IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Nuovo Piano Energetico Regionale (PIEAR) in Basilicata

Nuovo Piano Energetico Regionale (PIEAR) in Basilicata

In Basilicata nei giorni scorsi è stato approvato dall'Esecutivo il nuovo Piano di Indirizzo Energetico Ambientale che contiene la strategia energetica della Regione da attuarsi fino al 2020. 
L'obiettivo del nuovo piano, presentato dal presidente della Regione Vito De Filippo, è di raggiungere il 70% di energia da rinnovabili ma pone un tetto massimo agli incrementi di potenza. In generale, le finalità del PIEAR puntano a una razionalizzazione dell'intero comparto energetico e una gestione sostenibile delle risorse territoriali, dal risparmio energetico al settore delle fonti energetiche rinnovabili ed infine al sostegno della ricerca e dell'innovazione tecnologica.  Nel piano si ritiene impraticabile qualsiasi svolta di tipo nucleare, infatti non è ritenuta possibile l'ipotesi che alcuna parte del territorio regionale possa ospitare un deposito di scorie nucleari anche superficiale, che accolga rifiuti nucleari provenienti da alcuna altra parte di Italia o del mondo.
L'intera programmazione delineata dal PIEAR ruota intorno a quattro macro-obiettivi: riduzione dei consumi e della bolletta energetica; incremento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili; incremento dell'energia termica da fonti rinnovabili; creazione di un distretto energetico in Val d'Agri.
La riduzione dei consumi energetici e della bolletta energetica
La Regione intende conseguire, dati gli obiettivi fissati dall'UE e dal Governo italiano, un aumento dell'efficienza energetica che permetta, nell'anno 2020, una riduzione della domanda di energia per usi finali della Basilicata pari al 20% di quella prevista per tale periodo.
L'incremento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili
Considerando le necessità di sviluppo sostenibile, salvaguardia ambientale, di un ricorso sempre maggiore alle fonti rinnovabili e in relazione alle potenzialità offerte dal proprio territorio, la Regione Basilicata intende puntare al soddisfacimento dei fabbisogni interni di energia elettrica esclusivamente attraverso il ricorso ad impianti alimentati da fonti rinnovabili.
L'obiettivo da raggiungere consiste nell'assicurare una produzione che consenta localmente un approvvigionamento energetico in linea con le necessità di sviluppo ed i consumi locali. E' previsto il supporto di azioni finalizzate all'eliminazione delle criticità presenti sulla rete elettrica, nonché alla semplificazione delle norme e delle procedure autorizzative.
L'incremento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili sarà perseguito, in accordo con le strategie di sviluppo regionale, puntando su tutte le tipologie di risorse disponibili sul territorio: Eolico, Solare fotovoltaico, Biomasse, Idroelettrico.
Gli impianti saranno realizzati in modo da assicurare uno sviluppo sostenibile e garantire prioritariamente il soddisfacimento dei seguenti criteri: 
• Rispondenza ai fabbisogni energetici e di sviluppo locali;
• Massima efficienza degli impianti ed uso delle migliori tecnologie disponibili;
• Minimo impegno di territorio;
• Salvaguardia ambientale.
Si prevede, a tal fine, l'introduzione di standard qualitativi per la progettazione, la realizzazione, la gestione e la dismissione degli impianti di produzione.
Produzione di energia termica da biomasse e biocombustibili
Parallelamente all'incremento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, si ritiene importante realizzare interventi al fine di potenziare l'utilizzo di biomasse legnose e biocombustibili per la produzione di energia termica.
Si intende promuovere l'utilizzo di sistemi energetici e generatori di calore alimentati con biomasse lignocellulosiche provenienti dalla gestione del patrimonio boschivo e dai comparti agricolo, zootecnico e industriale locali.
Realizzazione di un Distretto energetico in Val d'Agri
Nella convinzione che finanza, ricerca e sistema industriale siano fattori che debbano interagire per dare impulso allo sviluppo di nuove ed avanzate tecnologie, la Regione persegue l'obiettivo di promuovere la realizzazione di un Distretto energetico in Val d'Agri con diversi obiettivi, tra cui lo sviluppo di attività di ricerca, innovazione tecnologica in campo energetico; la creazione di un centro permanente di formazione ed alta formazione mediterranea sui temi dell'energia, in stretta collaborazione con ENEA; l'insediamento nell'area di imprese innovative; la realizzazione di impianti innovativi e sperimentali per la produzione di energia da fonti rinnovabili e la realizzazione di un parco energetico finalizzato ad evidenziare le più avanzate tecnologie nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e dell'efficienza energetica, anche con la realizzazione di un edificio dimostrativo ad emissioni zero ed energeticamente autosufficiente.
  
 

Scarica il Piano di Indirizzo Energetico Ambientale Regionale

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
23/08/2019

Un ufficio immerso nella natura in Vietnam

Non lontano dal centro di Dalat in Vietnam, in una valle ricca di vegetazione e fiori, sorge la sede amministrativa della Ta Nung Homestay: una serie di edifici in legno immersi nella natura.    a cura di Fabiana ...

22/08/2019

Liconico grattacielo a energia quasi 0 che richiama la bandiera del Kazakistan

Tower of the sun è un grattacielo futuristico alto 121 metri con un’apertura enorme al centro che ricorda il sole presente nella bandiera kazaka. Una reinterpretazione moderna e sostenibile per la capitale Nursultan. L’edificio sfrutta la ...

21/08/2019

LHarvard Center for Green Buildings and Cities diventa ad energia zero

HouseZero è la sede dell’Harvard Center for Green Buildings and Cities; grazie ad una riconversione completa e profonda, la vecchia casa degli anni ’20 è stata trasformata in un vero e proprio laboratorio vivente, diventando ad ...

20/08/2019

Lumire, Lumires, il padiglione francese per Expo 2020 di Dubai

Brune Poirson, Ministro della transizione ecologica e solidale, ha svelato Lumière, Lumières, il padiglione della Francia per l'Esposizione Universale Expo 2020 di Dubai, una visione audace, conquistatrice e innovativa della ...

19/08/2019

Pesce mangia-plastica: il rimedio estivo per liberare le spiagge dai rifiuti

Quest’anno contribuire alla pulizia delle spiagge sarà un gioco: a Torre Canne è stato realizzato un pesce mangia-plastica per liberare le spiagge dai rifiuti educando le persone alla sostenibilità anche durante le ...

16/08/2019

La torre in legno con foresta verticale integrata

Sarà una delle strutture in legno più alte d’Europa e sorgerà nel cuore di Zagabria, per diventarne il simbolo. Separerà la città vecchia dalla nuova, ricostruita nel dopoguerra. Una torre strategica che integra una ...

12/08/2019

Moduli in legno e pareti di paglia per le scuole del Malawi

Sostenibilità, modularità e materiali locali. Sono i requisiti principali soddisfatti dal nuovo progetto di scuola per i bambini del Malawi. Un progetto a scopo benefico che può essere replicato a livello globale. Una struttura in legno ...

09/08/2019

Il mondo a rischio "apartheid climatico"

Il cambiamento climatico avrà l'impatto peggiore sulle popolazioni più vulnerabili e i paesi meno svilippati. Secondo un esperto delle Nazioni Unite entro il 2030 potrebbe causare la povertà per 120 milioni di ...