IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il mondo a rischio "apartheid climatico"

Il mondo a rischio "apartheid climatico"

Il cambiamento climatico avrà l'impatto peggiore sulle popolazioni più vulnerabili e i paesi meno svilippati. Secondo un esperto delle Nazioni Unite entro il 2030 potrebbe causare la povertà per 120 milioni di persone

 

 Allarme delle Nazioni Unite, Il mondo a rischio

 

Philip Alston, esperto delle Nazioni Unite sulla povertà estrema e i diritti umani, in un recente intervento ha lanciato l'allarme "apartheid climatico", sottolineando che il cambiamento climatico "minaccia di annullare gli ultimi 50 anni" di sviluppo, salute globale e riduzione della povertà. 

L'impatto del surriscaldamento sarà infatti più significativo sulle popolazioni più fragili e sui paesi in via di sviluppo e in particolare potrebbe causare la povertà di oltre 120 milioni di persone.

 

"Anche nello scenario migliore, che prevede un aumento della temperatura di 1,5°C entro il 2100, le temperature estreme in molte regioni lasceranno le popolazioni svantaggiate con gravi difficoltà dal punto di vista alimentare, con minori redditi e un peggioramento della salute. Con un conseguente aumento delle migrazioni". 

 

Alston ha anche sottolineato che a patire maggiormente saranno le persone più povere, che difficilmente potranno proteggersi, pur essendo responsabili solo in minima parte delle emissioni globali.

 

E' un allarme importante che deve mettere tutti noi di fronte al fatto che i cambiamenti climatici hanno implicazioni immense per i diritti umani, per il cibo, la casa e l'acqua, con il rischio che i diritti civili e politici non siano rispettati.

 

Purtroppo, continua Alston, la realtà ci dice che in molti paesi si stanno facendo pochi passi verso la salvaguardia ambientale. 

 

Gli Stati membri delle Nazioni Unite non riescono neanche a rispettare i propri attuali impegni di riduzione delle emissioni di carbonio e di finanziamento del clima e continuano a sovvenzionare l'industria dei combustibili fossili con 5.2 trilioni di dollari all'anno.

 

Proseguire in questa direzione significa andare verso la catasfrofe economica. E' necessario che vengano messe in atto politiche internazionalie a livello locale in risposta agli inevitabili danni che il cambiamento climatico porterà, in modo che siano rispettati i diritti economici e sociali tra cui la sicurezza sociale e l'accesso al cibo, all'assistenza sanitaria, all'alloggio e al lavoro dignitoso.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
11/12/2019

Accordo sulla Manovra, la plastic tax a 0,40 centesimi

La tassa partirà da luglio, quella sullo zucchero da ottobre. La legge di Bilancio dopo l’accordo di maggioranza arriva a 32 miliardi, ma le tensioni nel governo non finiscono. Intanto di plastica se ne produce più dell’acciaio, ...

11/12/2019

Al via le domande in Friuli per bando accumulo per il fotovoltaico

I bandi e gli incentivi promossi dalle Regioni per efficienza ed energie rinnovabili: dalle smart grids in Puglia all’efficientamento energetico degli edifici in Liguria, Emilia Romagna e Lombardia, dal Piano Green in Piemonte ai tetti verdi di ...

10/12/2019

Piccole innovazioni sostenibili che trasformano l'abitare

Tutti noi possiamo e dobbiamo fare scelte più consapevoli e sostenibili nel nostro quotidiano, che limitino la nostra impronta ecologia. Alcune proposte per gli arredi indoor e outdoor che ci possono aiutare   la redazione

09/12/2019

La transizione energetica oltre il PNIEC

Il limite di emissioni di CO2 che l’Italia non può superare per rispettare l’aumento della temperatura globale entro 1,5° è di 3,8 miliardi di tonnellate. Lo Studio firmato Eurac Research. L’opportunità economica ...

05/12/2019

Solo un paese su 5 ha una strategia sanitaria per affrontare il cambiamento climatico

Proteggere la salute delle persone dai pericoli del cambiamento climatico, come per esempio lo stress da calore, tempeste e tsunami non è mai stato più importante, ma secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la maggior parte dei ...

03/12/2019

COP25: le strategie per limitare il riscaldamento di 1,5°

In un momento in cui si intensificano gli allarmi per i livelli di emissioni in atmosfera senza precedenti, eventi metereologici estremi, surriscaldamento con conseguente aumento della siccità, la COP 25 di Madrid rappresenta un’occasione ...

03/12/2019

Nanotecnologie: il futuro sostenibile dell’energy storage passa da qui

Un report realizzato da scienziati internazionali sottolinea l’importanza dei nanomateriali per fare energy storage e provvedere a un futuro energetico più sostenibile   a cura di Andrea Ballocchi     Indice degli ...

02/12/2019

Diagnosi energetica: da obbligo a volano dell’efficienza energetica

Il 5 dicembre scade l’obbligo di diagnosi energetica per le grandi imprese e le energivore. È una misura per fare efficienza energetica, valida per tutte le aziende   a cura di Vittorio Gabrielli       Indice degli ...