IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Social Housing in bioedilizia

Social Housing in bioedilizia

ROCKWOOL

E' in via di realizzazione a Fossano un nuovo complesso in legno in cui è stato utilizzato il sistema termico a cappotto Rockwool REDArt

 

 

Il nuovo complesso di Social Housing in bioedilizia in via di realizzazione a Fossano, in provincia di Cuneo, unisce una progettazione sostenibile in legno e a consumo quasi zero, a un intervento di edilizia sociale in grado di rispondere alle richieste di abitazione di una fascia di popolazione, purtroppo in continuo aumento, che non può permettersi affitti ai prezzi di libero mercato. Le nuove abitazioni assicureranno agli inquilini qualità di vita e costi di gestione abbastanza contenuti.

 

Il progetto, firmato dallo Studio Garzino Progetti, prevede la realizzazione di 3 palazzine in legno, che si sviluppano su un piano interrato, con autorimesse e cantine a servizio di 3 edifici di 3 piani fuori terra e sottotetto abitabile, con 2 alloggi per piano per edificio, per un totale di n. 18 appartamenti, oltre a un complesso bifamiliare.

La realizzazione delle 3 palazzine è nata grazie alla collaborazione tra la Cooperativa edilizia Flavia di Cuneo, che sostiene programmi mirati di Housing sociale, Casattiva+, che da anni progetta e realizza case in legno, e della Mozzone Building System, impresa specializzata nella realizzazione di strutture in legno.
Le abitazioni sono di varie metrature, adatte dunque alle diverse composizioni dei nuclei familiari.
I progettisti hanno posto particolare attenzione al risparmio energetico tramite precise scelte architettoniche e impiantistiche e al rispetto delle esigenze relazionali, di vivibilità e di sicurezza mediante l’eliminazione delle barriere architettoniche e attraverso l’accessibilità degli spazi comuni.

 

 

La struttura è costituita da un interpiano interrato realizzato in cemento armato, mentre i piani fuori terra sono realizzati in pannelli in CLT (Cross Laminated Timber) di spessore 12 cm per elementi verticali e di spessore 15 cm per orizzontamenti, il tutto opportunamente collegato per creare effetto "scatolare". La copertura é realizzata in legno, a falde tradizionali. 
A garanzia di massimo isolamento termico degli edifici, è stata posta molta attenzione all’isolamento degli elementi costruttivi e alle soluzioni di continuità che assicurassero l’eliminazione dei ponti termici.

La prima palazzina è già terminata, la seconda è in fase di conclusione.

L’intervento di Rockwool

La scelta di utilizzare il sistema a cappotto a facciata REDArt, fornito preassemblato nella versione specifica per edifici in legno, ha assicurato che i tempi di lavoro in cantiere siano ridotti al massimo, grazie a una fase di preincollaggio fatta presso la sede della Mozzone Building System. Gli elementi preassemblati, composti dalla parete in legno e dai pannelli in lana di roccia ROCKWOOL vengono direttamente portati in cantiere per la fase finale di posa, rasatura, armatura e finitura ai siliconi.

 

 

Grazie ad appositi software le pareti in legno vengono disegnate e poi tagliate su misura e sagomate. Successivamente vengono applicati i pannelli in lana di roccia ROCKWOOL Frontrock Max Plus di spessore 180 mm, che rappresentano il cuore isolante del sistema a cappotto REDArt, che a sua volta comprende tutti i prodotti necessari a realizzare un pacchetto completo: in particolare, collante e tasselli specifici, appositamente studiati per il l’incollaggio e il fissaggio meccanico su supporti in legno.

 

 

La lana di roccia per edifici in legno

Per assicurare elevati valori di isolamento in edifici in CLT,  ROCKWOOL propone una versione specifica del sistema di isolamento termico a cappotto REDArt, specificamente studiata per edifici in legno. La lana di roccia, sul piano tecnico e operativo è infatti un materiale molto indicato da applicare sugli elementi strutturali in legno perché garantisce vantaggi prestazionali in termini di isolamento termoacustico, di controllo dell’umidità, di protezione dal fuoco e di durabilità. Il pannello Frontrock Max Plus, cuore del sistema, presenta prestazioni termiche elevate, con un valore di λD = 0,035 w/[mK] e un formato ottimale (1200 x 600 mm) che permette una posa sicura e rapida, anche su edifici in CLT come le tre palazzine di Fossano.

 

Scheda progetto

- Committente: Cooperativa Flavia

- Imprese esecutrici: 

Casattiva+; Fornione (per opere in cemento armato: muri controterra, pilastri interrato-terra, solaio piano terra realizzato in lastre prefabbricate)

Mozzone (per le strutture in legno) 

- Progetto architettonico - Studio Garzino Progetti: 

Ing. Giorgio Garzino - Arch. Elisabetta Mana

- Progetto strutturale - Studio Garzino Progetti:

Ing. Giorgio Garzino - Ing. Giacomo Olocco - Ing. Stefania Soldano  

 

Guarda il video che spiega in dettaglio le fasi delle lavorazioni di preassemblaggio e di montaggio in cantiere

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
14/10/2019

Un nuovo edificio colorato e sostenibile

Milano cresce e si trasforma con interventi di design e ad alta efficienza energetica, che sempre più spesso interessano le periferie. Da un progetto di riqualificazione efficiente nasce il nuovo Superstudio Maxi, spazio aperto alla creatività, ...

11/10/2019

Architettura e riciclo: arriva l’onda di New Wave per una scuola in Messico

Lo studio di progettazione UMA ha deciso di recuperare e riciclare i rifiuti in plastica per creare l’originale facciata di una scuola d'arte in Messico   la redazione      L’emergenza rifiuti è uno dei temi ...

09/10/2019

La città foresta a Cancun

Stefano Boeri, architetto italiano che ha preso parte al Climate Action Summit di New York, da anni impegnato verso lo studio di modelli di riforestazione urbana, presenta il suo progetto di Smart Forest City in Messico, un’idea di città ...

07/10/2019

La prima concert hall ad energia solare in Repubblica Ceca

Design contemporaneo, acustica curata nei minimi dettagli, 1.300 posti, sistema di raccolta dell’acqua piovana e alimentazione ad energia solare. È la concert hall della città di Ostrava, un nuovo spazio per una delle principali orchestre ...

01/10/2019

Emergenza climatica e biodiversità: la sfida degli architetti italiani

Otto studi di architettura italiani hanno lanciato una sfida dal nome Italian Architects Declare Climate and Biodiversity Emergency per far fronte all’emergenza climatica e tutelare la biodiversità. I fondatori del progetto sono Piuarch Studio, ...

26/09/2019

Il nuovo landmark di Aosta firmato Mario Cucinella

In corso ad Aosta i lavori di realizzazione della nuova università Valdostana. Il progetto è di Mario Cucinella Architects, che ha previsto la costruzione di tre nuovi edifici e il recupero dei principali corpi di fabbrica esistenti. Un progetto ...

25/09/2019

X_PUR: design e paesaggio naturale si riuniscono in un unico progetto

Vivere in città ma immersi nella natura, rafforzando la relazione tra uomo e ambiente. Una relazione forte, originale e necessaria. Tutto questo è X_PUR, nuovo concetto di città proposta dallo studio di architettura ...

18/09/2019

Tetti verdi: Turf house islandesi possibili patrimonio dell’Unesco

L’Islanda, come la maggioranza dei paesi nordici, ha sviluppato nel corso dei secoli edifici peculiari caratterizzati dalla presenza di manto erboso in copertura: le cosiddette Turf house con tetto verde, letteralmente case di torba.   A ...