Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Nuovo campus tecnologico di Shenzhen, che sembra una catena montuosa

Nuovo campus tecnologico di Shenzhen, che sembra una catena montuosa

Situato nella baia di Qianhaia in Cina, il nuovo campus tecnologico del colosso tecnologico cinese occuperà 133 ettari. Il suo profilo ondulato, i pannelli fotovoltaici e i numerosi spazi verdi dimostrano un connubio possibile tra smart city e ambiente. Il distretto urbano è autosufficiente grazie anche a un piano di mobilità a zero emissioni

 

a cura di Tommaso Tautonico

 

Nuovo headquarter Tencent a Shenzhen: tetti ondulati coperti da pannelli fotovoltaici

 

Indice degli argomenti:

Il colosso tecnologico Tencent ha appena concluso i lavori della sua nuova sede ma già pensa al suo prossimo headquarter.

 

Il nuovo distretto urbano comprenderà uffici, case per i dipendenti, esercizi commerciali, servizi pubblici, scuole e un campus tecnologico. La caratteristica principale dell'intero distretto sarà la sua forma ondulata, che ricorda il profilo di una catena montuosa, e sarà circondato da un parco che affaccerà direttamente sul lungomare della baia di Qianhaia, a Shenzhen.

 

Nuovo campus tecnologico di Tencent a Shenzhen, che sembra una catena montuosa

  

A progettarlo è lo studio di architettura MVRDV che ha vinto il concorso internazionale indetto dal colosso della tecnologia cinese. L’ambizione di Tencent prevedeva che al centro del nuovo polo ci fosse la tecnologia e i che i suoi benefici fossero fruibili nella vita quotidiana, perciò hanno richiesto che il progetto diventasse un distretto urbano esemplare, rappresentando un cambiamento radicale rispetto ai soliti spazi urbani grazie all’utilizzo di nuove tecnologie.

 

Il parco urbano del nuovo headquarter Tencent a Shenzhen

 

Nella fase di progettazione MVRDV ha eseguito un complesso studio di ricerca fino ad arrivare alla progettazione definitiva. Il team di architetti ha effettuato 28 diversi disegni, cercando sempre di aggiungere qualità al progetto precedenti.

 

“La nostra proposta progettuale è una sintesi di tutto ciò che è stato appreso in questi 28 progetti. Abbiamo dato vita a un campus tecnologico diversificato, flessibile, con spazi verdi, dinamico, aperto, adattabile e soprattutto visionario". 

Il campus che ricorda il profilo delle montagne

L’ambizione di Tencent è che la loro prossima sede sia in grado di ospitare uffici e appartamenti per circa 100 mila dipendenti.

 

Nuovo campus tecnologico di Tencent a Shenzhen, che ricorda una catena montuosa

 

Gli architetti hanno pensato al distretto urbano come una griglia di cento edifici con tetti ondulati coperti da pannelli fotovoltaici in grado di rendere l’intero distretto autosufficiente. 

  

Gli edifici sono collegati fra loro da una serie di ponti che danno vita ad una superficie continua che ricorda il profilo di una catena montuosa. Nella parte orientale dell’area sorge un vasto parco urbano che costeggia il lungomare della baia di Qianhai e che in prossimità degli edifici forma delle vere e proprie terrazze verdi.

 

Distribuiti in tutto il parco si trovano edifici pubblici, tra cui una scuola, un asilo, un centro sportivo e un centro dati.

 

All'estremità meridionale del parco si trova l'edificio più importante dell’intero distretto, un centro congressi a forma di roccia che funge da punto di riferimento per tutto il polo tecnologico di Tencent. Il cuore pulsante del progetto è la information plaza, un’area sferica che rileva i dati del funzionamento quotidiano dell’intero distretto, dal livello di occupazione alla sua carbon footprint.

 

L'Information Plaza del nuovo headquarter Tencent a Shenzhen

La smart city che sfrutta la mobilità sostenibile

Un aspetto chiave attorno a cui ruota il progetto della smart city è la strategia di mobilità: lungo il lato orientale dell’intero distretto, corre un'autostrada che dà accesso a quattro parcheggi sotterranei.

 

Nuovo campus tecnologico di Shenzhen, vista notturna

 

La griglia stradale superficiale è riservata alle auto e ai bus navetta elettrici con guida autonoma, in modo che residenti e dipendenti possano muoversi con facilità e con emissioni zero. Inoltre, lungo i bordi orientale e occidentale del distretto corrono le linee della metropolitana e degli autobus che collegano il polo tecnologico al resto della città di Shenzhen.

 

Winy Maas spiega: “I nostri studi e la partecipazione alla competizione per Tencent sono un tentativo di dimostrare che la smart city è anche la città verde. Con gli onnipresenti elementi della città intelligente, rappresentati da un futuristico hub di dati nel cuore del campus, i dipendenti Tencent si sentirebbero avvolti dalla tecnologia. Ma sono anche letteralmente circondati dalla natura, con il parco sempre a breve distanza e terrazze verdi tutt'intorno”.

 

Img by Studio MVRDV

 

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
22/05/2020

Rispetto della tradizione e innovazione

Sono iniziati a Bolzano i lavori di costruzione dell'albergo La Briosa. Il progetto firmato dagli architetti Felix Perasso e Daniel Tolpeit unisce sapientemente il rispetto delle tradizioni altoatesine e un design innovativo     Tradizione e ...

15/05/2020

Progettata a Dallas la parete verde più alta del Nord America

La società di investimenti Rastegar Property Company ha annunciato l'intenzione di realizzare a Dallas la parete verde vivente più alta del Nord America sulla facciata di un grattacielo di 26 piani.   a cura di Tommaso ...

05/05/2020

The Rainbow Tree: il grattacielo in legno con la doppia certificazione ambientale

La città di Cebu nelle Filippine ospita uno dei progetti architettonici più innovativi mai realizzati. L’uso combinato del legno con le tecniche di progettazione bioclimatica passiva e con le fonti rinnovabili, riduce la sua impronta di ...

04/05/2020

Rice House: alimentare l’economia circolare con la paglia di riso

Nell’ambito di un incontro virtuale organizzato dall’università di Pavia l’Architetto Tiziana Monterisi ha spiegato i principi che governano Rice House, start up nata dalla ricerca di soluzioni sostenibili e alternative ...

28/04/2020

Le proposte di Rete IRENE per rilanciare la filiera dell’edilizia post coronavirus

Rete IRENE ha avanzato, attraverso la pubblicazione di un Manifesto, 10 proposte concrete e specifiche finalizzate al rilancio della filiera edilizia per il post-emergenza da coronavirus.     La situazione con la quale l’Italia si ...

09/04/2020

Una galleria d’arte che produce energia dalla forza delle onde

La costa di Sochi, in Russia, potrebbe ospitare la Hydroelectric Sculpture Gallery, una galleria d’arte parzialmente sommersa. Oltre ad essere autosufficiente, grazie all’energia prodotta dal moto ondoso soddisferà ...

03/04/2020

Dune House, una casa vacanze nelle dune del Massachusetts

Una casa vacanze scolpita nelle dune di sabbia, completamente autosufficiente dal punto di vista energetico che conta sulla raccolta e riciclo dell’acqua piovana. Iper sostenibile per invertire il contributo dell’edilizia al cambiamento climatico, ...

27/03/2020

Canada: progettato il primo edificio in legno a zero emissioni di carbonio

Quello che sorgerà in Ontario è un progetto pensato per riunire in un edificio, la cultura indigena con quella occidentale. Un esempio concreto di come l’istruzione può contribuire a ridurre il danno ambientale, eliminando le ...