IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il nuovo waterfront di New York: un modello da seguire

Il nuovo waterfront di New York: un modello da seguire

Hunter’s Point è il nuovo lungomare della città di New York. Un quartiere vivace, culturale, che può contare su uno degli spazi verdi più estesi al mondo e con una vista mozzafiato sullo skyline di Manhattan

 

a cura di Tommaso Tautonico

 

Il nuovo waterfront di New York: un modello da seguire

 

La vecchia area industriale di Long Island ha un nuovo volto. Lo studio di architettura Arup si è occupato della riqualificazione dell’intera area con risultati spettacolari, degni dei migliori waterfront al mondo.

 

Hunter’s Point, questo il nome dell’area, comprende 44 mila metri quadri di parco pubblico sul mare e 120 mila metri quadri dedicati all’edilizia, con destinazioni diverse. Un progetto complesso, che ha coinvolto circa 70 enti, tra cui il Dipartimento di protezione ambientale, dei trasporti, della pianificazione urbana e parchi, i Vigili del fuoco, l’Agenzia per i trasporti metropolitani e la Commissione per la progettazione pubblica. Tutti soggetti consultati o coordinati durante le fasi di progetto.

 

Il nuovo waterfront di New York: un modello da seguire

Il nuovo waterfront: design e sostenibilità

L’intervento di riqualificazione di Hunter's Point a Long Island è stato suddiviso in diverse fasi.

 

La fase I, la realizzazione del parco, è stata conclusa e aperta al pubblico nel 2013. Comprende un parco giochi per bambini, campi da basket, una spiaggia urbana, spazi dedicati ai cani e un campo da gioco polivalente. Grazie ad una serie di elementi architettonici sopraelevati, dal parco è possibile godere di una splendida vista sull'East River e sullo skyline di Manhattan.

 

Il nuovo parco pubblico sul mare a New York

 

La Fase 2, inaugurata nel giugno 2018, è stata pensata per offrire spazi pubblici a chiunque voglia interrompere i ritmi frenetici della metropoli e ritagliarsi momenti di tranquillità. Il progetto comprende 5 mila unità abitative, di cui il 60% sarà dedicato a famiglie con medio reddito, spazi commerciali, due scuole e spazi pubblici di ritrovo.

 

Nella riqualificazione dell’area industriale, Arup ha voluto implementare misure di sostenibilità. Il parco urbano è stato concepito tenendo conto dei futuri modelli di inondazione dell’East River, per cui sono stati realizzati sistemi di trasporto delle acque piovane, sistemi di drenaggio e aree di bioritenzione a bordo strada. Gli uffici del parco, così come le strutture dedicate alla sua manutenzione sono dotati di pannelli fotovoltaici e sono stati realizzati secondo gli standard previsti dalla certificazione LEED – silver.


È un grande onore lavorare a un progetto come questo per la gente di New York e in particolare per il quartiere di Hunter's Point” dichiara Tom Kennedy di Arup. “Riqualificare le aree dismesse della nostra città, densamente popolata, è una parte incredibilmente importante della nostra responsabilità sociale come designer a New York. Il nuovo progetto di Hunter's Point ha fornito l'occasione perfetta per concedere alle persone la possibilità di esplorare un zona abbandonata e godersi il nuovo lungomare della città”.

 

img by arup.com

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
17/01/2019

L'energia rinnovabile è la fonte più competitiva nei paesi arabi

I paesi del GCC, Consiglio di Cooperazione del Golfo, nell'ambito dei propri piani di sviluppo, installeranno 7 gigawatt (GW) di nuova capacità di energia elettrica da fonti rinnovabili entro gli inizi del ...

16/01/2019

In Europa si lavora alla ristrutturazione zero energy

Il progetto UE Transition Zero vuole estendere in Europa il metodo Energiesprong per ristrutturare e trasformare vecchie abitazioni in case Net Zero Energy   a cura di Andrea Ballocchi     L’edilizia deve cambiare il proprio status ...

15/01/2019

L’idrogel salato che cattura l’umidità dell’aria per produrre acqua

L’aria della Terra contiene quasi 13 mila miliardi di tonnellate d’acqua, una riserva di acqua potabile enorme e rinnovabile. Ogni tentativo di sfruttare questa fonte di acqua è stato inefficiente, costoso e complesso. Almeno sino ad ...

14/01/2019

La corretta gestione della risorsa idrica in Italia

Il 30 gennaio a Milano la presentazione del Water Management Report: focus sulle applicazioni e il potenziale di mercato in Italia       L'Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano presenta il 30 gennaio ...

10/01/2019

Rinnovabili al 30% nel 2030 nel Piano nazionale per energia e clima

Mise e Ministero dell’Ambiente hanno inviato alla Commissione europea la proposta per il Piano nazionale integrato per l'Energia ed il Clima (PNIEC) al 2030. Una volta approvato gli obiettivi saranno vincolanti      Inviata a ...

09/01/2019

Canapa “rinforzata”, l’edilizia green migliora e conviene

Il progetto europeo ISOBIO ha sperimentato e intende promuovere materiali edili naturali a base canapa commercialmente interessanti   a cura di Andrea Ballocchi     La canapa e altri materiali naturali sono ottimi alleati per abbattere ...

08/01/2019

Le buone notizie su ambiente ed energia che hanno caratterizzato il 2018

Il sistema energetico globale è in rapida trasformazione, gli obiettivi di sviluppo sostenibile al 2030 e l'accordo di Parigi sul clima, impongono ai paesi, città e imprese di tutto il mondo di intraprendere azioni significative per lo sviluppo ...

07/01/2019

Isola URSA a Klimahouse: va in scena la sostenibilità!

In occasione di Klimahouse di Bolzano, dal 23 al 26 gennaio torna “Isola URSA”, la struttura dal grande impatto visivo che quest'anno ospiterà momenti di formazione e approfondimento su sostenibilità e ambiente, moderati da ...