IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > La rivoluzione del vetro isolante

La rivoluzione del vetro isolante

La vetrata isolante Skin|glass, novità assoluta che abbiamo visto a Klimahouse, in uno spessore minimo abbatte i consumi energetici assicurando un isolamento termico ai massimi livelli

 

 

Klimahouse, fiera internazionale per l'efficienza energetica e il risanamento in edilizia, firmata da Fiera Bolzano e giunta alla sua dodicesima edizione, ha confermato anche quest’anno di essere una manifestazione tra le più interessanti e innovative, ricca di spunti stimolanti e di confronto per i professionisti dell’edilizia sostenibile e vetrina internazionale di prodotti innovativi per le costruzioni nuove o da riqualificare in chiave green.

 

Tra questi vogliamo segnalarvi il nuovo vetro isolante Skin|glass, presentato per la prima volta proprio a Bolzano che, grazie ad una rivoluzionaria tecnologia, assicura un altissimo isolamento termico delle superfici vetrate, con uno spessore di soli 10 mm ed un peso molto contenuto.

 

Come sappiamo il vetro, che è soggetto a uno scambio termico con l’esterno, è tra gli elementi che incidono maggiormente nelle dispersioni termiche di un edificio.

Per garantire un buon potere termoisolante delle superfici vetrate i prodotti negli ultimi anni sono diventati sempre più performanti, e le aziende hanno proposto doppi e tripli vetri, separati da intercapedini e vetrate basso-emissive, in grado di assicurare che il fattore solare fosse il più possibile basso.

 

Le nuove vetrate isolanti Skin|glass, rappresentano l’evoluzione intelligente della nuova generazione di vetri, perché uniscono alle ottime caratteristiche di isolamento, un peso decisamente minore rispetto ai doppi o tripli vetri, maggior maneggevolezza e costi più contenuti.   

Caratteristiche Skin|glass

 

Si tratta di un nuovo concetto di sistema finestra, che richiede la realizzazione di nuovi sistemi telaio: gli attuali telai, ci spiega infatti Emanuele Bocchi, responsabile marketing dell’azienda, “sono pensati per contenere doppie o triple vetrature che con il nostro sistema ultra sottile risultano eccessive. Grazie alla nuova tecnologia è possibile ottenere bassissime tramittanze termiche in pochi millimetri, e con un telaio estremamente leggero cosa fino ad oggi quasi impensabile”.

Diminuendo peso e spessore dei vetri aumentano anche le possibili prestazioni e applicazioni in edilizia, e in generale in tutti i settori in cui trasparenza ed isolamento siano da tenere in considerazione, per esempio è possibile pensare alla progettazione di edifici completamente vetrati, in cui il sistema Skin|glass crei una pelle esterna, molto sottile, ma con prestazioni tecniche all’avanguardia.

 

Super Low-e, nuovo sistema di sigillatura

Grazie all’utilizzo di tecnologie innovative, sia nella scelta di vetri super basso emissivi, sia nella creazione di nuovi tipi di sigillature, è possibile realizzare una vetrata 5+5 mm, fattore di tramittanza termica Ug = 0,5 W/m2K.

 

Ma non solo il sistema Skin|glass assicura il raggiungimento di un ottimo livello di isolamento acustico oltre ad un punto di condensa estremamente basso (-40 C°).

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...

09/11/2018

Progetto di riqualificazione di un condominio con criteri di sostenibilit certificata

Da un iniziale problema di ammaloramento della facciata di un edificio con il distacco di alcune piastrelle, alla diagnosi energetica, alla riqualificazione efficiente dell’immobile, nel rispetto del progetto originario. L’intervento di ...

30/10/2018

La metamorfosi dellHotel des Postes: da palazzo storico ad edificio zero emissioni

Trasformare un vecchio edificio storico, punto di riferimento della città, in un’icona moderna dell’ecologia, senza rinunciare ai suoi preziosi elementi architettonici. Così l’Hotel des Postes cambia la sua pelle.   a ...

25/10/2018

Biosphera Equilibrium, rigenerare mente e corpo nel rispetto dell'ambiente

Un’abitazione energeticamente autosufficiente, flessibile, mobile, in grado di adattarsi ai diversi contesti climatici e di assicurare il miglior benessere psico fisico, nel rispetto dell’ambiente.     Questa è in due parole ...

18/10/2018

Costruzioni ipogee: i vantaggi di vivere in una casa interrata

“Vivere sottoterra” può non sembrare molto allettante, anche se in realtà le costruzioni ipogee offrono diversi vantaggi in termini di comfort interno e di tutela ambientale. Oggi, con la diffusione delle costruzioni ipogee, vi sono ...

12/10/2018

Progetto italiano di casa green realizzata con una stampante 3D

3D Crane è il nome del nuovo sistema di stampa tridimensionale realizzato dall’azienda WASP di Massa Lombarda. Il nuovo modello è stato utilizzato per Gaia, la casa realizzata con terra cruda e scarti di lavorazione del riso.   a ...

08/10/2018

Come realizzare una casa sostenibile in soli 22 metri quadri

L’edilizia utilizza il 40% delle risorse naturali del pianeta e rappresenta oltre un terzo delle emissioni di gas serra. Per fronteggiare la situazione, Yale University con il supporto dell’UN Environment e dell’UN Habitat ha realizzato un ...

18/09/2018

A New York appartamenti futuristici firmati Zaha Hadid

Il progetto 520 West 28th Street è il palazzo futuristico firmato dall’architetto Zaha Hadid. Un edificio sbalorditivo, alto 11 piani, che sorge nelle vicinanze dell’affascinante High Line Park di  New York.   a cura di Tommaso ...