IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Social Housing in bioedilizia

Social Housing in bioedilizia

ROCKWOOL

E' in via di realizzazione a Fossano un nuovo complesso in legno in cui è stato utilizzato il sistema termico a cappotto Rockwool REDArt

 

 

Il nuovo complesso di Social Housing in bioedilizia in via di realizzazione a Fossano, in provincia di Cuneo, unisce una progettazione sostenibile in legno e a consumo quasi zero, a un intervento di edilizia sociale in grado di rispondere alle richieste di abitazione di una fascia di popolazione, purtroppo in continuo aumento, che non può permettersi affitti ai prezzi di libero mercato. Le nuove abitazioni assicureranno agli inquilini qualità di vita e costi di gestione abbastanza contenuti.

 

Il progetto, firmato dallo Studio Garzino Progetti, prevede la realizzazione di 3 palazzine in legno, che si sviluppano su un piano interrato, con autorimesse e cantine a servizio di 3 edifici di 3 piani fuori terra e sottotetto abitabile, con 2 alloggi per piano per edificio, per un totale di n. 18 appartamenti, oltre a un complesso bifamiliare.

La realizzazione delle 3 palazzine è nata grazie alla collaborazione tra la Cooperativa edilizia Flavia di Cuneo, che sostiene programmi mirati di Housing sociale, Casattiva+, che da anni progetta e realizza case in legno, e della Mozzone Building System, impresa specializzata nella realizzazione di strutture in legno.
Le abitazioni sono di varie metrature, adatte dunque alle diverse composizioni dei nuclei familiari.
I progettisti hanno posto particolare attenzione al risparmio energetico tramite precise scelte architettoniche e impiantistiche e al rispetto delle esigenze relazionali, di vivibilità e di sicurezza mediante l’eliminazione delle barriere architettoniche e attraverso l’accessibilità degli spazi comuni.

 

 

La struttura è costituita da un interpiano interrato realizzato in cemento armato, mentre i piani fuori terra sono realizzati in pannelli in CLT (Cross Laminated Timber) di spessore 12 cm per elementi verticali e di spessore 15 cm per orizzontamenti, il tutto opportunamente collegato per creare effetto "scatolare". La copertura é realizzata in legno, a falde tradizionali. 
A garanzia di massimo isolamento termico degli edifici, è stata posta molta attenzione all’isolamento degli elementi costruttivi e alle soluzioni di continuità che assicurassero l’eliminazione dei ponti termici.

La prima palazzina è già terminata, la seconda è in fase di conclusione.

L’intervento di Rockwool

La scelta di utilizzare il sistema a cappotto a facciata REDArt, fornito preassemblato nella versione specifica per edifici in legno, ha assicurato che i tempi di lavoro in cantiere siano ridotti al massimo, grazie a una fase di preincollaggio fatta presso la sede della Mozzone Building System. Gli elementi preassemblati, composti dalla parete in legno e dai pannelli in lana di roccia ROCKWOOL vengono direttamente portati in cantiere per la fase finale di posa, rasatura, armatura e finitura ai siliconi.

 

 

Grazie ad appositi software le pareti in legno vengono disegnate e poi tagliate su misura e sagomate. Successivamente vengono applicati i pannelli in lana di roccia ROCKWOOL Frontrock Max Plus di spessore 180 mm, che rappresentano il cuore isolante del sistema a cappotto REDArt, che a sua volta comprende tutti i prodotti necessari a realizzare un pacchetto completo: in particolare, collante e tasselli specifici, appositamente studiati per il l’incollaggio e il fissaggio meccanico su supporti in legno.

