IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Pesce mangia-plastica: il rimedio estivo per liberare le spiagge dai rifiuti

Pesce mangia-plastica: il rimedio estivo per liberare le spiagge dai rifiuti

Quest’anno contribuire alla pulizia delle spiagge sarà un gioco: a Torre Canne è stato realizzato un pesce mangia-plastica per liberare le spiagge dai rifiuti educando le persone alla sostenibilità anche durante le vacanze.

 

A cura di Fabiana Murgia

 

 Pesce mangia-plastica

 

L’incessante accumulo di rifiuti plastici a discapito delle spiagge e dei mari continua a minacciare l’ecosistema marino e a porre in primo piano l’esigenza di un’azione forte e mirata alla sostenibilità.

 

Il rischio che il clima vacanziero respirato durante i mesi estivi distolga l’attenzione delle persone da temi che implicano una certa responsabilità non è da sottovalutare; a tal proposito l’idea di educare al rispetto dell’ambiente rendendo “divertente” anche una raccolta differenziata risulta essere vincente.

 

Le iniziative legate alla pulizia delle spiagge dai rifiuti coinvolgono sempre più comuni in Italia e quest’anno in occasione del Fasano Fish Festival si è pensato a qualcosa di diverso che potesse trascinare turisti e bagnanti invitandoli ad agire in modo sostenibile durante le vacanze.

 

Per l’occasione è stato installato un grosso pesce mangia-plastica sulle spiagge di Fasano, con lo scopo di raccogliere rifiuti che spesso e volentieri vengono abbandonati sulla spiaggia causando dispersione di microplastiche in mare.

 

Il pesce mangia-plastica ha trovato casa in uno dei lidi più belli e visitati della Puglia, all’interno del parco regionale e tra le coste di Torre Canne e Torre San Leonardo, dove è stato installato dal Gruppo di Azione Locale della Valle d’Itria.

 

Ad accompagnare il grosso pesce artificiale un messaggio rivolto a turisti e abitanti: “Vissuto nell’era del Plastocene, si nutre della plastica abbandonata dagli incivili, ma da solo non può farcela! Ha bisogno di te! Vieni al Fasano Fish Festival e metti nella sua pancia la plastica che trovi in spiaggia. Così aiuterai i pesci veri del nostro mare”.

 

Questa iniziativa ha da subito mostrato i suoi frutti e all’interno della pancia del pesce è possibile osservare già numerosi rifiuti quali bottiglie di plastica, lettini e materassini.

 

La presenza di rifiuti che stallano nella pancia di questo pesce ha la capacità di far riflettere sulla problematiche legate all’accumulo di plastica non solo intorno alle specie marine, ma anche dentro di esse; una realtà che ci porta a fare i conti anche con la nostra salute che viene compromessa dal momento in cui ci cibiamo di pesci contaminati.

 

L’installazione del pesce mangia-plastica, oltre a sensibilizzare turisti e abitanti sulle problematiche legate all’abbandono dei rifiuti e all’inquinamento, è stata un’occasione per inaugurare il Fasano Fish Festival, l’evento organizzato per promuovere le tradizioni gastronomiche della Valle d’Itria, che coinvolge i comuni di Fasano, Martina Franca, Locorotondo e Cisternino.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
20/09/2019

In Kenia l’acqua del mare diventa potabile grazie all’energia solare

La ONG GivePower ha realizzato e installato lungo le coste della città di Kiunga, in Kenia, il primo impianto di trattamento dell’acqua che sfrutta l’energia solare per rendere potabile l’acqua del mare. Un sistema rivoluzionario ...

18/09/2019

Tetti verdi: Turf house islandesi possibili patrimonio dell’Unesco

L’Islanda, come la maggioranza dei paesi nordici, ha sviluppato nel corso dei secoli edifici peculiari caratterizzati dalla presenza di manto erboso in copertura: le cosiddette Turf house con tetto verde, letteralmente case di torba.   A ...

17/09/2019

L’Amazzonia ha perso la sua foresta al ritmo del 300% in un mese, più 100% in un anno

Oltre 1.700 kmq bruciati in pochi giorni. L’origine dolosa, 1,2 miliardi il calcolo dei risarcimenti. Gli incendi sono un colpo durissimo per tutto il Pianeta. I dati dell’Istituto nazionale per le ricerche scientifiche non escludono che per la ...

16/09/2019

LUMI Expo 2019: la tecnologia al servizio dell'uomo

LUMI è l’evento espositivo dedicato alle tecnologie per gli ambienti costruiti che garantiscono il benessere e la sicurezza delle persone, organizzato con lo scopo di interpretare e comprendere le possibilità di sviluppo all’interno ...

13/09/2019

A Klimahouse Lombardia 2019 la nuova palestra scolastica nZEB

In occasione di Klimahouse Lombardia 2019, fiera annuale dedicata all’educazione e allo sviluppo sostenibile e sensibile ai temi di riqualificazione del patrimonio scolastico, sarà possibile visitare il cantiere della nuova palestra della Scuola ...

12/09/2019

Boeri lancia ForestaMi, la foresta urbana da 3 milioni di alberi per Milano

Stefano Boeri lancia un nuovo progetto di riforestazione urbana per Milano. ForestaMi prevede la piantumazione di centomila alberi solo quest’anno, per raggiungere una quota di oltre tre milioni di piante entro il 2030. Si parte da parchi e scali ...

12/09/2019

Un nuovo materiale lascia passare la luce e trattiene il calore solare

In un lavoro pubblicato sulla rivista ACS Nano, un team di ricerca del MIT ha confermato di aver prodotto un materiale leggero, con struttura in silice, capace di trattenere il calore solare. Si tratta di un tipo di aerogel in grado di far passare il 95% ...

11/09/2019

Nuovo Governo: lo sviluppo sostenibile parte integrante della Legge di Bilancio

Il discorso del premier Giuseppe Conte sulla fiducia, stop a nuove trivelle e al via con il ‘green new deal’. Tanti i temi ambientali da portare avanti, dall’economia circolare all’inserimento dei principi ecologici nella ...