Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Italia sempre più rinnovabile

Italia sempre più rinnovabile

Presentato da Legambiente il Dossier Comuni Rinnovabili 2018: in tutti i Comuni è stato installato almeno un impianto rinnovabile, fotovoltaico in testa con 20GW. 37 i comuni al 100% rinnovabili

 

Dossier Comuni rinnovabili 2018 di Legambiente

 

Stando ai risultati emersi dal Dossier Comuni Rinnovabili 2018 l'Italia potrebbe fra non molto fare a meno delle fonti fossili; se infatti nel 2008 erano solo 356 i Comuni con almeno un impianto rinnovabile, nel 2018 in tutti i 7.978 municipi è stato installato almeno un impianto da energie pulite e nel complesso la produzione da rinnovabili è aumentata di oltre 50 TWh. 

 

Il contributo delle energie green in questi anni è passato dal 15 al 34,4% rispetto ai consumi elettrici e dal 7 al 17,7% in quelli complessivi.

Dal Report emerge che i comuni autosufficienti per i fabbisogni elettrici sono 3.060, 58 per quelli termici e 37 i comuni 100% rinnovabili.

 

Il fotovoltaico fa la parte del leone, sono infatti 7.862 i Comuni in cui sono installati impianti fotovoltaici, 6.822 quelli con impianti di solare termico, 1.489 quelli del mini idroelettrico (in particolare al centro nord) e 1.025 quelli dell’eolico (soprattutto al centro sud), 4.130 quelli delle bioenergie e 595 quelli della geotermia. 

 

La Lombardia è la regione in cui vi è il maggior numero di impianti rinnovabili, con 7.989 MW installati, mentre la Puglia è quella con maggior numero di installazioni di solare e eolico: 5.056 MW su 5.388 MW totali. 

 

Il Dossier propone inoltre 100 storie dell'Italia che raccontano esperienze virtuose di Conuni in grado di soddisfare i fabbisogni energetici attraverso risorse energetiche locali, grazie a reti e sistemi di accumulo, che rappresentano un esempio da seguire per soddisfare i fabbisogni con le sole energie pulite e combattere il surriscaldamento. 

 

La Responsabile Energia di Legambiente Katiuscia Eroe a questo proposito ha sottolineato che è possibile rispettare gli obiettivi per il clima fissati dall'Europa entro il 2030 ma per farlo "dobbiamo riuscire almeno a triplicare i 20 GW installati di impianti solari e realizzare investimenti capaci di ridurre drasticamente consumi energetici e emissioni di CO2". 

 

La nuova direttiva sulle fonti rinnovabili aiuterà la crescita delle energie green grazie anche alle nuove possibilità offerte a chi si autoproduce l’energia e alle comunità energetiche. Anche in Italia sarà possibile scambiare energia prodotta da fonti rinnovabili nei condomini, in un distretto produttivo o in un territorio agricolo. E' però necessario che il Governo recepisca al più presto "queste nuove regole per permettere alle famiglie e alle imprese di ridurre la spesa energetica diminuendo le emissioni climalteranti”.

 

Nel Rapporto si legge che la crescita delle installazioni negli ultimi 5 anni è decisamente rallentata, con una media per il fotovoltaico di 407 MW all’anno e per l'eolico di 301 MW. Perché ci possa essere uno sviluppo così importante è necessario che venga semplificata la burocrazia che troppo spesso ha limitato gli interventi, a partire da quelli di piccola taglia e non ci sono ancora chiari riferimenti di integrazione nei territori per gli impianti più grandi e complessi.

 

La cattiva notizia è che lo scorso anno è diminuito il contributo della produzione da rinnovabili rispetto ai consumi e sono aumentate le emissioni di CO2. E' necessario invertire questo trend per assicurare il rispetto del target fissato dall'accordo di Parigi, coerentemente con l’obiettivo di fermare l’aumento delle emissioni entro i 2°, ma preferibilmente 1.5°C.

 

Secondo una ricerca realizzata per Legambiente da Elemens si tratta di obiettivi raggiungibili: diminuendo al 2030 le emissioni del 55%, ci sarebbero benefici di 5,5 miliardi di Euro all’anno, e verrebbero creati 2,7 milioni di posti di lavoro, si diminuirebbero le importazioni di combustibili fossili e dei consumi energetici, con ricadute positive sui costi indiretti sulla salute. 

 

Viceversa secondo un recente studio dell’Agenzia europea dell’ambiente, un aumento della temperatura globale di 2°C provocherebbe costi sino a 120 miliardi l’anno che salirebbero a 200 miliardi se si raggiungessero 3°C. 

 

Scarica il Dossier Comuni Rinnovabili 2018

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
27/05/2019

Il Festival dell'Energia 2019 sarà “ONLIFE ENERGY”

Palazzo Marino ha di recente ospitato la conferenza stampa di presentazione della prossima edizione del Festival dell’Energia dal titolo “ONLIFE ENERGY”.   A cura di Fabiana Murgia     Come ogni anno torna ...

24/05/2019

Addio plastica monouso: dal 2021 considerata fuori legge

La plastica monouso verrà definitivamente bandita dal 2021. Lo ha stabilito una direttiva ratificata dal Consiglio dell'UE lo scorso 21 maggio, segnando la svolta tanto attesa in seguito alle proposte avanzate dalla Commissione per affrontare il ...

22/05/2019

Risparmio energetico e riqualificazione degli edifici

Il risparmio energetico comprende sia gli interventi che consentono di ridurre il consumo di energia per svolgere le nostre attività, sia quelli che permettono di produrre energia a minor impatto ambientale e dispendio ...

21/05/2019

Ad aprile cala la produzione elettrica, ancora in crescita l'eolico

Ad aprile cala dello 0,6% la domanda di elettricità in Italia, l'eolico ancora positivo segna un +20,8%.  Il fotovoltaico copre il 9,1% della domanda ma cala la produzione     Pubblicato da Terna - società che gestisce ...

20/05/2019

Ambiente e lotta a cambiamenti climatici, mappa programmi per prossime Europee

C’è un po’ di verde in tutti i partiti che corrono per le elezioni Ue. Il nostro Paese sembra indietro se si guarda al Piano clima e energia. Servono scelte di fronte agli impegni decisi dalla Cop21 a Parigi. E un po’ tutti se la ...

17/05/2019

Produzione di energia pulita in crescita in Italia

Il GSE, società impegnata nella promozione dello sviluppo sostenibile, ha reso pubblico il rapporto relativo all’attività di consumo energetico in Italia nel corso del 2018, dal quale si evince che il 18,1% del fabbisogno energetico ...

17/05/2019

Record idrogeno green grazie al solare a concentrazione

I ricercatori dell'EPFL hanno creato un dispositivo intelligente in grado di produrre grandi quantità di idrogeno pulito. Installato un impianto pilota nel campus dell'EPFL.       Produrre idrogeno pulito in grandi qualtità ...

16/05/2019

Ricavare idrogeno e metano dalle acque reflue dei frantoi

In occasione dell’evento InnovAgorà, tenutosi presso il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, ENEA ha presentato la tecnologia che permette di ricavare energia pulita dalle acque residue dei frantoi.   A cura di Fabiana ...