IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Quarto conto energia: le proposte di Assosolare

Quarto conto energia: le proposte di Assosolare

L'assemblea straordinaria di Assosolare ha approvato a grande maggioranza le proposte dell'associazione riguardo al Quarto Conto Energia, vicine a quelle di altre associazioni del settore e condivise da molte altre aziende del comparto che singolarmente hanno segnalato il proprio appoggio, e con cui Assosolare auspica di poter convergere per fare fronte comune in vista della prossima approvazione del Conto Energia.
Accennando alle proposte durante la presentazione del Solar Energy Report al Politecnico di Milano, il Presidente di Assosolare Gianni Chianetta ha commentato: "È giusto che il governo pensi al fotovoltaico come una fonte che può contribuire fattivamente all'autonomia energetica di cui il Paese ha tanto bisogno. Ancora una volta portiamo l'esempio della Germania, che sta puntando all'80% da fonti rinnovabili entro il 2050. È il momento di prendere decisioni forti: auspichiamo che dal Governo venga un atto di coraggio, non solo nell'interesse degli operatori ma della politica energetica del Paese. Non si tagli l'energia pulita ma piuttosto ben altre zavorre che pesano sul Paese e sulle bollette, e che niente hanno a che fare con l'interesse degli italiani".
 
Le proposte di Assosolare per il Quarto Conto Energia
Assosolare propone di adottare per il nuovo sistema incentivante, entro e non oltre aprile 2011, le seguenti linee guida:
- Adozione di un sistema di salvaguardia dei progetti che hanno fatto affidamento sui sistemi incentivanti del secondo e terzo conto energia; indispensabile confermare per il 2011 le tariffe previste dal Terzo Conto Energia per gli impianti che siano in possesso di titolo abilitativo idoneo alla data di entrata in vigore del d.lgs n. 28/2011 o che non necessitino di titolo abilitativo, in quanto edilizia libera, e che entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2011.
- Per tutti gli impianti che non rientrano in questo regime di salvaguardia, adozione di un sistema incentivante strutturato, in termini di criteri tecnici di riconoscimento degli incentivi analoghi a quelli del Terzo Conto Energia, e con alcuni punti cardine:
• Nessun tetto, annuale o cumulato, per tipologia o per taglia.
• Conferma del meccanismo di feed-in premium
• Dal 1° giugno 2011 e per tutto il 2011, decremento delle tariffe, per gli impianti di taglia superiore a 200 kW, del 5% rispetto a quelle previste dal Terzo Conto Energia per il 2011.
• Assegnazione degli incentivi, a partire dal 1 Gennaio 2012, a valle della dichiarazione di "fine lavori certificata". Gli adeguamenti delle tariffe a partire dall'anno 2012 e per gli anni successivi saranno in funzione del raggiungimento di scaglioni di potenza, in particolare:
A. Riduzioni delle tariffe al 1 Gennaio 2012 (rispetto a dicembre 2011): Valido per entrambe le categorie "Impianti su edifici" e "Altri impianti":
- taglia (kWp): 1 < P < 200 kWp: 8%
- taglia (kWp): P >= 200 kWp : 10%
B. Riduzioni (in %) delle tariffe per i quadrimestri successivi:
- "Impianti su Edifici" di tutte le taglie e "Altri impianti" di taglia (kWp) 1< P < 200 kWp (ii) 3% per Quadrimestre
- "Altri impianti" di taglia P >= 200 kW: 4% Quadrimestre
Potenza obiettivo per quadrimestre: 1,0 GWp. Con meccanismo autoregolatorio che prevede un'ulteriore riduzione in funzione della velocità d'installazione degli impianti e un ulteriore 2% di riduzione della tariffa (a partire dal quadrimestre successivo) da aggiungere alla riduzione già prefissata al cambio quadrimestre, se viene superato l'obiettivo di 1 GW. In caso di mancato raggiungimento di almeno i due terzi dell'obiettivo quadrimestrale non si applica la riduzione tariffaria prefissata per il quadrimestre successivo.
• Il GSE dovrà rendere pubblico con cadenza almeno quindicinale un registro degli impianti per cui è stata raggiunta la "fine lavori certificata"
• Definire forme di incentivazione che consentano il consolidamento delle aziende manifatturiere "made in Italy"
• Estendere la possibilità di adottare lo "scambio sul posto" per impianti fino ad 1 MW
• Applicare tariffe a edificio alle serre, prevedendo sistema di verifica dell'effettiva attività agricola
• Prevedere per la rimozione dell'amianto un premio di almeno 0,05 €/kWh
• Confermare per quanto non specificato lo schema del Terzo Conto Energia, confermando espressamente le incentivazioni per impianti "integrati con caratteristiche innovative" impianti "a concentrazione", impianti fotovoltaici "con innovazione tecnologica".
• Assosolare propone poi di istituire un tavolo di monitoraggio presso il Ministero dello Sviluppo Economico, partecipato da GSE e Associazioni di settore, per verificare l'applicazione del nuovo conto energia e la sostenibilità in bolletta del costo degli incentivi.
 
Per ulteriori informazioni
www.assosolare.org

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/10/2018

La sostenibilit deve fare rete

Che cosa significa smart, cosa sono gli smart building e quali aspetti coinvolge il futuro smart? E’ partita da qui la terza edizione di KlimahouseCamp, momento di confronto e dibattito di alto livello tra importanti attori del mondo accademico, ...

15/10/2018

La visione di Di Maio per un Italia rinnovabile e sostenibile

L’impegno del Governo per la sostenibilità annunicato da Di Maio in un video messaggio prevede introduzione dell’Ires verde, conferma ecobonus e risorse a sostegno delle rinnovabili     Il vice premier e Ministro dello ...

11/10/2018

Nuove norme UNI per la carbon footprint e la sostenibilit degli edifici

Due interessanti novità dall'UNI: è stata recentemente recepita anche in lingua italiana la EN 15643-5 dedicata alla valutazione della sostenibilità degli edifici e la norma internazionale ISO 14067 che contiene le linee ...

10/10/2018

Le bioenergie guideranno la crescita delle rinnovabili al 2023?

IEA ha pubblicato uno studio in cui si parla delle bioenergie come le rinnovabili che cresceranno maggiormente fino al 2023, grazie alle importanti possibilità di utilizzo nel settore del calore e dei trasporti nei quali le altre fonti green ...

09/10/2018

Limitare il surriscaldamento a 1,5 per salvare il pianeta

Presentato il Rapporto IPCC che lancia l'allarme per il clima: necessario intensificare gli sforzi per combattere il surriscaldamento globale, puntare sulle rinnovabili e ridurre i consumi energetici, limitando il surriscaldamento a 1,5°  A poche ...

09/10/2018

Nella nota di aggiornamento DEF confermati Ecobonus e Sismabonus

Nella nota di aggiornamento del DEF presentata alle Camere sono confermati ecobonus e sismabonus per gli interventi di riqualificazione degli edifici     Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha pubblicato la Nota di Aggiornamento del ...

04/10/2018

La trasformazione del mercato elettrico in Italia

A Milano il 25 ottobre la presentazione della seconda edizione dell'Electricity Market Report realizzato dall'Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano, dedicato agli scenari strategici del mercato elettrico in Italia, tra diffusine dei sistemi ...

03/10/2018

In agosto cala la domanda di elettricit, crescono le rinnovabili

Pubblicato da Terna il Report relativo ai consumi elettrici ad Agosto: -1,1% rispetto allo scorso anno. Le rinnovabili nel complesso coprono il 36,8% grazie alla buona performance dell'idrico che segna un +13%. In calo le altre ...