggetto di una metamorfosi, trasformandosi in un simbolo della modernità, pur mantenendo inalterati i suoi simboli architettonici.

 

Lo studio parigino Vincent Callebaut Architectures, grazie alla sua visione ispirata alla crisalide, si è aggiudicato il primo posto al concorso internazionale di design “POST Luxembourg”.

 

La riqualificazione dell’Hotel des Postes che diventerà un edificio carbon neutral


L’idea è di trasformare lo storico edificio in un simbolo ecologico per l’intera città, rendendolo neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio. Soprannominata la metamorfosi dell'Hotel des Postes, il masterplan vincente si sviluppa su quasi 120.000 metri quadrati di spazio a uso misto che comprendono alloggi, spazi dedicati al co-working, negozi, un birrificio, un ristorante e un giardino pensile dedicato alla permacultura.

La metamorfosi dell’Hotel des Postes

Pur risalendo agli inizi del ‘900 l’edificio è stato oggetto di diversi interventi di rinnovamento, che ne hanno ampliato l’estensione. Il progetto di “metamorfosi” partirà dalla trasformazione del cortile interno in un atrio coperto, con l’aggiunta di un volume a più piani ispirato alla crisalide.

 

La metamorfosi dell’Hotel des Postes in edificio carbon neutral.

 

Di forma allungata e dall’aspetto di una cupola, questo spazio sarà ricoperto con celle fotovoltaiche. Per raggiungere la carbon neutrality l’edificio non solo sarà alimentato con energie rinnovabili come solare, eolica e biomassa, ma sarà anche rinnovato per seguire i principi della progettazione passiva.

 

Nella riqualificazione dell’Hotel des Postes utilizzate le energie rinnovabili

 

Un involucro ermetico, finestre con doppi vetri e isolamento altamente efficiente permetteranno all’edificio di consumare meno di 30 kWh di energia per metro quadrato all'anno e raggiungere obiettivi energetici prossimi allo zero netto.


Sebbene il progetto richieda un significativo rinnovamento dei sistemi energetici strutturali, i progettisti dello studio Vincent Callebaut preserveranno gli elementi architettonici dell'edificio. "Il nostro obiettivo è quello di rivelare le qualità intrinseche del patrimonio dell'edificio e metterle in evidenza con un'architettura contemporanea" spiegano gli architetti. "Tra storia e modernità, tra patrimonio e innovazione, questa metamorfosi rafforza l'identità patrimoniale del luogo, trasformando l'edificio storico in un simbolo dell’architettura contemporanea ed ecologica. Un progetto eccezionale dove low-tech e high-tech sono in sintonia”.

 


Chissà in quale meravigliosa creatura si trasformerà l’edificio quando la metamorfosi sarà conclusa, per ora non ci resta che aspettare che il governo locale approvi il progetto.

 

img by vincent.callebaut.org

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/07/2019

Le residenze sostenibili ad Eindhoven

Portare il verde nel centro città per garantire una qualità di vita sostenibile ed efficiente alle future generazioni: il nuovo complesso residenziale Nieuw Bergen in corso di costruzione a Eindhoven progettato da MVRDV.   a cura ...

12/07/2019

Autoconsumo: la microrete intelligente di Casa Siemens

L’obiettivo autoconsumo rappresenta uno dei capisaldi di Siemens che ha deciso di intraprendere la strada della decarbonizzazione impegnandosi per raggiungere una riduzione del 50% di emissioni entro il 2020. Per conseguire questo progetto ...

10/07/2019

Un grattacielo per gli alberi che cattura l’anidride carbonica

Come può l’architettura contribuire ad invertire la rotta del disboscamento? Termini come grattacielo, paesaggio ed alberi possono coesistere in un unico ecosistema, rivoluzionando il concetto di ecologia urbana? Il grattacielo Carbon Copy è una soluzione ...

12/06/2019

Modulo di legno NZEB per i cicloturisti

Inaugurato lo scorso week end il primo ciclorifugio al 100% eco-sostenibile realizzato dagli studenti di ITS Energia Piemonte. La struttura di 28 mq, realizzata in legno si trova all'interno di un percorso ciclabile tra le vigne di Cellarengo ...

06/06/2019

Creato un nuovo materiale in laboratorio: bianco lucente che si ispira a un coleottero

Dalla collaborazione di un team di fisici dell’università di Firenze e dell’Accademia di Scienze di Pechino nasce un nuovo materiale caratterizzato da un bianco estremamente lucente. La ricerca è stata pubblicata su Advanced ...

29/05/2019

ComoCasaClima diventa Klimahouse Lombardia

L’elegante Mandarin Hotel, suggestivamente affacciato sul Lago di Como, ha di recente ospitato la presentazione dell’attesa fiera dedicata all’efficienza energetica in edilizia, che quest’anno verrà proposta con il nome di ...

09/05/2019

La nuova biblioteca di Madrid è un'astronave verde

The Green Spaceship è la nuova biblioteca comunale di Madrid, sviluppata su due livelli, la parte superiore sarà ricoperta di vegetazione durante i mesi estivi.   a cura di Tommaso Tautonico     The Green Spaceship è ...

06/05/2019

Il Salesforce Tower premiato come miglior grattacielo al mondo

L'edificio di 326 metri realizzato a San Francisco dallo Studio Pelli Clarke Pelli Architects, ha vinto il CTBUH Awards, il grattacielo più bello del mondo      In occasione della Council on Tall Buildings and Urban Habitat ...