IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Un eco resort che unisce design e ecologia

Un eco resort che unisce design e ecologia

Naman Retreat Hay Hay è il resort eco-friendly di Vo trong Nghia Architects in corso di realizzazione nel cuore del Vietnam

 

L'eco resort Naman Retreat Hay Hay,un connubio di design, verde e bambù

 

Il Vietnam offre alcune delle spiagge più belle al mondo: qui sorge il resort lussureggiante che prende il nome di Naman Retreat Hay Hay, il cui progetto è stato curato dallo studio Vo Trong Nghia. Il Naman Retreat è una gioia per lo spirito e per gli occhi: la bellezza del design contemporaneo viene esaltata dall’uso del bambù, uno dei materiali da costruzione più antichi dell’Asia.

 

Il progetto per il Naman Retreat è un armonioso mix di verde, pietra naturale e bambù: il connubio di questi elementi fa sì che gli ospiti possano godere di un’esperienza di relax assoluto.

 

Vo Trong Nghia ha utilizzato il bambù come materiale principale. La scelta di utilizzare pietra locale e materiali naturali fa subito intendere la volontà dei progettisti di realizzare un resort rispettoso del territorio, così da esaltare ancor di più la bellezza della natura vietnamita.

 

Il resort progettato da Vo Trong Nghia si estende su una superficie di tre ettari e vede la presenza di un 80 bungalow finemente arredati, un’incredibile spa, un bar, conference hall e una piscina. 

Il bambù: una scelta ecosostenibile

Vo Trong Nghia Architects ha scelto di utilizzare il bambù: è leggero eppure resistente e durevole nel tempo, tanto da meritarsi l’appellativo di “acciaio vegetale”. Scegliere il bambù significa scegliere un materiale resistente, economico ed ecosostenibile: il mix di tutte queste caratteristiche lo rende davvero una risorsa unica per la bio-edilizia.

 

Il Naman Retreat Hay Hay in vietnam è realizzato principalmente in bambù

Il materiale scelto per la realizzazione del resort è il bambù, resistente e duttile.

 

Gli edifici di uso comune sono stati costruiti in questo materiale così da realizzare spazi aperti adattabili alle diverse tipologie di eventi. Il progetto del resort vede la presenza di grandi pilastri formati da fasci di bambù disposti verticalmente: grazie alla grande flessibilità, il bambù è in grado di assumere forme diverse per ogni edificio creando incredibili “colonne vegetali”.

 

Per questo progetto sono state selezionate due tipologie di bambù: il luonge, utilizzato per le colonne, e il Tam Vong una variante più flessibile sfruttata per realizzare le strutture ad arco presenti nel complesso.

 

La conference hall, primo edificio che accoglie gli ospiti, vanta una superficie di 700 metri quadrati e ospita fino a mille persone. Altro edificio in bambù è il ristorante che si trova di fronte alla spiaggia, davanti a un’infinity pool. La struttura è essenzialmente lineare, punteggiata da due cupole in bambù.

 

Il bar dell'eco resort vietnamita Naman Retreat Hay

Nell’immagine vediamo il bar del resort, la cui particolare struttura è a forma iperboloide.

 

Altrettanto mozzafiato è il bar del Hay Hay Restaurant, un edificio di forma iperboloide galleggiante sull’acqua. Il bar del Resort presenta una struttura interna davvero particolare: i fasci di bambù hanno una forma avvitata culminante in una copertura in rattan.

 

Progettista: Vo Trong Nghia Architects

Luogo: Vietnam

Cronologia di realizzazione: 2015-2018

a cura di Fabiana Valentini

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/10/2018

Progetto italiano di casa green realizzata con una stampante 3D

3D Crane è il nome del nuovo sistema di stampa tridimensionale realizzato dall’azienda WASP di Massa Lombarda. Il nuovo modello è stato utilizzato per Gaia, la casa realizzata con terra cruda e scarti di lavorazione del riso.   a ...

08/10/2018

Come realizzare una casa sostenibile in soli 22 metri quadri

L’edilizia utilizza il 40% delle risorse naturali del pianeta e rappresenta oltre un terzo delle emissioni di gas serra. Per fronteggiare la situazione, Yale University con il supporto dell’UN Environment e dell’UN Habitat ha realizzato un ...

18/09/2018

A New York appartamenti futuristici firmati Zaha Hadid

Il progetto 520 West 28th Street è il palazzo futuristico firmato dall’architetto Zaha Hadid. Un edificio sbalorditivo, alto 11 piani, che sorge nelle vicinanze dell’affascinante High Line Park di  New York.   a cura di Tommaso ...

11/09/2018

Hong Kong ospiter Aero Hive, il grattacielo che respira

Lo studio di architettura Midori Architects ha vinto il premio Skyhive Skyscraper Challenge con il progetto futuristico Aero Hive. Due grattacieli progettati per adattarsi alle sfide del clima locale e ridurre la CO2 nell’aria.   a cura di ...

07/09/2018

Una villa ad alta efficienza energetica con SPA

A Brembio, in provincia di Lodi è in via di realizzazione uno dei primi progetti Ecolibera, con tetto fotovoltaico, piscina e SPA.    a cura di Silvia Giacometti     Ecolibera non è solo un progetto ma un concetto ...

07/09/2018

ZEPHIR Passivhaus Italia per la riqualificazione delle Torri di Madonna Bianca

Il Team di progettazione ZEPHIR Passivhaus Italia in collaborazione con gli Studi Bombasaro e Campomarzio ha vinto il concorso di progettazione di tre delle 11 torri di Villazzano che saranno riqualificate secondo la prospettiva nzeb e dell’efficienza ...

06/09/2018

Vivere in case ecosostenibili ricavate da vecchie navi mercantili

Marine Doc è il progetto che prevede la trasformazione delle vecchie navi fluviali mercantili in disuso, in nuove abitazioni di lusso ed eco sostenibili, completamente autonome dal punto di vista energetico.   a cura di Tommaso ...

05/09/2018

Alloggio temporaneo ad energia solare: sostenibilit ambientale e sociale

A Cambridge, un simpatico edificio del XIX secolo, che rischiava di essere demolito, è stato ristrutturato e trasformato in un alloggio alimentato ad energia solare a disposizione delle famiglie più bisognose. Il cuore del progetto? Puntare ...