IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Qualche consiglio per risparmiare sulle bollette della luce

Qualche consiglio per risparmiare sulle bollette della luce

Prima di tutto passare a lampadine LED certo. Ma non solo. Ci sono piccoli accorgimenti che aiutano a evitare sprechi e risparmiare in bolletta

 

Qualche consiglio per risparmiare sulle bollette della luce

 

Come sappiamo dal 1 settembre le lampadine alogene sono andate in pensione: è entrata infatti in vigore anche in Italia la normativa europea (Regolamento (CE) 244/2009) che prevede che non possano più essere vendute, a favore delle LED, salvo giacenze di magazzino.

 

Obiettivo della nuova legge è limitare i consumi energetici delle lampadine e le emissioni di CO2, ma naturalmente si avranno benefici anche sul fronte del risparmio, energetico e in bolletta.

 

Secondo i dati pubblicati dall'Enea la sopstituzione delle lampadine alogene con quelle a tecnologia LED ad alta efficienza energetica porterà a un risparmio per le famiglie di circa 115 euro, garantendo una riduzione dei consumi annuale di 48 TWh di energia. Inoltre non va dimentiocato che il ciclo di vita del LED è di circa 20 anni e il costo iniziale può essere recuperato in un primo periodo in un anno, poi in tempi più brevi con la diminuzione del costo della tecnologia e l’ottimizzazione delle prestazioni.

 

In casa possiamo seguire semplici accorgimenti, oltre alla sostituzione delle lampadine alogene con le led, che possono aiutarci a ridurre i consumi energetici.

 

NED, il primo smart meter Made in Italy creato da Midori, che collegandosi al quadro elettrico riesce a calcolare i consumi energetici dei vari dispositivi di casa, ci dà qualche suggerimento. NED tramite un’app per smartphone calcola i kWh consumati dagli elettrodomestici e offre utili suggerimenti per migliorare le nostre abitudini e risparmiare sulla bolletta fino al 20% ogni anno.

 

NED, il primo smart meter per calcolare consumi e sprechi energetici in casa

Gli interventi per una bolletta meno cara

Intanto impariamo a usare gli elettrodomestici! E' bene ricordare che si devono acquistare solo quelli classe energetica superiore, che inizialmente costano un po' di più ma nel tempo garantiscono risparmi sui consumi e rispettano l'ambiente. Basti pensare che secondo uno studio realizzato su oltre 220 lavaggi, per la lavatrice, il passaggio da un classe a quella successiva assicura una diminuzione del consumo di circa il 12% all’anno,  per la lavastoviglie di circa l’11%.

 

NED ha calcolato che in estate i consumi del frigorifero aumentano fino al 50%. La temperatura corretta è tra 1° e 4°C, per ogni grado al di sotto di queste temperature il consumo sale del 5%. In estate i consumi aumentano a causa della maggior differenza di temperatura interna del frigo e quella di casa. E' consigliabile posizionare questo elettrodomestico distante dalle fonti di calore (forno o luce diretta del sole) e ricordarsi di sbrinarlo, lavoro noioso ma efficace! Quando si va in vacanza sarebbe bene svuotarlo e staccare la spina.

 

Sempre in tema di elettrodomestici, bisogna avviare lavatrice e lavastoviglie quando sono a pieno carico e preferibilmente con lavaggi a basse temperature, evitando così sprechi di acqua e di energia. Sono pochi a sapere che se si evitano il prelavaggio nella lavatrice e l’asciugatura nella lavastoviglie, si risparmia fino al 15% di energia, mentre basta ricordarsi di pulire regolarmente il filtro e usare i decalcificanti per risparmiare un ulteriore 30%.

 

Un'analisi condotta da NED ha evidenziato che spesso in estate c'è un utilizzo eccessivo dei condizionatori d’aria, che incidono sulle bollette con un aumento medio del 10% sui consumi di casa.  Spesso i condizionatori stanno accessi per 7 ore di seguito, consumando circa 7kWh, ovvero quanto un’intera giornata di una famiglia, con un significativo impatto in bolletta. In questo caso basta aumentare anche solo di 1° C la temperatura impostata per avere un risparmio del 7%. Ricordarsi di staccare la spina del condizionatore quando non lo si usa garantisce un ulteriore risparmio di circa 60 euro.

 

Gli apparecchi elettrici non devono essere lasciati in standby, perché consumano elettricità e inquinano l'ambiente.

Un dato su tutti: se si guarda la televisione per tre ore in una giornata lasciandolo in modalità stand by per le rimanenti 21 ore, consuma circa il 40% dell’energia necessaria al suo funzionamento. Deve diventare una nostra buona abitudine cliccare il tasto “Off” di computer, decoder, stampanti e tutti gli apparecchi elettrici. Facendolo possiamo avere un risparmio del 5-10%, che può ulteriormente aumentare se si installano multiprese con interruttore e se si staccano del tutto dalla corrente tutti i piccoli elettrodomestici che non vengono usati frequentemente, come sistemi audio (casse e Hi-Fi), caricabatterie, etc.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/12/2018

COP24: non trovare un accordo per il clima sarebbe un "suicidio"

Non ha usato mezzi termini António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite nel proprio discorso in cui ha ribadito un concetto importante: il cambiamento climatico è più veloce di noi e che Katowice deve - senza mezzi ...

13/12/2018

La Camera approva la Legge di Bilancio, confermati Ecobonus e Sismabonus

La Camera nella seduta dell'8 dicembre ha approvato la Legge di Bilancio senza novità rispetto alle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica e di ristrutturazione edilizia     La Camera, con 312 voti a favore, ...

12/12/2018

La bioplastica che cattura la CO2

Due architetti italiani progettano soluzioni ispirate al bio-digital design. A Dublino, in occasione di un summit sul clima, hanno installato una facciata rivoluzionaria che cattura e immagazzina l’anidride carbonica grazie alla luce diurna e alle ...

12/12/2018

Sistema di monitoraggio delle emissioni antropogeniche di CO2

Copernicus è un programma dell'Unione Europea che ha l'obiettivo di sviluppare un sistema di monitoraggio delle emissioni di CO2 per aiutare i paesi a verificarne il controllo e la riduzione.     Come ormai ripetiamo quasi ...

11/12/2018

In pochi paesi politiche ambientali adeguate agli obiettivi dellAccordo di Parigi

Presentato a Katowice in occasione della COP24 il Rapporto Germanwatch sulle performance climatiche di 56 paesi. In pochi hanno attuato politiche coerenti con gli obiettivi fissati a Parigi, l'Italia 23esima perde posti     E' stato ...

10/12/2018

Nel 2018 emissioni di CO2 in crescita dello 0,5%

Allarme IEA: Le emissioni di carbonio delle economie avanzate aumenteranno nel 2018 di circa lo 0,5% per la prima volta in cinque anni, invertendo la tendenza al ribasso     Secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia, sulla base degli ...

06/12/2018

Al MIT si lavora ad una batteria che mangia la CO2

I ricercatori del Massachussets Institute of Tecnology stanno sviluppando una batteria al litio creata dal biossido di carbonio prodotto dalle centrali elettriche. Un modo innovativo con cui ridurre i gas serra nell’atmosfera.   a cura di Tommaso ...

05/12/2018

A ottobre crescono idrico ed eolico

Segno + a ottobre per la domanda di energia in Italia. +25,1% la produzione idrica e +17,4% per quella eolica. In calo la produzione fotovoltaica       Terna, società che gestisce la rete elettrica nazionale, ha pubblicato il ...