Advertisement

Nuovo tetto fotovoltaico per la fiera del Levante

Alla Fiera del Levante è stato inaugurato nei giorni scorsi da Nichi Vendola Presidente della Regione Puglia, Francesco Schittulli Presidente Provincia di Bari, Gianfranco Viesti Presidente della Fiera del Levante, Alessandro Casale Consigliere Delegato Asja, Alessandro Ambrosi Presidente Camera di Commercio di Bari  un nuovo tetto fotovoltaico.
Si tratta di un impianto di concezione avanzata, un tetto solare totalmente integrato nella copertura esistente in cui il fotovoltaico è addirittura ‘calpestabile’ e fornisce – oltre all’energia rinnovabile e pulita che contribuirà a far funzionare gli edifici della Fiera – anche copertura all’edificio.
Un tetto grande quanto tre campi da calcio, capace di produrre circa 1.230.000 kiloWattora di elettricità l’anno e che permetterà di risparmiare 715 tonnellate di CO2 l’anno.
A progettare, realizzare e gestire l’innovativa copertura è Asja Ambiente Italia, azienda leader delle rinnovabili. “Si tratta – spiega Alessandro Casale, consigliere delegato Asja – di un impianto realizzato con modalità innovative, capaci di sfruttare al meglio le superfici architettoniche non utilizzate. Una tipologia di centrale fotovoltaica che non ha impatto paesaggistico e che rispetta tutte le sensibilità rispetto alla produzione su larga scala di energia solare. Fornirà l’energia sufficiente al fabbisogno domestico di elettricità di circa 1.200 persone all’anno “.
“La Fiera di Bari si sta trasformando tumultuosamente. Il nostro obiettivo – annuncia Gianfranco Viesti Presidente della Fiera del Levante – è quello di trasformare le strutture utilizzate finora solo in occasione degli eventi in un vero e proprio quartiere cittadino degli affari, della cultura, della tecnologia, continuamente aperto e a disposizione degli abitanti. Per farlo – conclude il Presidente della Fiera – occorre accogliere la sfida dell’innovazione e aprirsi, come per altre strutture regionali, alle nuove tecnologie nel campo della produzione energetica”.
Gli oltre 6.000 pannelli che costituiscono il tetto solare del nuovo padiglione della Fiera hanno la particolarità di essere flessibili e svolgono la doppia funzione di produzione di energia e di impermeabilizzazione del tetto. Ma soprattutto l’impianto sfrutta al meglio le superfici architettoniche altrimenti non utilizzate. Il BIPV (Building Integrated Photovoltaic) può rappresentare – per molti usi – il futuro del fotovoltaico.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Solare fotovoltaico

Articoli

TOTEM ENERGY

TOTEM ENERGY è una società del Gruppo Asja, leader in Italia nel settore delle rinnovabili e nella ...

Le ultime notizie sull’argomento