IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il mondo a rischio "apartheid climatico"

Il mondo a rischio "apartheid climatico"

Il cambiamento climatico avrà l'impatto peggiore sulle popolazioni più vulnerabili e i paesi meno svilippati. Secondo un esperto delle Nazioni Unite entro il 2030 potrebbe causare la povertà per 120 milioni di persone

 

 Allarme delle Nazioni Unite, Il mondo a rischio

 

Philip Alston, esperto delle Nazioni Unite sulla povertà estrema e i diritti umani, in un recente intervento ha lanciato l'allarme "apartheid climatico", sottolineando che il cambiamento climatico "minaccia di annullare gli ultimi 50 anni" di sviluppo, salute globale e riduzione della povertà. 

L'impatto del surriscaldamento sarà infatti più significativo sulle popolazioni più fragili e sui paesi in via di sviluppo e in particolare potrebbe causare la povertà di oltre 120 milioni di persone.

 

"Anche nello scenario migliore, che prevede un aumento della temperatura di 1,5°C entro il 2100, le temperature estreme in molte regioni lasceranno le popolazioni svantaggiate con gravi difficoltà dal punto di vista alimentare, con minori redditi e un peggioramento della salute. Con un conseguente aumento delle migrazioni". 

 

Alston ha anche sottolineato che a patire maggiormente saranno le persone più povere, che difficilmente potranno proteggersi, pur essendo responsabili solo in minima parte delle emissioni globali.

 

E' un allarme importante che deve mettere tutti noi di fronte al fatto che i cambiamenti climatici hanno implicazioni immense per i diritti umani, per il cibo, la casa e l'acqua, con il rischio che i diritti civili e politici non siano rispettati.

 

Purtroppo, continua Alston, la realtà ci dice che in molti paesi si stanno facendo pochi passi verso la salvaguardia ambientale. 

 

Gli Stati membri delle Nazioni Unite non riescono neanche a rispettare i propri attuali impegni di riduzione delle emissioni di carbonio e di finanziamento del clima e continuano a sovvenzionare l'industria dei combustibili fossili con 5.2 trilioni di dollari all'anno.

 

Proseguire in questa direzione significa andare verso la catasfrofe economica. E' necessario che vengano messe in atto politiche internazionalie a livello locale in risposta agli inevitabili danni che il cambiamento climatico porterà, in modo che siano rispettati i diritti economici e sociali tra cui la sicurezza sociale e l'accesso al cibo, all'assistenza sanitaria, all'alloggio e al lavoro dignitoso.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/08/2019

Pesce mangia-plastica: il rimedio estivo per liberare le spiagge dai rifiuti

Quest’anno contribuire alla pulizia delle spiagge sarà un gioco: a Torre Canne è stato realizzato un pesce mangia-plastica per liberare le spiagge dai rifiuti educando le persone alla sostenibilità anche durante le ...

07/08/2019

Raccolta differenziata: l’importanza del corretto smaltimento

Si sa, la produzione di rifiuti è in crescita costante e con essa la necessità di attuare una raccolta differenziata efficace che possa condurre a una via di miglioramento, in un’epoca in cui l’ecosistema appare fortemente ...

01/08/2019

Il Friuli Venezia Giulia promuove il bando accumulo per il fotovoltaico

Dopo Veneto e Lombardia anche il Friuli Venezia Giulia ha approvato un emendamento del M5S per la concessione di contributi per l'installazione di sistemi di accumulo per il residenziale. Gli ultimi bandi delle Regioni per diminuire i consumi, aumentare ...

31/07/2019

Le rinnovabili nei trasporti

Pubblicato dal GSE il Rapporto "Energia nel settore dei trasporti" che fotografa i consumi energetici del settore, i cambiamenti avvenuti dal 2005, i dati sui biocarburanti immessi in consumo in Italia e la percentuale di energia ...

30/07/2019

UpTown: presentato in anteprima un appartamento dello Smart District

Si è di recente tenuta la presentazione dell’appartamento progettato dall’interior designer Andrea Castrignano, ubicato nell’edificio in linea ospitato dalla zona sud dello Smart District UpTown. Questo evento ha segnato ...

26/07/2019

29 luglio: abbiamo finito le risorse rinnovabili

Il 29 luglio è l’Overshoot Day 2019, ovvero il giorno che segna l’inizio del debito ecologico a causa dell’eccessivo sfruttamento del pianeta. Abbiamo utilizzato tutte le risorse rinnovabili. Per soddisfare il bisogno ...

26/07/2019

In UE un Piano verde da 1.000 miliardi in 10 anni

Ursula von der Leyen guida la commissione Ue: la politica, fedelissima di Angela Merkel, promette un green deal entro i suoi primi 100 giorni. La sfida del clima fra le priorità   a cura di Tommaso Tetro     Indice degli ...

25/07/2019

Al via la biopiattaforma di Sesto San Giovanni

Aggiudicata alla svizzera Tbf+Partner la gara per la progettazione della biopiattaforma di Sesto San Giovanni. Un intervento del Gruppo Cap con un investimento di 47 milioni di euro per la produzione di biometano dalla frazione umida dei rifiuti e per la ...