Pubblicata dal GSE la graduatoria dei registri del Conto Termico

On line la graduatoria dei Registri del Conto Termico per Pubbliche Amministrazioni e Privati

Il GSE ha pubblicato sul proprio sito le graduatoria degli interventi iscritti ai Registri del Conto Termico (D.M. 28 dicembre 2012), divisi tra Pubbliche Amministrazioni e Privati, relativi agli interventi per l’installazione di pompe di calore con potenza termica nominale complessiva superiore a 500 kW e fino a 1.000 kW e impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati a biomasse con potenza termica nominale complessiva superiore a 500 kW e fino a 1.000 kW.

I progetti finanziati sono in tutto dieci, tre per le PA e 7 per i Privati, la spesa annua relativa agli interventi ammessi in graduatoria è pari a 85.408,57 euro per gli interventi realizzati dalle Pubbliche Amministrazioni e a 194.247,00 euro per quelli realizzati da Soggetti Privati. E’ pubblicato anche l’elenco degli interventi esclusi, i cui titolari riceveranno una specifica comunicazione recante i motivi di esclusione.

In seguito alla verifica del rispetto di tutti i requisiti previsti dal quadro normativo e regolamentare di riferimento verrà erogato l’incentivo: il Gestore dei servizi energetici ricorda infatti che l’ammissione in graduatoria non garantisce l’accesso agli incentivi. Inoltre è obbligatorio che le caratteristiche generali dell’intervento, dichiarate nell’ambito della richiesta di iscrizione al Registro, siano rispettate in fase di realizzazione, pena la decadenza dall’iscrizione al Registro e/o la mancata ammissione agli incentivi.

Il GSE ricorda inoltre che le richieste di incentivazione devono essere inviate esclusivamente servendosi del Portaltermico tramite le funzionalità dedicate agli interventi iscritti al Registro che il Gse renderà a breve disponibili. Il Soggetto Responsabile deve presentare la richiesta di accesso agli incentivi entro 60 giorni dalla conclusione dell’intervento o, per gli interventi già conclusi, entro 60 giorni dalla data in cui il GSE renderà disponibili le funzionalità del Portaltermico dedicate alla presentazione delle richieste di incentivazione per gli interventi iscritti al registro, pena la non ammissibilità agli incentivi.

Gli interventi, invece, devono essere realizzati entro dodici mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria, pena la decurtazione del coefficiente di valorizzazione di riferimento, previsto all’Allegato II del Decreto, del 5% per ogni mese di ritardo rispetto al predetto termine, nel limite massimo di 6 mesi di ritardo.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Solare termico

Le ultime notizie sull’argomento