IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Un’analisi del rapporto tra il GSE, operatori del settore fotovoltaico e proprietari di impianti fotovoltaici

Un’analisi del rapporto tra il GSE, operatori del settore fotovoltaico e proprietari di impianti fotovoltaici

A seguito di diverse segnalazioni di criticità legate al rapporto con il GSE, Italia Solare ha preparato un documento con una serie di proposte

 

Questo mese ITALIA Solare propone un approfondimento analitico sul rapporto, non sempre facile, tra il GSE, gli operatori del settore fotovoltaico e i proprietari di impianti fotovoltaici.

Rapporto che è legato in maniera indissolubile dalla gestione burocratica degli incentivi previsti dai vari Conto Energia.

 

La nostra analisi deriva dalle segnalazioni da parte dei nostri soci – che sono operatori e proprietari di impianti – di criticità legate al rapporto con il GSE ed ha come obiettivo principale trovare soluzioni che siano vantaggiose per tutte le parti coinvolte.

 

ITALIA Solare ha preparato un documento dettagliato completo anche di proposte per risolvere tali criticità. Il documento è ora in mano al GSE e prossimamente ne discuteremo con i diretti interessati durante un incontro proprio con i vertici del GSE.

 

Vediamo quali sono i punti principali del documento.

Modifiche impianti dopo la sospensione del Documento Tecnico di Riferimento (DTR)

Molti soci evidenziano che a seguito della sospensione del DTR, non risulta chiaro quali interventi siano ammissibili e che procedura occorra seguire per gli interventi. Nel dettaglio, non essendoci più interventi soggetti ad approvazione preventiva, sarebbe utile predisporre linee guida allo scopo di evitare dispendio di tempo e risorse a tutti gli attori coinvolti.

 

Metodi di risoluzione delle contestazioni e controversie

Un giudizio al TAR Lazio ha un costo che non può essere inferiore ai 3.000 Euro. Per gli impianti di minori dimensione questo costituisce un pregiudizio grave al diritto costituzionalmente tutelato di difesa degli utenti e di fatto preclude la tutela contro i provvedimenti del GSE a un grosso numero di proprietari di impianti. Per queste casistiche si potrebbe prevedere meccanismi di conciliazione ed arbitrato a prezzo convenzionato in modo da non discriminare nessuno.

 

Sanzioni in caso siano riscontrate difformità durante le verifiche

Molti soci evidenziano che la lista di irregolarità che causano la decadenza dagli incentivi contenuta nell’Allegato 1 al DM 31 gennaio 2014 è troppo vasta. Si ritiene che prevedere una maggiore articolazione delle sanzioni, limitando i casi di decadenza dalle tariffe incentivanti, risponderebbe a un criterio di proporzionalità ed equità.

 

Destinazione dei fondi revocati

Moltissimi soci richiedono di avere conferma dal GSE che i provvedimenti di revoca degli incentivi non portino a far sì che i fondi originariamente destinati a supportare il fotovoltaico siano utilizzati per scopi totalmente diversi.

Al fine di non modificare la destinazione d’uso e di stare al passo con lo sviluppo della tecnologia, sull’esempio di altri paesi si propone di usare i fondi disponibili per incentivare la diffusione delle tecnologie di accumulo, con particolare attenzione alle Smart Grid locali.

Inoltre, gli impianti già costruiti a cui è revocato o non concesso l’incentivo non dovrebbero essere dismessi bensì messi in condizione di poter continuare ad operare.

 

Semplificazione delle procedure per i Sistemi Efficienti di Utenza

L’attuale disciplina relativa ai Sistemi Efficienti di Utenza introduce una procedura di qualifica estremamente onerosa in termini economici, sia per le spese da pagare al GSE che per la necessità di rivolgersi a consulenti per la domanda e impone poi un altrettanto oneroso obbligo di comunicazione di tutte le modifiche che espone le imprese al rischio di gravissime conseguenze in caso di dimenticanze.

Per ridurre la mole di tali adempimenti burocratici, che rischiano di essere spropositati ITALIA Solare propone la possibilità di conservare la documentazione relativa alle modifiche, senza inviarla al GSE, in caso di verifica. Sarebbe anche opportuno prevedere autocertificazioni per alcune casistiche.

a cura di Paolo Rocco Viscontini – Presidente ITALIA Solare

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/11/2018

Tariffe incentivanti e detassazione Tremonti Ambiente, prorogati i termini

Il GSE ha prorogato al 31 dicembre 2019 il termine indicato per l'attestazione della rinuncia al beneficio fiscale, precedentemente fissato al 22 novembre, per gli operatori incorsi nel divieto di cumulo tra Conti Energia e la  “Tremonti ...

12/11/2018

La rinascita di Chernobyl: da nucleare, ad energia solare

A più di 30 anni dal disastro nucleare della centrale di Chernobyl, un impianto fotovoltaico da 1MW ha iniziato a produrre energia pulita che soddisfa il fabbisogno energetico di 2 mila abitazioni. Una rinascita per tutta la zona della vecchia ...

08/11/2018

Lo scenario per il fotovoltaico italiano da oggi al 2030

Dal convegno organizzato da Althesys a Rimini e dedicato alle prospettive del fotovoltaico in Italia è emerso che è necessario aumentare gli sforzi per assicurare il rispetto dei target fissati dalla UE. Si deve intervenire sugli impianti ...

31/10/2018

Il fotovoltaico apre la strada verso l’autoconsumo

Nel 2017 l’autoconsumo è stato pari a 4.889 GWh, ovvero il 20,1% della produzione complessiva degli impianti fotovoltaici, in crescita dell’1,9% rispetto al 2016. Un settore dalle grandi potenzialità ma che presenta ancora troppi ...

05/10/2018

- 17% per fotovoltaico, eolico e idroelettrico nei primi 8 mesi del 2018

Anie Rinnovabili ha pubblicato l'Osservatorio FER di agosto che mostra ancora un calo, -17%, delle installazioni nei primi 8 mesi dell'anno rispetto al 2017.      Nel periodo gennaio-agosto 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, ...

03/10/2018

La Cina sperimenta per la prima volta finestre fotovoltaiche e isolanti

I ricercatori della South China University of Technology hanno sviluppato un prototipo di finestra fotovoltaica in grado di svolgere due funzioni differenti e molto importanti: produrre energia ed isolare termicamente.   a cura di Tommaso ...

28/09/2018

Blockchain al servizio della digital energy

Il settore energetico è protagonista di una vera e propria trasformazione digitale, verso un modello di produzione decentralizzata e distribuita di energia elettrica, in cui gli acquisti e le vendite di energia elettrica saranno certificati ...

28/09/2018

Le osservazioni di Anie Rinnovabili sullo schema di Decreto FER

ANIE Rinnovabili, che ha analizzato la bozza di Decreto ministeriale di incentivazione alle FER, esprime molta soddisfazione per la programmazione su base triennale e la possibilità di installazione di moduli fotovoltaici a seguito della bonifica da ...