IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Torre Reforma, miglior grattacielo 2018

Torre Reforma, miglior grattacielo 2018

Il grattacielo per uffici di Città del Messico progettato da Benjamìn Romano ha vinto l’International Highrise Award 2018, la competizione internazionale che premia le migliori architetture superiori a cento metri di altezza ultimate negli ultimi due anni. Trentasei le opere selezionate, cinque i finalisti

 

a cura di Pietro Mezzi 

 

Torre Reforma, miglior grattacielo 2018

img by Alfonso Merchand e Iwan Baan

 

La torre per uffici Torre Reforma di Città del Messico, progettata dall’architetto Benjamìn Romano, si è aggiudicata l’International Highrise Award 2018, la competizione internazionale che premia i migliori grattacieli ultimati negli ultimi due anni.

 

L’edificio, con i suoi 246 metri di altezza e i suoi 57 piani, è oggi il più alto grattacielo della capitale messicana. Oltre agli uffici ospita un centro commerciale, un ristorante, una palestra e aree di intrattenimento: la sua costruzione è iniziata nel 2008 ed è terminata nel 2016.

 

Torre Reforma, Città del Messico, di Benjamìn Romano

Torre Reforma, Città del Messico, di Benjamìn Romano (foto, Alfonso Merchand e Iwan Baan)

 

La realizzazione di Romano è stata premiata in quanto, in un Paese a forte rischio sismico, la sua struttura portante ha una impostazione particolare, che è riuscita a conferire all’architettura dell’edificio un aspetto sorprendente. L’edificio, infatti, è concepito come un enorme obelisco urbano definito da due muri in cemento armato disposti a libro aperto; si distingue dai grattacieli circostanti non solo per la sua altezza, ma per la sua architettura originale, che riprende le tradizioni costruttive atzeche, interpretate in chiave moderna.

 

Secondo la giuria, meritevole di attenzione è stata anche la modalità di finanziamento: il Fondo Hexa, infatti, con Torre Reforma ha proposto un investimento a lungo termine e posto l’accento sulla qualità dei materiali e dei dettagli. Un approccio economico, quello dei promotori immobiliari, che ha influito positivamente sul progetto architettonico e che potrebbe essere esportato con successo anche al di fuori dei confini nazionali.

 

Premiati anche gli altri quattro grattacieli finalisti: il MahaNakhon a Bangkok di Buro Ole Scheeren e Oma Pechino; il Beirut Terraces a Beirut di Herzog & de Meuron; il Chaoyang Park Plaza a Pechino di Mad Architects e l’Oasia Hotel Downtown a Singapore di Woha.

 

MahaNakhon, Bangkok, di Buro Ole Scheeren e OMA Pechino (foto, Hufton Crow)

MahaNakhon, Bangkok, di Buro Ole Scheeren e OMA Pechino (foto, Hufton Crow)

 

La selezione della giuria è avvenuta a partire dagli oltre mille grattacieli che ogni due anni vengono realizzati in varie parti del mondo: dei  36 ammessi, cinque sono stati chiamati alla fase finale.

 

L’International Highrise Award, che è giunto alla sua ottava edizione e che è organizzato in partnership tra il Deutsches Architekturmuseum (Dam) di Francoforte e la DekaBank Deutsche Girozentrale, è considerato il premio di architettura dei grattacieli tra i più importanti al mondo.

 

Scheda Progetto Torre Reforma

  • Località Città del Messico
  • Progetto architettonico Benjamìn Romano, lbrarcquitectos
  • Progetto strutturale Arup
  • Numero di piani 57
  • Altezza 246 metri
  • Inizio e fine lavori 2008 - 2016

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
09/05/2019

La nuova biblioteca di Madrid è un'astronave verde

The Green Spaceship è la nuova biblioteca comunale di Madrid, sviluppata su due livelli, la parte superiore sarà ricoperta di vegetazione durante i mesi estivi.   a cura di Tommaso Tautonico     The Green Spaceship è ...

06/05/2019

Il Salesforce Tower premiato come miglior grattacielo al mondo

L'edificio di 326 metri realizzato a San Francisco dallo Studio Pelli Clarke Pelli Architects, ha vinto il CTBUH Awards, il grattacielo più bello del mondo      In occasione della Council on Tall Buildings and Urban Habitat ...

29/04/2019

Case a impatto 0 ed economiche, un binomio possibile

In Germania sta per nascere un quartiere ad alta efficienza energetica, in cui gli obiettivi climatici andranno di pari passo con quelli sociali, attraverso la costruzione di abitazioni sostenibili e a buon mercato     Dietenbach è ...

18/04/2019

UniCredit, Eni gas e luce e Harley&Dikkinson insieme per la riqualificazione energetica

Eni gas e luce con il contributo di Harley&Dikkinson mette a disposizione CappottoMio, un servizio dedicato appositamente alla riqualificazione energetica e agli interventi per la sicurezza sismica degli edifici condominiali.   A cura di Fabiana ...

09/04/2019

L’abitare nomade (e sostenibile) di Michele Perlini

No.Made è il modulo abitativo che Michele Perlini presenta alla Milano Design Week 2019. Una micro abitazione con vetri selettivi, basso emissivi e a controllo solare e facciate di pannelli minerali ad alta densità a bassa trasmittanza. ...

29/03/2019

Da centro smistamento merci ad eco quartiere

Le città europee stanno affrontando la difficile sfida di trasformare il patrimonio edilizio in modo sostenibile, favorendo la transizione verso una nuova era, a basse emissioni di carbonio e basata sull’economia circolare. Il progetto di ...

21/03/2019

Prefabbricato ad energia zero Xuhui Demonstrative Project

Un piccolo spazio condiviso e rispettoso dell’ambiente. E’ l’Xuhui Demonstrative Project di Pechino, il primo complesso prefabbricato ad energia zero ad uso sociale che combina strategie di progettazione passiva ed energie rinnovabili, e ...

12/03/2019

Le opportunità in edilizia delle abitazioni intelligenti e passive

ZEPHIR Passivhaus Italia, istituto di fisica edile, propone il 16 marzo nell'ambito del MADE un interessante convegno dedicato alle abitazioni intelligenti e sostenibili del futuro     Sabato 16 marzo nell'ambito del MADE Expo, importante ...