IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Un hotel a emissioni zero, nel centro di Milano

Un hotel a emissioni zero, nel centro di Milano

"Ha 400 kW installati che non emettono un grammo di CO2 nell'aria di Milano", dice il dott. Fabrizio Maja, Divisional Manager di Mitsubishi Electric. E' l'Hotel Milano Scala. Aprirà nella primavera del 2010, in via dell'Orso, cioè nel nucleo originario di Brera, a Milano. In un'area di secolare fascino, ma intossicata da quel massimo di veleni che il centro della città, purtroppo, ospita da anni, nasce e apre il primo albergo milanese a emissioni zero (l'unico in Italia, e certo tra i pochi in Europa, in un centro storico di una grande città; giovedì 10 dicembre '09, intanto, sarà certificato il primo Hotel Clima dell'Alto Adige). 


L'Hotel Milano Scala sarà un luogo che testimonierà del riuscito e coraggioso sforzo di una rara intelligenza imprenditoriale: un albergo che risparmia energia e che riduce i costi, a favore di tutti. Maja lo dice inequivocabilmente: "Adesso sembra tutto semplice, perché siamo quasi all'inaugurazione. Questo progetto era partito, però, in modo tradizionale, perché tradizionale è nella mentalità di tutti scaldare l'acqua col fuoco. E ciò non può che produrre emissioni di CO2 nocive e far spendere più soldi del necessario". C'è una nuova tecnologia di Mitsubishi Electric, cioè la Hot Water System, a amministrare il funzionamento dell'avanguardistico progetto milanese: l'hotel si servirà di un sistema di climatizzazione, trattamento dell'aria e produzione di acqua calda a recupero di calore, interamente alimentato da energia elettrica (prodotta da fonti rinnovabili). L'energia impiegata per generare climatizzazione è recuperata da Hot Water System per produrre acqua calda, per uso sanitario (piscina, bagni, ristorante, SPA), e per il riscaldamento (a pavimento o a caloriferi), e con una produzione di CO2 in remoto (cioè non sul posto). Maja puntualizza, infatti, che "in questo progetto, in cui si è deciso di comprare energia ottenuta quasi interamente da fonti rinnovabili da Sorgenia, si sposta la produzione di CO2 in remoto. Si sarebbe potuta acquistare dove costava meno, ma si è scelta coerentemente e responsabilmente questa strada". "L'impianto della struttura di via dell'Orso è l'effetto di una nuova tecnologia Mitsubishi che è un po' il trionfo della pompa di calore", dice ancora Maja con efficace sintesi. Nell'hotel, dunque, non ci saranno caldaie. Il risparmio energetico, in un anno, sarà del 45%, se rapportato all'impiego di un sistema tradizionale, e si avrà una riduzione di 417,5 tonnellate all'anno di emissioni di CO2

Al progetto architettonico hanno collaborato lo studio CIBIC&PARTNERS, l'architetto Confino con lo studio LL.TT e l'architetto Sbriglione. E' Gaetano Sbriglioni a dire: "L'Hotel Milano Scala è stato realizzato partendo da un edificio residenziale della fine dell'800. Lo stabile storico è stato interamente svuotato. Si sono preservate, però, sia la facciata ottocentesca sia le pareti perimetrali. Cantiere con qualche complessità: si è dovuto operare uno scavo per una profondità di 17 metri lungo tutta la superficie del lotto, pur mantenendo in piedi la facciata esistente. L'edificio ha sette piani, per un totale di 62 camere, ognuna dedicata a una opera lirica, e una terrazza prospettante a 360° su Milano. Particolare attenzione è stata rivolta all'uso dei materiali isolanti dell'edificio, cioè all'involucro, per garantire un consistente risparmio energetico. Altra particolarità, oltre ai dispositivi Mitsubishi, è la presenza di un impianto di controllo e di gestione finalizzato alla sicurezza e all'ottimizzazione energetica che permette di calibrare le condizioni in ogni singolo ambiente, e di avere programmazioni orarie di temperatura. Anche l'impianto elettrico è votato al risparmio, con impianti di illuminazione a basso consumo. Non manca un sistema di controllo di building automation". "Vogliamo essere un riferimento anche per Milano. Vogliamo accogliere nei nostri spazi eventi, vogliamo essere il palcoscenico di situazioni per Brera e per Milano. E' possibile fare ospitalità alberghiera con valori nuovi": Vittorio Modena, ideatore del progetto. E prosegue: "Il Milano Scala è un hotel che racconta al cliente la storia della città. Abbiamo scelto il tema dell'opera e della musica classica, perché la cultura musicale è radicata a Milano per la presenza della Scala, che è a 3 minuti a piedi dall'hotel". La sala del ristorante ha dei muri con immagini che richiamano le arie d'opera. Le camere presentano fotografie a tutta parete riprese dagli archivi fotografici della Scala. I corridoi riproducono antiche decorazioni in uso nei teatri. "Non siamo un hotel che comunica la griffe di uno stilista noto o numeri roboanti (non abbiamo suite da centinaia di metri quadrati né prezzi di camera da migliaia di euro a notte), ma siamo un hotel che comunica delle diversità", dice Maurizio Faroldi, General manager dell'hotel. "E' ora che l'impresa alberghiera faccia la propria parte, e che comincino a farla le strutture di città. Non possiamo più pensare che l'albergo tragga il suo legittimo profitto a spese della salute, a spese dell'inquinamento locale e globale. Vorremmo condividere con i nostri ospiti questo nostro valore. Abbiamo la speranza di arrivare, in tempi brevi, a essere scelti per questo valore. Ci auguriamo che, in futuro, il rating possa essere attribuito anche guardando ai criteri della sostenibilità ambientale di un progetto. Non solo in base all'attrezzatura di un albergo (o ai metri quadri offerti)". 

