IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Perché continuare ad investire nel fotovoltaico?

Perché continuare ad investire nel fotovoltaico?

Il punto di Paolo Rocco Viscontini, Presidente di ITALIA Solare sulle prospettive e vantaggi del fotovoltaico in Italia

L’energia elettrica è la fonte principe per le applicazioni energetiche più importanti: dalla climatizzazione degli ambienti (tramite le efficientissime pompe di calore), alla produzione di acqua calda sanitaria (con l’innovativo solare termodinamico, sempre basato sul principio della pompa di calore), fino alla mobilità elettrica.

Potrebbe essere scontato per molti ma noi di ITALIA Solare pensiamo che sia opportuno ribadire il concetto che il fotovoltaico ha già oggi tutte le carte in regole per diventare la principale tecnologia per la produzione di energia elettrica in Italia.

Il fotovoltaico è la fonte energetica più rappresentativa della generazione distribuita per cui, ogni utenza residenziale, commerciale e industriale può produrre la propria energia: questo è il cambio di paradigma, un nuovo modo di pensare il mondo dell’energia verso un modello energetico distribuito e democratico.

 

Considerazioni economiche

Il fotovoltaico è la fonte energetica preferita per l’Italia, sia perché l’Italia manca risorse energetiche proprie sia perché gode di ottimi livelli di irraggiamento solare. Il fotovoltaico ha raggiunto una discreta convenienza economica anche in assenza di incentivi, tanto da dimostrare di essere competitiva, in Italia come in molti altri paesi, rispetto ad altre fonti a cominciare dalle fossili.

Per fare un esempio, il prezzo dei moduli fotovoltaici continuerà a scendere del 10% all’anno spingendo il solare a coprire il 20% della domanda mondiale di energia.

Questa è la conclusione alla quale sono arrivati i ricercatori dell’università di Oxford che, mediante l’ausilio di modelli matematici utili a prevedere l’andamento dei costi, hanno condotto la ricerca su una serie storica di dati di ben 33 anni. In questo scenario il costo dell'energia prodotta con il sole è destinata a scendere molto più in fretta rispetto a quello del kWh da fonti convenzionali. E la discesa è già una realtà. Basti pensare che in Sud America i grandi progetti fotovoltaici presentati alle aste al ribasso promettono di produrre energia elettrica a prezzi intorno ai 48 USD per MWh.

 

I vantaggi per l’ambiente, il clima e la salute

Il fotovoltaico è la fonte energetica con il minore impatto ambientale, con importanti risvolti sulla difesa dell’ambiente e quindi della salute di tutti. Il fotovoltaico è la fonte energetica che più di ogni altra negli ultimi anni ha consentito di ridurre le emissioni anidride carbonica e nei prossimi anni può fare molto di più. 

In sostanza più fotovoltaico vuol dire meno energia da fonte fossile e quindi meno emissioni da centrali termoelettriche. Molti studi han dimostrato la maggiore incidenza di malattie, soprattutto tumorali, nelle aree circostanti le centrali termoelettriche. Ecco l’immediato nesso: più fotovoltaico consente di evitare migliaia di malati come pure migliaia di morti per cancro, già di per sé un motivo che dovrebbe togliere ogni dubbio a supportare il fotovoltaico, ma non è così, visto che i provvedimenti degli ultimi 3 governi sono andati in direzione opposta: più fossile meno rinnovabile (al di là dei facili ma anche falsi proclami). Eppure le spese sanitarie originatisi per la cura ai malati da inquinamento da emissioni da centrale pesano tantissimo sul bilancio dello Stato. Sono costi che dovrebbero essere riflessi sulle bollette elettriche, ma non è così.


Riassumendo

Per questi motivi, noi di ITALIA Solare crediamo fermamente che il fotovoltaico ha bisogno di essere difeso e protetto. Inutile negarlo, la diffusione delle installazioni fotovoltaiche, siamo a quasi 19 GWp a fine 2015, ha disturbato non poco le lobby di chi produce energia con centrali a combustibili fossili. Per questo motivo è costantemente sotto attacco, sia che si tratti di impianti fotovoltaici già installati che di impianti nuovi e pertanto ha bisogno di essere difeso e protetto con costanza, convinzione e professionalità.