 

 

La lana di roccia per edifici in legno

Per assicurare elevati valori di isolamento in edifici in CLT,  ROCKWOOL propone una versione specifica del sistema di isolamento termico a cappotto REDArt, specificamente studiata per edifici in legno. La lana di roccia, sul piano tecnico e operativo è infatti un materiale molto indicato da applicare sugli elementi strutturali in legno perché garantisce vantaggi prestazionali in termini di isolamento termoacustico, di controllo dell’umidità, di protezione dal fuoco e di durabilità. Il pannello Frontrock Max Plus, cuore del sistema, presenta prestazioni termiche elevate, con un valore di λD = 0,035 w/[mK] e un formato ottimale (1200 x 600 mm) che permette una posa sicura e rapida, anche su edifici in CLT come le tre palazzine di Fossano.

 

Scheda progetto

- Committente: Cooperativa Flavia

- Imprese esecutrici: 

Casattiva+; Fornione (per opere in cemento armato: muri controterra, pilastri interrato-terra, solaio piano terra realizzato in lastre prefabbricate)

Mozzone (per le strutture in legno) 

- Progetto architettonico - Studio Garzino Progetti: 

Ing. Giorgio Garzino - Arch. Elisabetta Mana

- Progetto strutturale - Studio Garzino Progetti:

Ing. Giorgio Garzino - Ing. Giacomo Olocco - Ing. Stefania Soldano  

 

Guarda il video che spiega in dettaglio le fasi delle lavorazioni di preassemblaggio e di montaggio in cantiere

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
27/03/2020

Canada: progettato il primo edificio in legno a zero emissioni di carbonio

Quello che sorgerà in Ontario è un progetto pensato per riunire in un edificio, la cultura indigena con quella occidentale. Un esempio concreto di come l’istruzione può contribuire a ridurre il danno ambientale, eliminando le ...

19/03/2020

Sossusvlei lodge: l’hotel sostenibile nel cuore del deserto africano

Un hotel di lusso, immerso in un oceano di dune, affioramenti rocciosi e pianure di ghiaia che promette, oltre a paesaggi mozzafiato, di ridurre al minimo l’impatto antropico su un ecosistema delicato come il deserto   la ...

19/03/2020

Torino, il Green Pea di Farinetti

Aprirà alla fine dell’estate. È il Green Pea, la nuova scommessa di Oscar Farinetti: un edificio per acquisti verdi, che mette in pratica i principi dell’architettura ecologica e li mostra per spiegarli ai futuri clienti. Il progetto ...

28/02/2020

Nuovo campus tecnologico di Shenzhen, che sembra una catena montuosa

Situato nella baia di Qianhaia in Cina, il nuovo campus tecnologico del colosso tecnologico cinese occuperà 133 ettari. Il suo profilo ondulato, i pannelli fotovoltaici e i numerosi spazi verdi dimostrano un connubio ...

26/02/2020

Efficienza energetica in alta quota: così rinasce il borgo antico

In una borgata in Alta Val di Susa, a più di 1600 metri d’altezza, è stato avviato un progetto di riqualificazione che vede protagonista URSA Italia. Ecco le sfide affrontate.   a cura di Andrea Ballocchi     Indice ...

25/02/2020

Efficienza energetica negli edifici storici: le strategie per ridurre i consumi

La necessità di ridurre drasticamente le emissioni inquinanti, in un’epoca che sembra dirigersi sempre più verso un incontrollato declino ambientale, deve interessare in modo considerevole quella consistente fetta di edificato storico che ...

14/02/2020

La serra bioclimatica per il risparmio energetico, un progetto di ENEA

ENEA lancia un nuovo progetto sostenibile realizzando una serra bioclimatica con orto idroponico finalizzata allo studio e alla valutazione delle nuove prestazioni energetiche della “Scuola delle Energie”, l’edificio su ...

10/02/2020

La nuova sede Unipol a Milano: una torre tonda con serra bioclimatica

Un altro grattacielo si aggiungerà presto allo skyline di Milano. Il nuovo quartier generale della Unipol, nella zona di Porta Nuova, sarà il primo della città a poter contare su una forma tonda. L'edificio punta alla certificazione LEED ...