Massimiliano Orsatti, Assessore al Turismo, Marketing Territoriale, Identità Comune di Milano: "Questo progetto è importante perché testimonia la grande attenzione che gli imprenditori riservano alla nostra città con iniziative che mantengono Milano tra le grandi realtà territoriali che sanno ancora produrre innovazione, proprio grazie all'attenzione di imprese private che vengono a operare sul nostro territorio. E' un'attrazione all'interno dell'attrazione Milano. Una perla in più nello scenario già molto ricco dell'hotelleriè milanese". 

Con pappagallesco stile, in giro per il mondo occidentale si costruiscono hotel uguali gli uni agli altri. Il conformismo architettonico replica ovunque, con artificiale dottrina, identici temi, anche nell'arredo. E, quel che è peggio, non sempre sono buoni temi: siamo avvezzi a claustrofobiche camere di lusso che sembrano camere oscure, laddove non filtra mai un raggio di sole. Il buon senso e la lungimiranza, fortunatamente, sono a volte prevalenti sul codice dell'abitudine. E dalla primavera 2010, a Milano, nel cuore di Brera, si godrà dell'espressione massima del buon senso architettonico, imprenditoriale e ambientale.
 

Fabrizio Parati
L'area lounge del nuovo Hotel Milano Scala
L'area dedicata alla libreria
Una camera tipo con l'impianto Mitsubishi Electric
La sala ristorante con l'impianto tubi di Mitsubishi Electric
Un corridoio tipo

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/12/2018

COP24: non trovare un accordo per il clima sarebbe un "suicidio"

Indice degli interventi

1. Non trovare un accordo per il clima sarebbe un "suicidio"
2. Una corretta azione per il clima potrebbe salvare un milione di vite
3. Il tempo per limitare il surriscaldamento sta per scadere
4. Fino ...

13/12/2018

La Camera approva la Legge di Bilancio, confermati Ecobonus e Sismabonus

La Camera nella seduta dell'8 dicembre ha approvato la Legge di Bilancio senza novità rispetto alle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica e di ristrutturazione edilizia     La Camera, con 312 voti a favore, ...

12/12/2018

La bioplastica che cattura la CO2

Due architetti italiani progettano soluzioni ispirate al bio-digital design. A Dublino, in occasione di un summit sul clima, hanno installato una facciata rivoluzionaria che cattura e immagazzina l’anidride carbonica grazie alla luce diurna e alle ...

12/12/2018

Sistema di monitoraggio delle emissioni antropogeniche di CO2

Copernicus è un programma dell'Unione Europea che ha l'obiettivo di sviluppare un sistema di monitoraggio delle emissioni di CO2 per aiutare i paesi a verificarne il controllo e la riduzione.     Come ormai ripetiamo quasi ...

11/12/2018

In pochi paesi politiche ambientali adeguate agli obiettivi dellAccordo di Parigi

Presentato a Katowice in occasione della COP24 il Rapporto Germanwatch sulle performance climatiche di 56 paesi. In pochi hanno attuato politiche coerenti con gli obiettivi fissati a Parigi, l'Italia 23esima perde posti     E' stato ...

10/12/2018

Ledificio per uffici pi sostenibile al mondo? Il Bullitt Center di Seattle

Realizzato quattro anni fa, il Bullitt Center di Seattle può vantare diverse tecnologie che l’hanno reso uno degli edifici più sostenibili al mondo. Certificato Living Building Challenge, per i prossimi 250 anni eviterà bollette ...

10/12/2018

Nel 2018 emissioni di CO2 in crescita dello 0,5%

Allarme IEA: Le emissioni di carbonio delle economie avanzate aumenteranno nel 2018 di circa lo 0,5% per la prima volta in cinque anni, invertendo la tendenza al ribasso     Secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia, sulla base degli ...

07/12/2018

Una foresta urbana a Treviso

A Treviso, di fronte al fiume Sile, dove un tempo sorgeva una struttura industriale in abbandono, lo studio Stefano Boeri Architetti ha realizzato un piccolo “bosco urbano” a misura della città   a cura di Claudia ...