IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > “Lumière, Lumières”, il padiglione francese per Expo 2020 di Dubai

“Lumière, Lumières”, il padiglione francese per Expo 2020 di Dubai

Brune Poirson, Ministro della transizione ecologica e solidale, ha svelato Lumière, Lumières, il padiglione della Francia per l'Esposizione Universale Expo 2020 di Dubai, una visione audace, conquistatrice e innovativa della città e dei territori connessi e sostenibili. Luogo di vita, finestra sul mondo, spazio di attrattiva economica e turistica per i territori francesi, il pavillon è realizzato secondo i principi dell’architettura bio 

 

a cura di Tommaso Tautonico

 

“Lumière, Lumières”, il padiglione francese per Expo 2020 di Dubai

 

La prossima esposizione universale di Dubai, Expo 2020 sarà incentrata sul tema "Connetti le menti, costruisci il futuro". “Lumière, Lumières” è il nome del padiglione con cui la Francia parteciperà all’evento.

 

Progettato dagli studi di architettura Atelier du Prado e Celnikier & Grabli, si estenderà su circa 1.800 mq nella zona dell’Expo dedicata alla mobilità. Costato circa 30 milioni di euro, i francesi si sono posti come obiettivo quello di ricevere 5 milioni di visitatori e trasmettere un concetto di città dove il cittadino è al centro di tutto.
“Un'opportunità da non perdere per promuovere un modello urbano guidato da attori francesi, sostenere lo sviluppo delle nostre aziende nei paesi emergenti dell'Asia, del Medio Oriente e dell'Africa, promuovere l'attrattiva economica e turistica del territorio francese. Expo Dubai 2020 deve consentire alla Francia di difendere la propria visione di città sostenibili e territori interconnessi” dichiara Erik Linquier, commissario generale del padiglione francese.

Lumière, Lumières : mobilità, illuminismo e sostenibilità

Il padiglione promuoverà il modello di innovazione francese basato sulla riconciliazione tra lo sviluppo sostenibile e competitività internazionale. Un modello di città e territori interconnessi e sostenibili al servizio del cittadino e del bene comune. All’interno spazio ai nuovi sistemi per la mobilità e all’illuminismo, simbolo di condivisione e diffusione della conoscenza.
Sarà possibile vedere in azione veicoli autonomi, veicoli elettrici, provare l'intelligenza artificiale e le applicazioni di Internet of Things, sempre più diffusi nelle smart city.

 

“Lumière, Lumières”, il padiglione francese per Expo 2020 di Dubai

 

Il padiglione è progettato per sembrare un oasi illuminata. Al centro del progetto l’idea di accompagnare il visitatore in un’esperienza unica che inizia nel piazzale esterno e continua, senza interruzione, all’interno. I tempi di attesa saranno trasformati in momenti di condivisione, emozione, un concerto di sensazioni che invita al sogno.

 

All'interno, una mostra permanente dispiegata su 800 mq mostrerà i vantaggi delle città francesi, in una scenografia organica che fonde suoni, luci, profumi e materiali. Progettata dal collettivo "Immersive (s)" con la direzione artistica di Jean Marie Priol, la mostra è pensata come un'esperienza immersiva ed educativa.

 

“Lumière, Lumières”, il padiglione francese per Expo 2020 di Dubai

 

In linea con l'ambizione ecologica perseguita dalla Francia attraverso l'One Planet Summit, questo padiglione sarà il più sostenibile mai costruito perché potrà essere smontato e riutilizzato. Il lavoro degli architetti è basato sui tre pilastri dell’architettura bioclimatica: energia rinnovabile e pulita, materiali sostenibili ed economia circolare.

 

Piastrelle fotovoltaiche sulle facciate garantiranno l’autonomia energetica necessaria; tutti gli alberi che circonderanno il piazzale saranno ripiantati negli Emirati Arabi Uniti dopo la mostra mantenendo e rispettando la biodiversità.

 

img by Atelier du Prado e www.arabianbusiness.com

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/09/2019

Tetti verdi: Turf house islandesi possibili patrimonio dell’Unesco

L’Islanda, come la maggioranza dei paesi nordici, ha sviluppato nel corso dei secoli edifici peculiari caratterizzati dalla presenza di manto erboso in copertura: le cosiddette Turf house con tetto verde, letteralmente case di torba.   A ...

13/09/2019

A Klimahouse Lombardia 2019 la nuova palestra scolastica nZEB

In occasione di Klimahouse Lombardia 2019, fiera annuale dedicata all’educazione e allo sviluppo sostenibile e sensibile ai temi di riqualificazione del patrimonio scolastico, sarà possibile visitare il cantiere della nuova palestra della Scuola ...

13/09/2019

New Angle: architettura in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile

Costruire case sostenibili, rafforzare il senso di comunità e valorizzare la biodiversità senza rinunciare al design e alla funzionalità. Tutto questo è New Angle, il complesso edilizio con sede a Copenaghen creato per seguire gli ...

09/09/2019

Un edificio in CasaClima A che non rinuncia al design

A Ora, in provincia di Bolzano, è stato realizzato Aurum, complesso edilizio certificato CasaClima A & Nature che ha previsto costi di realizzazione e di esercizio molto bassi. Grazie a materiali sostenibili, fotovoltaico e pompe di calore il ...

06/09/2019

Il grattacielo galleggiante che ricicla i rifiuti dell’oceano

Un mega impianto di recupero di materiale associato ad un impianto di trattamento delle acque. Tutto questo è Filtration, il grattacielo galleggiante immaginato per ripulire i nostri oceani dalla plastica. I rifiuti recuperati vengono impiegati per ...

05/09/2019

Reiventing Cities a Reykjavik

Nella capitale islandese, due complessi edilizi a basse emissioni di carbonio sono i progetti premiati dal bando internazionale promosso da C40. Il primo, Living Landscape, prevede di realizzare il più grande edificio in legno del Paese, ...

29/08/2019

L’Università flottante di Brac in Bangladesh: sostenibilità e produttività

Premiata con il Bronze Award nella divisione Asia-Pacifico del Lafarge Holcim Awards, la Brac University di Dacca, Bangladesh, è un esempio di sostenibilità avanzata in un contesto socio economico complesso. Da uno stagno inquinato si ...

23/08/2019

Un ufficio immerso nella natura in Vietnam

Non lontano dal centro di Dalat in Vietnam, in una valle ricca di vegetazione e fiori, sorge la sede amministrativa della Ta Nung Homestay: una serie di edifici in legno immersi nella natura.    a cura di Fabiana ...