ITALIA Solare è rimasta la sola associazione in Italia che porta avanti questa battaglia. Ad un anno dalla sua nascita, con l’obiettivo di aumentare la base associativa, abbiamo deciso di rafforzare le nostre attività a favore dei soci. Lasciando le quote di iscrizione invariate, abbiamo attivato una serie di nuovi servizi che si differenziano in base alla tipologia di socio.

 

In particolare i Soci Operatori, ovvero le aziende di tutte le dimensioni che operano nel settore, possono ora beneficiare di servizi AVANZATI e PREMIUM pensati per dare maggiore visibilità alle loro attività imprenditoriali e per creare opportunità di affari:

  • Anagrafica completa sul sito dell’associazione;
  • Pubblicazione delle ricerche di figure professionali;
  • Richieste di preventivi da parte dei nostri lettori;
  • Pubblicazione di articoli e banner nei nostri canali di comunicazione.

a cura di Paolo Rocco Viscontini – Presidente ITALIA Solare

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
05/10/2018

- 17% per fotovoltaico, eolico e idroelettrico nei primi 8 mesi del 2018

Anie Rinnovabili ha pubblicato l'Osservatorio FER di agosto che mostra ancora un calo, -17%, delle installazioni nei primi 8 mesi dell'anno rispetto al 2017.      Nel periodo gennaio-agosto 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, ...

03/10/2018

La Cina sperimenta per la prima volta finestre fotovoltaiche e isolanti

I ricercatori della South China University of Technology hanno sviluppato un prototipo di finestra fotovoltaica in grado di svolgere due funzioni differenti e molto importanti: produrre energia ed isolare termicamente.   a cura di Tommaso ...

28/09/2018

Blockchain al servizio della digital energy

Il settore energetico è protagonista di una vera e propria trasformazione digitale, verso un modello di produzione decentralizzata e distribuita di energia elettrica, in cui gli acquisti e le vendite di energia elettrica saranno certificati ...

28/09/2018

Le osservazioni di Anie Rinnovabili sullo schema di Decreto FER

ANIE Rinnovabili, che ha analizzato la bozza di Decreto ministeriale di incentivazione alle FER, esprime molta soddisfazione per la programmazione su base triennale e la possibilità di installazione di moduli fotovoltaici a seguito della bonifica da ...

24/09/2018

Detrazione del 50% per sistemi di accumulo collegati al fotovoltaico

L'Agenzia delle Entrate rispondendo all'interpello di un contribuente ha chiarito che l'acquisto di un sistema di accumulo collegato al fotovoltaico, sia contestuale che successivo all'installazione dell'impianto solare, dà diritto alla detrazione del ...

21/09/2018

Monitoraggio GSE delle fonti rinnovabili nelle regioni italiane

Il GSE ha pubblicato i dati statistici sui consumi di energia rinnovabile nelle Regioni italiane, con monitoraggio degli obiettivi burden sharing.        Ai sensi del Decreto Legislativo 28 del 3/3/11 e del Decreto 11/5/2015 del ...

11/09/2018

Bozza nuovo decreto rinnovabili con incentivi al fotovoltaico

Sta girando in questi giorni la bozza del nuovo Decreto Rinnovabili, già approvata da Ministro dello Sviluppo Economico, che prevede incentivi per gli impianti alimentati da rinnovabili, tra cui il fotovoltaico per il periodo 2018/2020 e introduce il ...

10/09/2018

A luglio le rinnovabili coprono il 36,6% della domanda di energia. In calo il fotovoltaico

A luglio 2018 la domanda di energia è aumentata dell’1,3% rispetto allo stesso mese del 2017. Tengono le rinnovabili grazie alla buona performance dell'idroelettrico (+13,9%); calano fotovoltaico, eolico e ...