Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Torre Reforma, miglior grattacielo 2018

Torre Reforma, miglior grattacielo 2018

Il grattacielo per uffici di Città del Messico progettato da Benjamìn Romano ha vinto l’International Highrise Award 2018, la competizione internazionale che premia le migliori architetture superiori a cento metri di altezza ultimate negli ultimi due anni. Trentasei le opere selezionate, cinque i finalisti

 

a cura di Pietro Mezzi 

 

Torre Reforma, miglior grattacielo 2018

img by Alfonso Merchand e Iwan Baan

 

La torre per uffici Torre Reforma di Città del Messico, progettata dall’architetto Benjamìn Romano, si è aggiudicata l’International Highrise Award 2018, la competizione internazionale che premia i migliori grattacieli ultimati negli ultimi due anni.

 

L’edificio, con i suoi 246 metri di altezza e i suoi 57 piani, è oggi il più alto grattacielo della capitale messicana. Oltre agli uffici ospita un centro commerciale, un ristorante, una palestra e aree di intrattenimento: la sua costruzione è iniziata nel 2008 ed è terminata nel 2016.

 

Torre Reforma, Città del Messico, di Benjamìn Romano

Torre Reforma, Città del Messico, di Benjamìn Romano (foto, Alfonso Merchand e Iwan Baan)

 

La realizzazione di Romano è stata premiata in quanto, in un Paese a forte rischio sismico, la sua struttura portante ha una impostazione particolare, che è riuscita a conferire all’architettura dell’edificio un aspetto sorprendente. L’edificio, infatti, è concepito come un enorme obelisco urbano definito da due muri in cemento armato disposti a libro aperto; si distingue dai grattacieli circostanti non solo per la sua altezza, ma per la sua architettura originale, che riprende le tradizioni costruttive atzeche, interpretate in chiave moderna.

 

Secondo la giuria, meritevole di attenzione è stata anche la modalità di finanziamento: il Fondo Hexa, infatti, con Torre Reforma ha proposto un investimento a lungo termine e posto l’accento sulla qualità dei materiali e dei dettagli. Un approccio economico, quello dei promotori immobiliari, che ha influito positivamente sul progetto architettonico e che potrebbe essere esportato con successo anche al di fuori dei confini nazionali.

 

Premiati anche gli altri quattro grattacieli finalisti: il MahaNakhon a Bangkok di Buro Ole Scheeren e Oma Pechino; il Beirut Terraces a Beirut di Herzog & de Meuron; il Chaoyang Park Plaza a Pechino di Mad Architects e l’Oasia Hotel Downtown a Singapore di Woha.

 

MahaNakhon, Bangkok, di Buro Ole Scheeren e OMA Pechino (foto, Hufton Crow)

MahaNakhon, Bangkok, di Buro Ole Scheeren e OMA Pechino (foto, Hufton Crow)

 

La selezione della giuria è avvenuta a partire dagli oltre mille grattacieli che ogni due anni vengono realizzati in varie parti del mondo: dei  36 ammessi, cinque sono stati chiamati alla fase finale.

 

L’International Highrise Award, che è giunto alla sua ottava edizione e che è organizzato in partnership tra il Deutsches Architekturmuseum (Dam) di Francoforte e la DekaBank Deutsche Girozentrale, è considerato il premio di architettura dei grattacieli tra i più importanti al mondo.

 

Scheda Progetto Torre Reforma

  • Località Città del Messico
  • Progetto architettonico Benjamìn Romano, lbrarcquitectos
  • Progetto strutturale Arup
  • Numero di piani 57
  • Altezza 246 metri
  • Inizio e fine lavori 2008 - 2016

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
27/05/2020

Seafire Resort: l’eco-resort di lusso che strizza l’occhio all’ambiente

Oltre al comfort e al lusso dei suoi spazi, il resort sostenibile presenta diverse caratteristiche ecologiche, tra cui energia solare, illuminazione a led, materiali da costruzione riciclati, piante autoctone e persino una illuminazione turtle ...

22/05/2020

Rispetto della tradizione e innovazione

Sono iniziati a Bolzano i lavori di costruzione dell'albergo La Briosa. Il progetto firmato dagli architetti Felix Perasso e Daniel Tolpeit unisce sapientemente il rispetto delle tradizioni altoatesine e un design innovativo     Tradizione e ...

15/05/2020

Progettata a Dallas la parete verde più alta del Nord America

La società di investimenti Rastegar Property Company ha annunciato l'intenzione di realizzare a Dallas la parete verde vivente più alta del Nord America sulla facciata di un grattacielo di 26 piani.   a cura di Tommaso ...

05/05/2020

The Rainbow Tree: il grattacielo in legno con la doppia certificazione ambientale

La città di Cebu nelle Filippine ospita uno dei progetti architettonici più innovativi mai realizzati. L’uso combinato del legno con le tecniche di progettazione bioclimatica passiva e con le fonti rinnovabili, riduce la sua impronta di ...

04/05/2020

Rice House: alimentare l’economia circolare con la paglia di riso

Nell’ambito di un incontro virtuale organizzato dall’università di Pavia l’Architetto Tiziana Monterisi ha spiegato i principi che governano Rice House, start up nata dalla ricerca di soluzioni sostenibili e alternative ...

28/04/2020

Le proposte di Rete IRENE per rilanciare la filiera dell’edilizia post coronavirus

Rete IRENE ha avanzato, attraverso la pubblicazione di un Manifesto, 10 proposte concrete e specifiche finalizzate al rilancio della filiera edilizia per il post-emergenza da coronavirus.     La situazione con la quale l’Italia si ...

09/04/2020

Una galleria d’arte che produce energia dalla forza delle onde

La costa di Sochi, in Russia, potrebbe ospitare la Hydroelectric Sculpture Gallery, una galleria d’arte parzialmente sommersa. Oltre ad essere autosufficiente, grazie all’energia prodotta dal moto ondoso soddisferà ...

03/04/2020

Dune House, una casa vacanze nelle dune del Massachusetts

Una casa vacanze scolpita nelle dune di sabbia, completamente autosufficiente dal punto di vista energetico che conta sulla raccolta e riciclo dell’acqua piovana. Iper sostenibile per invertire il contributo dell’edilizia al cambiamento climatico, ...