Silvestrini, più risparmio investendo nell’edilizia

"E' finita l'era dell'energia a prezzi stracciati. I cambiamenti climatici e gli impegni presi dal nostro paese nel protocollo di Kyoto impongono misure urgenti ed efficaci. Si puo' fare tantissimo nel settore dell'edilizia. E la casa a zero emissioni costruita grazie all'impegno di realta' piccole come quella della comunita' marchigiana Loccioni ne rappresenta un esempio concreto''.

Lo ha detto Gianni Silvestrini, ingegnere e direttore scientifico del Kyoto Club, in occasione della presentazione del progetto 'Leaf House' messo a punto dalla Leaf Community Loccioni, insieme a Enel e a Wirphool.

''La casa a zero emissioni – ha spiegato Silvestrini – rappresenta un evento unico in Italia e raro nel mondo. Ma e' chiaro che per riuscire a sostenere il crescente fabbisogno energetico mondiale, e il conseguente aumento del prezzo del combustibile, bisogna impossessarsi dell'energia. Riuscire in questa impresa significa avere le chiavi del futuro''.

L'ingegnere ha poi illustrato le scelte fatte da altri paesi europei: ''La Spagna e' partita dopo di noi, ma ci ha gia' superato. La Gran Bretagna ha deciso ben un anno fa di raggiungere un obiettivo importante nel settore dell'edilizia. In pratica, entro il 2016 gli inglesi hanno deciso di costruire soltanto edifici come quello fatto da Loccioni''.

Per Silvestrini, infatti, investire nell'edilizia puo' portare alla rapida riduzione dei consumi e al conseguente risparmio di emissioni nell'ambiente, oltre a frenare la crescita del prezzo del petrolio.

''In Italia si sta accelerando nel campo dell'edilizia. Peccato che non succeda la stessa cosa nel settore dei trasporti'', ha concluso Silvestrini.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Architettura sostenibile, Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento