IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il tetto solare di Tesla potrebbe essere pronto per il mercato di massa

Il tetto solare di Tesla potrebbe essere pronto per il mercato di massa

Dopo un paio di tentativi non andati a buon fine per motivi sia tecnici che estetici, la nuova versione del tetto solare targata Elon Musk, più efficiente e più facile da montare, potrebbe finalmente arrivare al mercato consumer. I punti di forza del tetto targato Tesla sono tegole solari più semplici e più grandi per ridurre i tempi di installazione e migliorare l’efficienza e, soprattutto, un costo d’acquisto ridotto

 

a cura di Tommaso Tautonico

 

Il tetto solare di Tesla potrebbe essere pronto per il mercato di massa

 

Indice degli argomenti:

“We can make roofs come alive”. Con queste parole Elon Musk ha annunciato la terza versione dei suoi tetti solari, quella definitiva che dovrebbe finalmente entrare nel mercato di massa. Negli ultimi anni, la visione futuristica di un tetto con pannelli fotovoltaici completamente integrati è sempre stata rimandata per motivi diversi.


"Abbiamo cambiato alcuni dei materiali che utilizziamo, modificato alcuni dei metodi e la tecnologia per la produzione, cercando di usare qualcosa di più scalabile", ha spiegato Musk nell’annuncio della V3 del tetto Tesla.

Tetto solare Tesla: struttura e design

Il tetto solare di Tesla potrebbe essere pronto per il mercato di massa

 

L’estetica della nuova versione del tetto solare è rimasta pressoché identica: rettangoli di acciaio grigio a filo con il tetto.

 

La novità è nelle scandole in vetro temperato, ora più scure, più grandi rispetto alle precedenti, con meno parti, e soprattutto sono più economiche da produrre e da installare. La caratteristica vincente, a detta di Musk, è che sono in grado di catturare più energia rispetto alle precedenti versioni.

Efficienza del tetto solare e costi

Sin dalla prima versione dell’innovativo prodotto, l’approccio di Elon Musk è stato a dir poco ossessivo nei confronti dell’abbattimento dei costi, per questo ha deciso di passare al solo canale online per le vendite del suo tetto solare. Uno dei grandi temi portati avanti dal patron di Tesla è che il solar roof deve essere più economico rispetto alla combinazione di un tetto classico a cui aggiungere i pannelli fotovoltaici.


Anche per la terza versione del tetto solare integrato Musk rimane sul pezzo. Il costo dovrebbe essere inferiore del 40% rispetto alla versione precedente. Sul sito di Tesla, un tetto solare di 185 mq circa, in grado di generare 10 kW di energia, viene venduto, grazie anche agli incentivi statali americani, a poco meno di 34.000$.

 

Altro aspetto importante su cui sono stati fatti passi da gigante è il tempo di installazione, adesso notevolmente ridotto. L'obiettivo, grazie anche a tegole solari più semplici e grandi, è completare il montaggio in otto ore. Il tetto solare viene venduto con una garanzia di 25 anni.
La nuova versione del tetto fotovoltaico verrà prodotta presso la Buffalo Gigafactory che a pieno regime sarà in grado di produrre 1.000 tetti a settimana.

 

img by Tesla.com

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
24/01/2020

The Orbit, la smart city del futuro che non rinuncia all’ambiente

Immaginate di trasformare una cittadina dai connotati rurali in una città del futuro, che combina fibra ottica, veicoli autonomi e aeroporti per droni, senza perdere la connessione con l’ambiente naturale.   a cura di Tommaso ...

21/01/2020

22.774 sistemi di accumulo installati al 30 settembre 2019

Pubblicato da Anie Rinnovabili l'Osservatorio dedicato ai sistemi storage abbinati agli impianti fotovoltaici: i dati al 30 settembre 2019 parlano di 22.774 sistemi di accumulo installati per una potenza complessiva pari a 103 MW e ...

15/01/2020

Raddoppiare le rinnovabili entro il 2030 per raggiungere gli obiettivi di transizione energetica

L'Irena sostiene che nei prossimi 10 anni, per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e tracciare un percorso verso la sicurezza del clima, 10 trilioni di dollari di investimenti in combustibili fossili dovranno essere spostati verso la ...

14/01/2020

La più grande parete verde in Europa assorbirà 8t di inquinamento atmosferico

Un albergo a cinque stelle nel cuore di Londra in grado di contrastare l’inquinamento atmosferico grazie a 3.700 metri quadri di parete verde. Un contributo importante al verde urbano londinese e alla lotta ai cambiamenti climatici.   la ...

13/01/2020

Pechino e il suo nuovo aeroporto a forma di stella marina gigante

Grande quanto 97 campi di calcio, il Daxing International Airport si estende su 47 km quadrati e diventerà il più grande e affollato aeroporto al mondo. Ispirato ai principi dell’architettura cinese, implementa energia fotovoltaica, ...

10/01/2020

Sky green: il grattacielo faro della sostenibilità di Taiwan

Nel cuore della città di Taichung, il nuovo grattacielo con alberi e piante su ogni livello, vuole diventare il nuovo simbolo di sostenibilità per Taiwan. Esamina il rapporto tra la pianificazione dell'architettura d’interni e ...

09/01/2020

Fotovoltaico: IHS prevede 142 GW nel 2020

Secondo il nuovo comunicato pubblicato da IHS Markit nel 2020 ci saranno 142 GW di nuova potenza fotovoltaica installata, sette volte il totale degli impianti solari nel mondo dieci anni fa e con una crescita del 14% rispetto al ...

08/01/2020

Accumulo a idrogeno: così l’antico maso immagazzina energie rinnovabili

In provincia di Bolzano si sperimenta un sistema di accumulo energetico a idrogeno per fonti rinnovabili per alimentare un maso del Settecento   a cura di Andrea Ballocchi     Indice degli argomenti: Accumulo a idrogeno: il ...