IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Social Housing in bioedilizia

Social Housing in bioedilizia

ROCKWOOL

E' in via di realizzazione a Fossano un nuovo complesso in legno in cui è stato utilizzato il sistema termico a cappotto Rockwool REDArt

 

 

Il nuovo complesso di Social Housing in bioedilizia in via di realizzazione a Fossano, in provincia di Cuneo, unisce una progettazione sostenibile in legno e a consumo quasi zero, a un intervento di edilizia sociale in grado di rispondere alle richieste di abitazione di una fascia di popolazione, purtroppo in continuo aumento, che non può permettersi affitti ai prezzi di libero mercato. Le nuove abitazioni assicureranno agli inquilini qualità di vita e costi di gestione abbastanza contenuti.

 

Il progetto, firmato dallo Studio Garzino Progetti, prevede la realizzazione di 3 palazzine in legno, che si sviluppano su un piano interrato, con autorimesse e cantine a servizio di 3 edifici di 3 piani fuori terra e sottotetto abitabile, con 2 alloggi per piano per edificio, per un totale di n. 18 appartamenti, oltre a un complesso bifamiliare.

La realizzazione delle 3 palazzine è nata grazie alla collaborazione tra la Cooperativa edilizia Flavia di Cuneo, che sostiene programmi mirati di Housing sociale, Casattiva+, che da anni progetta e realizza case in legno, e della Mozzone Building System, impresa specializzata nella realizzazione di strutture in legno.
Le abitazioni sono di varie metrature, adatte dunque alle diverse composizioni dei nuclei familiari.
I progettisti hanno posto particolare attenzione al risparmio energetico tramite precise scelte architettoniche e impiantistiche e al rispetto delle esigenze relazionali, di vivibilità e di sicurezza mediante l’eliminazione delle barriere architettoniche e attraverso l’accessibilità degli spazi comuni.

 

 

La struttura è costituita da un interpiano interrato realizzato in cemento armato, mentre i piani fuori terra sono realizzati in pannelli in CLT (Cross Laminated Timber) di spessore 12 cm per elementi verticali e di spessore 15 cm per orizzontamenti, il tutto opportunamente collegato per creare effetto "scatolare". La copertura é realizzata in legno, a falde tradizionali. 
A garanzia di massimo isolamento termico degli edifici, è stata posta molta attenzione all’isolamento degli elementi costruttivi e alle soluzioni di continuità che assicurassero l’eliminazione dei ponti termici.

La prima palazzina è già terminata, la seconda è in fase di conclusione.

L’intervento di Rockwool

La scelta di utilizzare il sistema a cappotto a facciata REDArt, fornito preassemblato nella versione specifica per edifici in legno, ha assicurato che i tempi di lavoro in cantiere siano ridotti al massimo, grazie a una fase di preincollaggio fatta presso la sede della Mozzone Building System. Gli elementi preassemblati, composti dalla parete in legno e dai pannelli in lana di roccia ROCKWOOL vengono direttamente portati in cantiere per la fase finale di posa, rasatura, armatura e finitura ai siliconi.

 

 

Grazie ad appositi software le pareti in legno vengono disegnate e poi tagliate su misura e sagomate. Successivamente vengono applicati i pannelli in lana di roccia ROCKWOOL Frontrock Max Plus di spessore 180 mm, che rappresentano il cuore isolante del sistema a cappotto REDArt, che a sua volta comprende tutti i prodotti necessari a realizzare un pacchetto completo: in particolare, collante e tasselli specifici, appositamente studiati per il l’incollaggio e il fissaggio meccanico su supporti in legno.

 

 

La lana di roccia per edifici in legno

Per assicurare elevati valori di isolamento in edifici in CLT,  ROCKWOOL propone una versione specifica del sistema di isolamento termico a cappotto REDArt, specificamente studiata per edifici in legno. La lana di roccia, sul piano tecnico e operativo è infatti un materiale molto indicato da applicare sugli elementi strutturali in legno perché garantisce vantaggi prestazionali in termini di isolamento termoacustico, di controllo dell’umidità, di protezione dal fuoco e di durabilità. Il pannello Frontrock Max Plus, cuore del sistema, presenta prestazioni termiche elevate, con un valore di λD = 0,035 w/[mK] e un formato ottimale (1200 x 600 mm) che permette una posa sicura e rapida, anche su edifici in CLT come le tre palazzine di Fossano.

 

Scheda progetto

- Committente: Cooperativa Flavia

- Imprese esecutrici: 

Casattiva+; Fornione (per opere in cemento armato: muri controterra, pilastri interrato-terra, solaio piano terra realizzato in lastre prefabbricate)

Mozzone (per le strutture in legno) 

- Progetto architettonico - Studio Garzino Progetti: 

Ing. Giorgio Garzino - Arch. Elisabetta Mana

- Progetto strutturale - Studio Garzino Progetti:

Ing. Giorgio Garzino - Ing. Giacomo Olocco - Ing. Stefania Soldano  

 

Guarda il video che spiega in dettaglio le fasi delle lavorazioni di preassemblaggio e di montaggio in cantiere

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
11/12/2019

La città verticale sull’acqua ad impatto energetico zero

Vertical City e la proposta progettuale di una città sull’acqua completamente autosufficiente in grado di ospitare 25 mila abitanti. Energie rinnovabili, sistemi di accumulo, produzione alimentare integrata e zero rifiuti promettono un nuovo ...

09/12/2019

Nuovo social housing nZEB a Prato

Il progetto nZEB, a Prato, oltre a rappresentare una risposta concreta all’esigenza abitativa con 29 nuovi alloggi e un centro civico, si pone come esempio virtuoso da molteplici punti di vista, primo fra tutti coniugare alta efficienza energetica e ...

04/12/2019

LIFE Hamburg, il campus autosufficiente che reinventa l’apprendimento

12.000 metri quadri di materiali naturali e vegetazione per connettere l’ambiente circostante con la struttura dell’edificio. È LIFE Hamburg, il progetto vincitore del concorso per realizzare il nuovo campus ecologico e autosufficiente dal ...

25/11/2019

Finestre fotovoltaiche: record di efficienza per Glass to Power

I ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca e della start-up Glass to Power hanno raggiunto un nuovo primato, realizzando dei concentratori solari luminescenti da integrare negli edifici caratterizzati dalla più alta efficienza mai ...

25/11/2019

Il tetto solare di Tesla potrebbe essere pronto per il mercato di massa

Dopo un paio di tentativi non andati a buon fine per motivi sia tecnici che estetici, la nuova versione del tetto solare targata Elon Musk, più efficiente e più facile da montare, potrebbe finalmente arrivare al mercato consumer. ...

21/11/2019

Architettura di qualità per l’adattamento climatico

Ecco un esempio di come le città esposte al rischio inondazioni possono, con l’aiuto dell’architettura, affrontare le conseguenze del cambiamento climatico. Amburgo, importante porto commerciale sul Mare del Nord, per difendere la ...

14/11/2019

A Praga il grattacielo più alto della città ispirato ai cambiamenti climatici

Soprannominato TOP TOWER, il progetto di grattacielo dalla visione apocalittica sui cambiamenti climatici ha suscitato non poche polemiche per il suo forte impatto visivo: l’edificio incorpora una grande nave alla deriva durante un ...

13/11/2019

A ZHA il progetto dell’hub ferroviario di Tallin

Il progetto del nuovo terminal di Ülemiste in Estonia verrà realizzato dallo studio londinese di Zaha Hadid Architects. Sarà il punto di partenza della linea Rail Baltic, la ferrovia di 870 chilometri che unirà la capitale estone al ...