IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il piano "anti crisi" mette in crisi la riqualificazione energetica

Il piano "anti crisi" mette in crisi la riqualificazione energetica

Dopo la pessima scelta di eliminare l'obbligo di certificazione energetica nella compravendita degli immobili e la lotta per impedire l'obiettivo del miglioramento del 20% entro il 2020 imposto dalla apposita direttiva dell'Unione Europea, arriva dal Governo tramite il "piano anticrisi", l'ennesima batosta per uno dei settori più produttivi del nostro Paese, quello dell'edilizia, andando a colpire pesantemente gli incentivi fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica.

La normativa sugli incentivi fiscali era stata introdotta due anni fa dall'allora Ministro dello Sviluppo Economico Pierluigi Bersani e prevede la possibilità di detrarre il 55% delle spese sostenute per apportare le migliorie, dalla dichiarazione dei redditi. Con il "decreto anticrisi" riuscire ad ottenere questo incentivo sarà molto più difficile se non addirittura impossibile in quanto sono stati limitati i fondi destinati a questi incentivi.

Cambia anche l'iter per accedere alle detrazioni Irpef e Iras, per tutte le spese sostenute dopo dal 1 gennaio 2008, i contribuenti devono inoltrare all'agenzia delle entrate, unicamente in forma telematica, "un'apposita istanza per consentire il monitoraggio della spesa e la verifica del rispetto dei limiti di spesa complessivi".

Non sarà più automatico accedere agli incentivi: proprio a causa del tetto massimo dei fondi destinati alle detrazioni, l'Agenzia delle entrate dovrà esaminare le domande, secondo ordine cronologico di invio, proprio per verificare la disponibilità di fondi e dovrà comunicare entro 30 giorni l'esito della verifica. Viene introdotto anche il "silenzio diniego" per cui, se passati i 30 giorni non si riceve alcuna risposta, la domanda di detrazione dovrà intendersi respinta.

Per gli interventi eseguiti nell'anno 2008, in caso di diniego o di mancato invio della domanda, il contribuente avrà la possibilità di usufruire di una detrazione fiscale lorda pari al 36% delle spese sostenute e fino ad un massimo di 48.000 euro suddivisi in 10 ratte annuali.

Questo cambio repentino di rotta non si riesce proprio a capire, come spiega il ministro ombra dell'Economia Pierluigi Bersani, "Lo sconto fiscale del 55% sulle ristrutturazioni edilizie a fini ambientali era una tipica norma di sostegno all'economia e all'ambiente secondo priorità universalmente riconosciute dal Protocollo di Kyoto in poi. Anche questo viene vanificato, addirittura con effetti retroattivi. Per stare al concreto, chi ha realizzato l'intervento sulla sua casa nel 2008 potrà rimetterci fino a 15mila euro".

Il ministro ombra dell'Ambiente Ermete Realacci aggiunge "Lo sgravio fiscale del 55% introdotto dal governo Prodi è stato utilizzato da 230 mila famiglie e ha messo in moto un volano di affari superiore ai 3 miliardi di euro permettendo di ripagare lo sgravio fiscale previsto, attraverso l'emersione del sommerso e l'attivazione di una nuova economia".

Dura anche la presa di posizione del responsabile energia Edoardo Zanchini di Legambiente. "Non si comprende la ragione per la quale si è deciso di cambiare un provvedimento che ha avuto un grande successo e che permetteva alle famiglie di risparmiare sulle bollette elettriche e termiche grazie alla possibilità di installare impianti solari termici, caldaie a condensazione, interventi di efficienza energetica. A meno di voler proprio limitare il ricorso a questo tipo di incentivi"

Detrazione irpef

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
22/07/2019

Citt pi green e in rete per affrontare il clima che cambia

La seconda Conferenza Nazionale delle Green City ha messo in luce problemi, ma anche opportunità e buone pratiche per affrontare il climate change. Una possibile soluzione: città sempre più verdi ed economia circolare   a cura di ...

22/07/2019

Monitoraggio GSE delle fonti rinnovabili nelle regioni italiane

Il GSE ha pubblicato i dati statistici sui consumi di energia rinnovabile nelle Regioni italiane, con monitoraggio degli obiettivi burden sharing. Ne emerge una fotografia positiva: la maggior parte delle Regioni ha superato i target al 2020. Liguria e ...

18/07/2019

Contest che parlano la lingua dellambiente e del sociale

Tre progetti di riqualificazione urbana, a Nord, Sud e Centro Italia mettono al centro giovani progettisti che hanno a cuore l’ambiente e valorizzano le poche risorse a loro disposizione. A Milano, Napoli e nella Regione Toscana alcuni progetti nati da ...

17/07/2019

Decreto crescita: la cessione del credito IRPEF una condanna per le PMI

L'articolo 10 comma 3 del Decreto crescita da poco entrato in vigore suscita non poche preoccupazioni da parte delle associazioni delle rinnovabili: la possibilità per l'acquirente di un sistema fotovoltaico di cedere il credito IRPEF al fornitore ...

16/07/2019

Povert energetica, lefficienza riduce il problema

Sono più di due milioni gli italiani in condizioni di energy poverty. Un problema che può essere arginato mediante l’efficienza energetica in edilizia   a cura di Andrea Ballocchi     Indice degli ...

15/07/2019

Il fotovoltaico integrato per la transizione verso citt sostenibili

SolarPower Europe ed ETIP PV hanno recentemente presentato un Rapporto che evidenzia l'enorme potenziale delle tecnologie BIPV (Building Integrated Photovoltaics) a sostegno della transizione verso città europee a zero emissioni di ...

15/07/2019

Le residenze sostenibili ad Eindhoven

Portare il verde nel centro città per garantire una qualità di vita sostenibile ed efficiente alle future generazioni: il nuovo complesso residenziale Nieuw Bergen in corso di costruzione a Eindhoven progettato da MVRDV.   a cura ...

12/07/2019

Autoconsumo: la microrete intelligente di Casa Siemens

L’obiettivo autoconsumo rappresenta uno dei capisaldi di Siemens che ha deciso di intraprendere la strada della decarbonizzazione impegnandosi per raggiungere una riduzione del 50% di emissioni entro il 2020. Per conseguire questo progetto ...